Il Regno Unito sanziona il giornalista Philips Graham perché testimonia i crimini di Kiev in Donbass

Il Regno Unito sanziona il giornalista Philips Graham perché testimonia i crimini di Kiev in Donbass

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il giornalista Philips Graham, che da otto anni racconta le atrocità vissute dalla popolazione del Donbass, è stato sanzionato dal Governo britannico che ha congelato ogni suo bene.

Dunque, oltre alle liste di proscrizione per giornalisti e intellettuali che riportano i fatti, ora si aggiunge il furto delle proprietà da parte dello Stato.

"Tutti i miei beni sono stati congelati" scrive Graham in un post su Facebook, "e sono stato calunniato a livello statale dal governo britannico senza alcuna notifica, senza alcuna possibilità di difendermi. Nessuna accusa ufficiale contro di me, nemmeno una vera accusa. Solo che al governo britannico non piace il mio lavoro".

Testimoniare i crimini compiuti dal Governo di Kiev contro la popolazione  del Donbass, con le armi fornite dall'Occidente, è diventato un reato.

L'ignoranza spocchiosa di chi non sa nulla, ma sentenzia, guardando il film dal secondo tempo, e l'indifferenza di chi, non coinvolto in prima persona, accetta che accada tutto questo, non è più giustificabile.

Chi si volta dall'altra parte è complice dell'ascesa dei nuovi regimi.

La deresponsabilizzazione da parte delle popolazioni occidentali, risucchiate nell'individualismo, è alla base di ciò che sta accadendo.

Sara Reginella

Sara Reginella

Psicologa a indirizzo clinico e giuridico, psicoterapeuta, regista e autrice di reportage di guerra. I suoi lavori integrano l’interesse per le dinamiche psicologiche con l’attenzione per l’attualità e uno sguardo che mai dimentica le frange socialmente più vulnerabili.

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra