Il Venezuela continua il percorso diplomatico: 9 azioni di Maduro per risolvere la disputa con la Guyana

Il Venezuela continua il percorso diplomatico: 9 azioni di Maduro per risolvere la disputa con la Guyana

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dopo la grande affermazione ottenuta con il referendum e il mandato popolare ricevuto per risolvere definitivamente la disputa con la Guyana e recuperare il territorio dell’Esequibo, il presidente venezuelano Maduro ha illustrato i prossimi passi che compirà il paese sudamericano. 

Il Presidente del Venezuela, accompagnato dal Consiglio di Stato, dal Consiglio di Difesa Nazionale e dal Consiglio Federale di Governo, ha annunciato nove importanti azioni che metteranno in pratica quanto approvato con il referendum consultivo. 

"Mi assumo la responsabilità di una serie di azioni e decisioni che sto annunciando", ha dichiarato il leader bolivariano. 

Queste le decisioni prese:

"Creazione di un nuovo Alto Commissariato per la Difesa della Guyana Esequiba, ampio e integrato dal Consiglio Nazionale di Difesa, dal Consiglio Federale di Governo, dal Consiglio Nazionale di Sicurezza e da tutti i settori politici, religiosi e accademici, in particolare le università del Paese. Sarà coordinato dalla dottoressa Delcy Rodríguez".

"Attivare immediatamente il dibattito nell'Assemblea Nazionale, la creazione della Legge Organica per la creazione della Guyana Esequiba, e l'attuazione delle 5 decisioni prese dal popolo venezuelano: i 5 sì, in ciascuna delle loro parti".

Maduro ha consegnato a Jorge Rodríguez, presidente dell'Assemblea Nazionale, la Legge Organica per la Difesa della Guyana Esequiba, per regolare la creazione dello Stato della Guyana Esequiba e tutte le decisioni di domenica scorsa; Rodríguez ha sottolineato che questo mercoledì, 6 dicembre, l'Assemblea Nazionale si riunirà per approvare la legge in prima discussione.

"La Guyana deve sapere che noi risolviamo questo problema con le buone o con le cattive. Perché questa sarà una legge organica per tutti i governi e le generazioni a venire, per i decenni di questo secolo e oltre. La Guyana deve saperlo! Legge organica per la difesa della Guyana Esequiba!", ha esclamato il Presidente Maduro.

Viene quindi creata la Zona di Difesa Integrale (Zodi) Guyana Esequiba, con tre aree di sviluppo integrale e 28 settori di sviluppo integrale della Guyana Esequiba, militarmente e amministrativamente dipendenti dalla Regione di Difesa Integrale (Redi) Guyana.

Mentre la legge è in fase di discussione, questa zona di difesa integrale avrà il suo quartier generale militare e amministrativo a Tumeremo, una località del municipio di Sifontes dello Stato di Bolivar, situata a 75 chilometri dal confine con la Guyana Esequiba. Maduro ha nominato il Maggiore Generale Rodríguez Cabello come unica autorità per la Guyana Esequiba, che avrà la sua sede politica e amministrativa a Tumeremo.

Maduro ha ordinato a Petróleros de Venezuela (PDVSA) e alla Corporación Venezolana de Guyana (CVG) di creare le divisioni PDVSA-Esequibo e CVG-Esequibo e di procedere immediatamente alla concessione di licenze operative per l'esplorazione di petrolio, gas e miniere in tutta l'area della Guyana Esequiba.

Ha inoltre ordinato di portare in tutte le scuole, licei e università del Paese la nuova mappa del Venezuela con la decisione di domenica 3 dicembre: "Non la mappa rigata, ma la mappa completa, una mappa amata e dipinta da diverse generazioni".


Inoltre Maduro ha ordinato l'attivazione di un piano di attenzione umana e sociale a tutta la popolazione della Guyana Esequiba, la realizzazione di un censimento, l'inizio della consegna delle carte d'identità e l'apertura di un ufficio del Saime (Servizio Amministrativo di Identificazione, Migrazione e Stranieri) a Tumeremo, per dirigere il processo di identità per gli abitanti.

Il presidente bolivariano ha poi proposto la stesura di una legge, dopo l'approvazione della Legge Organica per l'Esequibo, che proibisca la contrattazione delle imprese che operano o collaborano nelle concessioni unilaterali date dalla Guyana nel mare da delimitare, e che sia fatta con una legge speciale. A tutte queste società dovrebbero essere concessi tre mesi di tempo per ritirarsi dal mare da delimitare. "Siamo aperti al dialogo. In tempi buoni, tutto! In quelli cattivi, niente. Rispetto del diritto internazionale, delle leggi, del buon vicinato, della convivenza".

Il presidente Maduro ha anche toccato la questione ambientale. "Hanno distrutto una delle aree più belle della biodiversità sudamericana e caraibica. L'hanno smembrata e merita un piano speciale per il suo recupero". Ha proposto una legge speciale, decretando aree di protezione ambientale nella Guyana Esequiba e parchi nazionali protetti, che sarebbero centri di turismo, biodiversità e fauna selvatica.

In sintesi, la recenti affermazioni del presidente Maduro e il chiaro impegno del Venezuela nella risoluzione della controversia sull'Esequibo con la Guyana attraverso vie diplomatiche indicano una volontà ferma di affrontare la questione in modo strutturato e pacifico. Le nove azioni delineate, dalla creazione di istituzioni specifiche alla proposta di leggi organiche, dimostrano un approccio strategico e responsabile da parte del governo venezuelano.

L'istituzione della Zona di Difesa Integrale e l'ordine di esplorare le risorse nella Guyana Esequiba riflettono la determinazione del Venezuela nel difendere i propri interessi territoriali e economici. Allo stesso tempo, l'attenzione alle questioni sociali ed umane, come il censimento e la distribuzione di carte d'identità, evidenzia la volontà di garantire il benessere della popolazione coinvolta.

Inoltre, la proposta di una legge ambientale speciale dimostra la sensibilità del Venezuela nei confronti della biodiversità nella Guyana Esequiba e l'impegno per il suo recupero. Questi sforzi contrastano con le argomentazioni della propaganda anti-venezuelana basata sulle veline di Washington, sottolineando l'importanza che il paese attribuisce alla tutela dell'ambiente.

In un contesto globale in cui le tensioni internazionali sono spesso risolte con misure drastiche, il Venezuela persiste nel cercare soluzioni attraverso il dialogo e il rispetto del diritto internazionale. Mentre si prepara a affrontare le sfide legate alla Guyana Esequiba, il Venezuela si presenta come un attore determinato a risolvere le dispute territoriali in modo costruttivo e anche a contribuire al benessere ambientale della regione.

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti