La rimozione di Odessa. Questo è il nazismo, non lo dobbiamo dimenticare

La rimozione di Odessa. Questo è il nazismo, non lo dobbiamo dimenticare

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il meccanismo della rimozione nella psiche individuale serve ad allontanare ciò che risulta penoso e insopportabile.

A livello di fenomenologia di massa, a sette anni dal massacro di Odessa, uno dei rischi è quello di una rimozione non solo individuale, ma anche collettiva, di quanto commesso dai criminali nazisti del Settore Destro (Pravy Sektor), il 2 maggio 2014 nella città sul Mar Nero.

A oggi infatti, quasi nessuno ricorda questo tragico avvenimento.

Contro questa rimozione, e in memoria delle vittime della strage in cui furono uccisi, stando alle fonti ufficiali, almeno quarantotto antifascisti, durante l’incendio appiccato nella Casa dei Sindacati, pubblico un passaggio significativo estratto da un’intervista rilasciatami, nel 2016, da un sopravvissuto della strage: “Dietro l’edificio (la Casa dei Sindacati, n.d.a.), all’interno, c’è un piccolo cortile, e vedevo la gente gettarsi dalle finestre per salvarsi dal fuoco. Dal punto in cui guardavo io non riuscivo a capire da quale piano le persone si gettassero, se dal terzo o dal quarto. Ma si lanciavano e cadevano sull’asfalto. Lì venivano raggiunte da quelli di Pravy Sektor che con i manganelli gli fracassavano la testa gridando Gloria all’Ucraina. Erano bene organizzati, e lo posso dire perché ho visto io stesso quel che accadeva nel cortile interno.

C’erano al massimo otto, dieci persone che eseguivano con precisione i comandi di un capo che dava indicazioni. Quando le persone hanno iniziato a gettarsi dall’edificio, loro le finivano. Ho visto con i miei occhi come lui desse gli ordini e loro trascinassero via le persone. Solo dopo sono arrivati i pompieri”.

Questo è il nazismo. Il nazismo è un crimine. Non lo dobbiamo dimenticare.

 

Sara Reginella

Sara Reginella

Psicologa a indirizzo clinico e giuridico, psicoterapeuta, regista e autrice di reportage di guerra. I suoi lavori integrano l’interesse per le dinamiche psicologiche con l’attenzione per l’attualità e uno sguardo che mai dimentica le frange socialmente più vulnerabili.

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

In fiamme il Parlamento libico di Michelangelo Severgnini In fiamme il Parlamento libico

In fiamme il Parlamento libico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti