Lukashenko ha affermato che l'Ucraina offre alla Bielorussia un patto di non aggressione

Lukashenko ha affermato che l'Ucraina offre alla Bielorussia un patto di non aggressione

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'Ucraina offre alla Bielorussia di firmare un patto di non aggressione, mentre contemporaneamente addestra militanti che rappresentano una potenziale minaccia per la sicurezza nazionale della Bielorussia, ha dichiarato il presidente bielorusso Alexander Lukashenko.

"Non so perché gli ucraini abbiano bisogno di questo. Da un lato, ci chiedono di non combattere l'Ucraina in nessun caso, di non spostare le nostre forze nel loro territorio. Ci offrono di firmare un patto di non aggressione. Dall'altro, cucinano questa miscela esplosiva e armano i militanti", ha affermato Lukashenko durante l'incontro sulla situazione sociale e politica e sulla criminalità nella Repubblica di Bielorussia, secondo quanto riportato dall’agenzia BelTA.

Lukashenko ritiene che "Polonia e Lituania, nel frattempo, siano diventate completamente pazze".

"A cosa gli serve creare minacce? Non ne ho idea. Quindi dobbiamo rispondere con fermezza", ha detto. "Abbiamo già abbastanza problemi nel nostro perimetro - sia nello spazio aereo che a terra, il (cosiddetto) confine verde. Abbiamo abbastanza problemi in quella zona. Che Dio ci aiuti a tenere tutto questo", ha affermato il Presidente bielorusso.

Già nella giornata di ieri il leader bielorusso aveva denunciato che "un gruppo di formazioni armate degli Stati confinanti dell'Unione Europea e dell'Ucraina" è concentrato vicino al confine bielorusso - circa 23,5 mila persone, di cui 17,2 mila dall'Ucraina e 3,7 mila dalla Polonia. 

In occasione di un incontro con il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov tenuto questa settimana, aveva inoltre affermato che "i vicini occidentali stanno cercando di usare l'Ucraina contro la Bielorussia", ma il Paese sta "tenendo duro fino ad ora e non si lascia andare a provocazioni". 

Le relazioni tra Minsk e Kiev si sono deteriorate nel 2020, quando Volodymyr Zelenski non si è presentato al forum delle regioni dei due Paesi, previsto in Bielorussia. L'Ucraina è uno dei Paesi che Minsk ha accusato, insieme ai Paesi occidentali, di interferire nei suoi affari interni e di coordinare le proteste golpiste iniziate dopo le elezioni presidenziali dal suo territorio.

Lukashenko ha più volte ribadito che Minsk non vuole entrare in guerra in Ucraina, non ci sono soldati bielorussi pronti a combattere il regime di Kiev, ma il Paese viene trascinato nel conflitto.

Riguardo a quanto accaduto nel 2020 con il tentato regime change ai suoi danni, Lukashenko ha affermato che se la Bielorussia non avesse tenuto duro, oggi il Paese sarebbe messo peggio dell'Ucraina. 

"Alcuni sono in agguato. Alcuni sono molto espliciti sulle loro posizioni. Noi rispondiamo con durezza. Gli eventi del 2020 non si ripeteranno. È un male che la situazione nel Paese sia tale, soprattutto per quanto riguarda la cara Ucraina. Ma questa è una lezione per tutti i dieci milioni di bielorussi e per le persone che ci visitano. Tutti hanno già capito: se non fossimo sopravvissuti agli eventi del 2020, il Paese sarebbe stato peggiore dell'Ucraina. L'Ucraina è un Paese ricco, più ricco della Bielorussia. Qui le cose sarebbero andate peggio. Non voglio che la gente ci ringrazi all'infinito, ma tutti capiscono perché e grazie a chi il Paese è sopravvissuto. Visto tutto quello che è successo, c'è ancora qualcuno che persiste in questa brutta faccenda della lotta contro il popolo e contro il governo... Ma alcuni si guardano bene dall'agire apertamente. Che risposta si aspettano da noi?", ha chiesto retoricamente il presidente.

"Naturalmente reagiremo con durezza a tutto questo. Non permetteremo mai che gli eventi del 2020 si ripetano. La pandemia e altri problemi, le questioni pre-elettorali ed elettorali hanno giocato il loro ruolo, ma questa non è una scusa. Dobbiamo unirci ora per sopravvivere ed evitare la guerra”, ha concluso Lukashenko. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

I più fessi d'Europa di Gilberto Trombetta I più fessi d'Europa

I più fessi d'Europa

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti