Lotta al Covid-19: lo Zimbabwe ringrazia la Cina e la Russia per i vaccini

Lotta al Covid-19: lo Zimbabwe ringrazia la Cina e la Russia per i vaccini

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La vita potrà tornare alla normalità solo una volta che la maggioranza degli zimbabwani sarà stata vaccinata. Questo è l'obiettivo finale. Grazie sia alla Cina che alla Russia per la loro donazione di vaccini COVID-19 alla popolazione dello Zimbabwe. La vostra generosità durante questo periodo buio non sarà dimenticata".

Con queste parole Emmerson Mnangagwa, presidente dello Zimbabwe ha pubblicamente ringraziato ieri dal suo profilo Twitter, la Russia e la Cina per il loro supporto in chiave anti-pandemica.

 

 

Proprio la Cina ha inserito lo Zimbabwe tra i primi tre paesi africani che riceveranno dosi gratuite del proprio vaccino.

La donazione include 200.000 vaccini Sinopharm COVID-19 che dovrebbero arrivare nel paese africano entro il 15 febbraio; il primo lotto dei 600.000 vaccini, quest'ultimo acquistato, dovrebbe arrivare invece, sempre dalla Cina, la prima settimana di marzo, secondo quanto riferito nei giorni scorsi dal ministro dell'Informazione, Monica Mutsvangwa.

Mutsvangwa ha anche affermato che lo Zimbabwe sta contestualmente negoziando con la Russia in relazione all'acquisto dei vaccini Sputnik.

Anche l'India dal canto suo, avrebbe poi offerto donazioni gratuite e opzioni commerciali sul vaccino.

Complessivamente per acquisire i vaccini sono stati stanziati 100 milioni di dollari USA.

Secondo quanto divulgato dal governo, il Paese ha già messo a punto una strategia di distribuzione che dovrebbe portare ad almeno 9 milioni le persone vaccinate, circa il 60% della popolazione.

Lo Zimbabwe ha finora ufficialmente segnalato 34.864 casi confermati di virus e 1.364 decessi, la maggior parte dei quali registrati dall'inizio di quest'anno.

 

Francesco Fustaneo

Francesco Fustaneo

Laureato in Scienze Economiche e Finanziarie presso l'Università degli Studi di Palermo.
Giornalista pubblicista dal 2014, ha scritto su diverse testate giornalistiche e riviste tra cui l'AntiDiplomatico, Contropiano, Marx21, Quotidiano online del Giornale di Sicilia. 
Si interessa di geopolitica, politica italiana, economia e mondo sindacale

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli