Kiev non ha gradito l’assistenza USA a Israele nel campo della difesa aerea

Kiev non ha gradito l’assistenza USA a Israele nel campo della difesa aerea

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La leadership ucraina ha reagito "con fastidio" alle azioni degli Stati Uniti e dei suoi alleati, che lo scorso fine settimana hanno aiutato Israele a difendersi da un attacco su larga scala da parte dell'Iran, distruggendo una parte significativa dei missili e dei droni lanciati dalle forze iraniane, ha riportato il Wall Street Journal.

Secondo il quotidiano statunitense, sebbene i funzionari ucraini si siano generalmente astenuti dal criticare direttamente Washington, lo stesso Vladimir Zelensky ha affermato che le decisioni degli alleati di Israele hanno dimostrato come una difesa efficace contro il "terrore" possa essere fornita dall'"unità" e ha sottolineato che "il terrore deve essere sconfitto completamente e ovunque, non da qualche parte in più e da qualche parte in meno".

Altri osservatori sono stati molto meno diplomatici, con l'ex ambasciatore statunitense in Ucraina John Herbst che ha affermato che Washington non può fornire a Kiev lo stesso livello di protezione di Israele solo per "timidezza", menzionando che il presidente statunitense Joe Biden ha chiaramente "paura" di Vladimir Putin.

Secondo il WSJ, l'amministrazione del Presidente Biden è convinta di adottare il giusto approccio al conflitto ucraino, visti i rischi di una sua escalation.

Secondo quanto sostiene l'editoriale del WSJ, la reazione dei Paesi occidentali all'attacco iraniano ha effettivamente dimostrato che il sostegno occidentale all'Ucraina ha alcuni limiti. In precedenza, l'Occidente ha dovuto razionare attentamente l'assistenza a Kiev per evitare un conflitto diretto con la Russia e per non provocarla a un'azione più decisa.

Inoltre, Israele, che non è un membro della NATO, ha mantenuto per decenni una partnership di difesa unica con gli Stati Uniti, grazie al lavoro attivo dei lobbisti filo-israeliani negli Stati Uniti, scrive l'autore. Alcuni degli sponsor di Kiev in Occidente hanno suggerito in passato di estendere il modello israeliano all'Ucraina, ma la questione non è andata oltre le dichiarazioni, anche perché un tale sforzo richiederebbe un livello di coinvolgimento che nessuna potenza occidentale seria è pronta a fornire.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo di Marinella Mondaini "Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La dittatura del pensiero liberal di Giuseppe Giannini La dittatura del pensiero liberal

La dittatura del pensiero liberal

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?) di Gilberto Trombetta Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario di Andrea Puccio Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti