L'FBI ferma e interroga il famoso storico ebreo Ilan Pappe all'aeroporto di Detroit

L'FBI ferma e interroga il famoso storico ebreo Ilan Pappe all'aeroporto di Detroit

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Ilan Pappe, illustre filosofo e storico ebreo, ha raccontato in un post su Facebook di essere stato trattenuto dall'FBI per due ore, durante le quali il suo telefono è stato sequestrato e lui è stato sottoposto a una serie di domande con tono interrogatorio.

Nonostante l’accaduto, Pappe non ha descritto gli investigatori come violenti, ma ha notato che le loro domande sono state "davvero fuori dal mondo", toccando argomenti come il suo punto di vista sulle azioni israeliane a Gaza e le sue relazioni con individui arabi e musulmani negli Stati uniti d’America.

"Chi sono i miei amici arabi e musulmani degli Stati Uniti... da quanto tempo li conosco, che tipo di rapporto ho con loro", è stata una delle domande rivolte a Pappe.

Un'altra domanda, ha indicato, è stata: "Sono un sostenitore di Hamas? Considero le azioni israeliane a Gaza un genocidio? Qual è la soluzione al "conflitto" [hanno chiesto seriamente questo!]".

Facendo riferimento al chirurgo palestinese-britannico Dr. Ghassan Abu Sitta, ha scritto nel suo post su Facebook: "So che molti di voi hanno avuto esperienze ben peggiori, ma dopo che Francia e Germania hanno negato l'ingresso al rettore dell'università di Glasgow perché palestinese... Dio solo sa cosa succederà dopo".

L'incidente ha scatenato speculazioni sulle motivazioni del suo interrogatorio, con Pappe che suggerisce che potrebbe essere stato influenzato da pressioni di lobbisti filo-israeliani o da "Israele" stesso.

Non si tratta del primo ‘incidente’ per Ilan Pappe. In un articolo intitolato "Why Haifa University Cancelled My Conference" (Perché l'Università di Haifa ha cancellato la mia conferenza), pubblicato da History News Network, Ilan Pappe ha descritto la brusca cancellazione di una conferenza sui recenti sviluppi della storiografia israeliana e palestinese riguardo alla guerra del 1948 e alla Nakba.

Il 22 maggio, alle 14:00, i partecipanti sono arrivati all'aula 715 dell'università solo per trovare le porte chiuse. Hanno invece incontrato il capo delle forze di sicurezza e dieci subordinati armati, che hanno impedito l'ingresso. A Pappe è stata consegnata personalmente una lettera del Presidente dell'Università Yehuda Hayut che lo accusava di aver presumibilmente violato il codice universitario e di aver quindi annullato l'evento.

A questa scena hanno assistito la moglie e i colleghi di Pappe, che si sono sentiti impotenti di fronte all'evolversi della situazione. Secondo Pappe, questo incidente è indicativo di un modello più ampio di soppressione dei diritti civili e umani fondamentali all'interno di "Israele". Ha affermato che l'atmosfera del campus rispecchia la più ampia erosione dei diritti, esemplificata dall'uccisione di giornalisti e dalla repressione contro gli attivisti per i diritti umani in Cisgiordania.

"Questo non è un evento isolato. Fa parte di una realtà quotidiana nel campus che riflette e rappresenta il declino generale dei diritti civili e umani di base in Israele. Gli spari ai giornalisti e l'assassinio degli attivisti per i diritti umani in Cisgiordania, da un lato, e il regno del terrore e dell'intimidazione nel campus, dall'altro, sono parte integrante dello stesso fenomeno", ha scritto.

Inoltre, Ilan Pappe ha esortato i lettori a esprimere la loro indignazione e la loro protesta contro le attuali tendenze e ideologie in "Israele", non solo per il suo bene, ma per il bene di tutti coloro che sono vittime di queste politiche. Ha sottolineato che i palestinesi che vivono sotto occupazione, la minoranza all'interno di "Israele" e le poche voci dissenzienti all'interno della società ebraica sono particolarmente vulnerabili al clima attuale.
 
"Come in passato, vi chiedo di esprimere la vostra indignazione e protesta e di reagire in qualsiasi modo riteniate opportuno, non per il mio bene, ma per il bene di tutti coloro che sono vittime delle attuali tendenze e ideologie nello Stato di Israele: i palestinesi sotto occupazione, la minoranza all'interno del Paese e le poche voci dissenzienti all'interno della società ebraica. Una voce del genere, alla fine, sarà un contributo prezioso alla pace e alla riconciliazione in Medio Oriente", si legge nella conclusione del suo articolo riportato dall’emittente Al Mayadeen.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti