Il partenariato Cina-Serbia: un modello per la cooperazione internazionale

Il partenariato Cina-Serbia: un modello per la cooperazione internazionale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La recente visita del Presidente cinese Xi Jinping a Belgrado ha segnato un importante capitolo nelle relazioni tra la Cina e la Serbia, portando avanti una partnership strategica sempre più stretta. Durante il suo soggiorno, il Presidente Xi ha evidenziato il profondo impegno della Cina verso la Serbia, annunciando una serie di misure concrete per rafforzare la cooperazione bilaterale e promuovere uno sviluppo condiviso.

Il Presidente serbo Aleksandar Vucic ha accolto con entusiasmo la visita del suo omologo cinese, sottolineando l'importanza dell'evento per entrambi i paesi. Attraverso un comunicato su Instagram e durante incontri ufficiali con l'Ambasciatore cinese Li Ming, Vucic ha espresso il significato fondamentale della visita del Presidente Xi, evidenziando i preparativi intensivi e l'enorme importanza dell'evento per lo sviluppo integrale della Serbia nel contesto geopolitico globale attuale.

"Questa visita è un onore immenso per il nostro paese. L'attenzione che la Cina mostra nei nostri confronti è di inestimabile valore, soprattutto considerando i nostri piani per accelerare lo sviluppo completo e l'attuale contesto geopolitico globale", ha dichiarato Vucic secondo quanto riportato dai media cinesi.

Il Presidente Vucic ha inoltre riconosciuto l'onore conferito alla Serbia dalla visita del Presidente Xi, enfatizzando l'importanza delle oltre 30 intese che verranno firmate tra i due paesi durante l'evento. L'arrivo della delegazione cinese, composta da 400 persone e guidata dal Presidente Xi, è stato accolto con massima sicurezza da parte di 3.400 agenti di polizia serbi. L'aereo presidenziale cinese è stato scortato da jet da combattimento MiG-29 mentre entrava nello spazio aereo serbo, e il Presidente Xi è stato accolto con gli onori all'arrivo in aeroporto.

Durante la conferenza stampa congiunta, i due leader hanno firmato una dichiarazione per la costruzione di una comunità Cina-Serbia con un futuro condiviso nella nuova era. Questo storico accordo rende la Serbia il primo paese europeo a raggiungere un simile consenso con la Cina. Il Presidente Xi ha annunciato sei misure per sostenere questa iniziativa, inclusa l'entrata in vigore dell'accordo di libero scambio tra i due paesi il 1 luglio e il sostegno alla candidatura della Serbia per l'Expo 2027.

Inoltre, la Cina si impegna ad aumentare l'importazione di prodotti agricoli di alta qualità dalla Serbia e a sostenere lo scambio tra giovani scienziati e studenti dei due paesi. In particolare, la Cina offrirà borse di studio a 50 giovani scienziati serbi per programmi di scambio e inviterà 300 giovani serbi a studiare in Cina nei prossimi tre anni.

Questa visita non solo rafforza ulteriormente i legami bilaterali tra la Cina e la Serbia, ma sottolinea anche l'impegno reciproco per una cooperazione più stretta in vari settori, dal commercio all'istruzione e alla ricerca scientifica. Il consolidamento della partnership strategica tra i due paesi promette di portare benefici tangibili non solo alle loro popolazioni, ma anche alla stabilità e alla prosperità della regione e oltre.

In un'epoca in cui il panorama geopolitico mondiale sta subendo cambiamenti significativi, l'accordo tra la Cina e la Serbia rappresenta non solo un importante passo avanti nelle relazioni bilaterali, ma anche un segno tangibile del cambiamento verso un mondo multipolare. Mentre le dinamiche di potere globali continuano a evolversi, la cooperazione tra paesi come la Cina e la Serbia mostra che le alleanze non sono più limitate a schemi tradizionali, ma si basano sempre più su interessi condivisi e obiettivi comuni.

L'accordo firmato durante la visita del Presidente Xi Jinping a Belgrado non solo rafforza i legami tra i due paesi, ma rappresenta anche un importante contributo alla costruzione di un ordine mondiale più inclusivo e collaborativo. In un contesto in cui il multilateralismo è sempre più prezioso, la partnership tra la Cina e la Serbia offre un esempio di come la cooperazione bilaterale possa contribuire alla stabilità e alla prosperità globale.

Mentre il mondo si adatta a una nuova realtà multipolare, le partnership come quella tra la Cina e la Serbia offrono un terreno fertile per la costruzione di un futuro condiviso basato sulla pace, sulla prosperità e sulla solidarietà internazionale.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Le "non persone" di Gaza di Paolo Desogus Le "non persone" di Gaza

Le "non persone" di Gaza

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez di Geraldina Colotti Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura di Michelangelo Severgnini 20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

LA RUSSIA COSTRUIRA’ UNA RAFFINERIA A CUBA ’  di Andrea Puccio LA RUSSIA COSTRUIRA’ UNA RAFFINERIA A CUBA ’ 

LA RUSSIA COSTRUIRA’ UNA RAFFINERIA A CUBA ’ 

La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute di Giuseppe Masala La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute

La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa" di Paolo Arigotti La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

Kamala Harris: da conservatrice a "progressista"? di Michele Blanco Kamala Harris: da conservatrice a "progressista"?

Kamala Harris: da conservatrice a "progressista"?

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti