La Cina e il salario sociale di classe

La Cina e il salario sociale di classe

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La notizia è apparsa stanotte su China Daily. Il Premier cinese ha dato mandato di accellerare la dismissione degli oneri sociali per le imprese pubbliche. Esse garantivano ai dipendenti e alle comunita ospedali, scuole, servizi di assistenza. Ora verranno gestite secondo un'ottica di servizio pubblico. La decisione era già stata presa nel 2015 ma non attuata. Non sappiamo se questa misura faccia parte di un contesto più ampio di creare un servizio universale per la sanità, sull'esempio della riforma Anselmi. Certo è che il governo, dallo scoppio dell'pandemia, ha posto al centro la costruzione di una rete di sicurezza sociale ,inclusa la sanità. Notizie non pervengono su questo campo, ma la decisione di ieri ha un significato preciso: 1) d'ora in poi le imprese pubbliche non avranno questi oneri sociali e si potranno focalizzare sulla competitività; 2) qualora queste funzioni venissero attribuite al pubblico sarebbe un altro tassello del salario sociale globale di classe che si sta implementando a partire dal 2008.

Iniziarono con la costruzione di decine di milioni di alloggi pubblici, poi la reflazione salariale e la legge sul lavoro del 2008 che dava molte garanzie ai lavoratori. 4 mesi fa il governo decise di obbligare le assicurazioni e i fondi pensioni (la sanità è fatta da assicurazioni e un mese fa il governo si è attribuito il costo economico dei restanti 300 milioni, migranti, che non l'avevano) a investire i loro patrimoni nella creazione di una vasta rete di alloggi popolari a prezzo calmierato, come fece Fanfani nel 1953 con Inail e Inps. In questo lasso di tempo c'è da aggiungere gli sgravi fiscali per i lavoratori (fino a 700 euro mensili non pagano nessuna tassa, dopo la tassazione e minima), i bonus per l'istruzione, la sanità e la cura degli anziani.

Il welfare cinese si incastra con la strategia della "doppia circolazione" con un forte, maggior peso del mercato interno. Un'ultima osservazione. E' noto la ferocia con cui da un anno e mezzo le economie occidentali fanno la guerra al capitale commerciale, ai commercianti e al lavoro autonomo, per favorire multinazionali come Amazon. Ebbene, qualche giorno fa è apparsa la notizia che il governo cinese non farà pagare l'Iva a tutti quei soggetti economici che fatturano 19 mila euro al mese. Ciò implica aumentare la fascia di classe media nei servizi, nei piccoli dettaglianti e nei lavoratori autonomi. Con gran franchezza: non capisco perchè l'Occidente, facendo l'opposto, volga l'azione al suicidio. Manca la cultura economica, e forse c'è anche molta stupidità in chi comanda.

Pasquale Cicalese

Pasquale Cicalese

 

Economista. Nato a Crotone, laureato in Scienze Politiche. Sposato con Stefania, ha due figli, David e Dario. È impiegato alla Regione Calabria. Autore di "Piano contro mercato. Per un salario sociale di classe" (L.A.D., 2020)
 

Potrebbe anche interessarti

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

La Stampa parla apertamente di "governo militare" di Thomas Fazi La Stampa parla apertamente di "governo militare"

La Stampa parla apertamente di "governo militare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare" di Antonio Di Siena L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti