Materie prime. Il presidente di Federmeccanica lancia l'allarme: è una "bomba ad orologeria"

Materie prime. Il presidente di Federmeccanica lancia l'allarme: è una "bomba ad orologeria"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Immagino sappiate che nel mondo tutte le materie prime sono rincarate. Non ci voleva un genio per capirlo, nel 2020 la Cina fece incetta di materie prime ed è per questo che non crollarono del tutto. Oggi la Cina registra un tasso di +35% su anno nella produzione industriale.

Due giorni fa gli Usa hanno approvato uno stimolo di 1900 miliardi e chiaramente si sta surriscaldando il commercio mondiale.

Immagino sappiate anche che quel genio di Prodi chiuse l'Italsider di Bagnoli per volere dell'Ue. Si sa, i napoletani sono lavativi, pensano alle partite e alle donne, invece di lavorare. Poi venne la volta di Piombino e di altre realtà. Oggi, sul Corriere, il presidente di Federmeccanica Dal Poz parla di "bomba ad orologeria".

Perché? Perché in Europa soffrono dei rincari delle materie prime a cui si associa una "domanda debole", contrariamente a Usa e Cina, dunque non possono scaricare i rincari a valle, facendo diminuire i margini. Non spiega perché in Europa c'è "domanda debole", altrimenti dovrebbe ammettere che decenni di deflazione salariale hanno fatto scomparire il mercato interno europeo. Cosa propone Dal Poz? "Intanto evitare che l'import di acciaio sia assoggettato a dazi e soprattutto non mollare la produzione siderurgica italiana. Se dovessimo dipendere eccessivamente dall'estero ne verrebbe minata la competitività dell'intera filiera". I lavoratori dell'Italsider di Napoli, dopo 35 anni, ringraziano. Mi raccomando Dal Poz, lei e gli industriali continuate ad avere come faro l'Ue e gente come Prodi.

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti