La campagna elettorale brasiliana si apre ufficialmente: Lula favorito

La campagna elettorale brasiliana si apre ufficialmente: Lula favorito

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Brasile ha dato ufficialmente il via alla campagna elettorale per le elezioni generali di ottobre, che vedono come principali rivali l'ex presidente Luiz Inácio Lula da Silva e l'attuale presidente Jair Bolsonaro.

A partire dal 16 agosto, i candidati possono utilizzare annunci pubblicitari sulla carta stampata e sui portali digitali, utilizzare altoparlanti (fino al 1° ottobre), tenere comizi (fino al 29 settembre), distribuire materiale grafico e marce o manifestazioni pubbliche.

Per questa elezione ci sono 12 candidati presidenziali registrati che cercheranno di convincere oltre 156 milioni di elettori dei loro progetti per il Brasile.

Il primo turno di queste elezioni si terrà il 2 ottobre. Se nessuno dei candidati raggiunge il 50% più uno dei voti, il 30 ottobre si terrà un secondo turno.

Secondo i sondaggi, Lula da Silva, che è stato presidente del Brasile dal 2003 al 2010 e ora è in corsa per il Partito dei Lavoratori, è in vantaggio su Jair Bolsonaro, che cerca la rielezione.

Nella scorsa elezione Lula era favorito come adesso, ma con una serie di manovre giudiziarie fu estromesso ingiustamente, come comprovato da successive indagini che hanno scagionato l’ex presidente da tutte le accuse. 

Il compagno di corsa di Lula è l'ex governatore di San Paolo Geraldo Alckmin.

L'ex presidente ha il sostegno del movimento Vamos Juntos Por Brasil, che riunisce sette partiti politici, sette centrali sindacali e movimenti sociali.

Secondo l’ultimo sondaggio condotto da Ipec, pubblicato lunedì e citato da G1, Lula ha il 44% dei voti, mentre Bolsonaro il 32%.

Lula, storico leader del Partito dei Lavoratori (PT), ha iniziato la sua campagna pubblicando messaggi sui suoi social network. “Amici miei. La nostra campagna verso la vittoria inizia ufficialmente ora. Dicono che basta un passo per non essere più nello stesso posto. Abbiamo fatto molta strada e se siamo arrivati fin qui è perché non sono riusciti a toglierci la speranza. Ora è il momento di andare oltre", ha scritto sul suo account Twitter.

L'ex presidente ha espresso il desiderio di percorrere l'intero Paese, "da nord a sud e da est a ovest", durante la campagna elettorale. "Ricostruiremo il Brasile insieme", ha aggiunto.

Tuttavia, Lula riconosce che il Brasile è immenso, quindi ha chiesto aiuto ai suoi sostenitori affinché siano le sue "gambe" e la sua "voce" per diffondere il messaggio che vuole dare loro.

Il 76enne candidato del Partito dei Lavoratori (PT) ha anche pubblicato un video in cui chiede il voto per "cambiare di nuovo la vita del popolo".

"La fame è tornata, l'inflazione spaventa le famiglie e il salario minimo non è sufficiente a pagare un paniere di beni di base. Avremo molto lavoro da fare per ricostruire questo Paese", ha dichiarato l'ex presidente.
 
Il primo impegno elettorale di Lula è altamente simbolico. L’ex presidente presso una fabbrica di automobili incontra  i lavoratori dell'area metropolitana di San Paolo, la regione in cui ha iniziato a costruire la sua carriera politica come leader sindacale.

Oltre a Lula e Bolsonaro, i candidati più importanti e con le maggiori possibilità di vittoria, ci sono altri dieci aspiranti presidenti che hanno registrato le loro candidature presso il Tribunale Superiore Elettorale (TSE), secondo quanto comunicato lunedì dall'organismo. Questi sono:

    Ciro Gomes, del Partito Democratico del Lavoro (PDT).
    Felipe D'Avila, del partito Novo.
    José Maria Eymael, per il Partito della Democrazia Cristiana (DC).
    Léo Péricles, per Unità Popolare (UP).
    Pablo Marçal, per il Partito Repubblicano dell'Ordine Sociale (PROS).
    Roberto Jefferson, del Partito Laburista Brasiliano (PTB).
    Simone Tebet, per la coalizione Brasile per tutti.
    Sofia Manzano, per il Partito Comunista Brasiliano (PCB).
    Soraya Thronicke, per il partito Unione Brasile.
    Vera Lúcia Salgado, per il Partito Socialista Operaio Unificato (PSTU). 

Il primo turno delle elezioni si terrà il 2 ottobre. Se nessuno dei candidati raggiungerà il 50% dei voti più 1 richiesto per vincere, si andrà al ballottaggio, che si terrà il 30 ottobre.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra