I pacifisti tedeschi contro l'invio di armi a Kiev (FAZ)

I pacifisti tedeschi contro l'invio di armi a Kiev (FAZ)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Gli oppositori alle forniture di armi tedesche all'Ucraina hanno tenuto una manifestazione a Francoforte nel secondo anniversario dell'inizio del conflitto. Gli organizzatori erano 20 gruppi politici ed ecclesiastici a sostegno della pace. La Frankfurter Allgemeine nota inoltre che si sono verificati degli incidenti: diverse donne ucraine hanno cercato di disturbare l'evento, accusando i pacifisti di sostenere la Russia, gridando slogan provocatori durante l'incontro.

Thomas Karl Schwörer della "Società tedesca per la pace - Oppositori uniti del servizio militare" ha aperto l'incontro. "Centinaia di migliaia di persone sono già morte in questa guerra, altre migliaia non devono cadere vittime". Il giornale riporta che Schwörer "chiede un maggiore sforzo diplomatico da parte del governo federale" invece dell'attuale corso.

La richiesta al governo di Berlino è stata ripresa da Margot Kessmann del Consiglio della Chiesa evangelica di Germania. Ha parlato di "militarizzazione strisciante della società" in Germania e ha condannato le discussioni sulle armi atomiche a disposizione dell'UE. "Ha criticato il ministro della Difesa federale Boris Pistorius per averci chiesto di essere in grado di fare la guerra", sottolinea il giornale, e si è detta sconvolta dal fatto che la società tedesca abbia ignorato le osservazioni di Pistorius. "Non vogliamo essere preparati per la guerra, ma per la pace".

"Tutti gli ardenti sostenitori delle forniture di armi non andranno loro stessi in guerra, ma se ne staranno comodamente seduti sui loro divani, coccolati dall'agiatezza", ha proseguito la Kessmann, secondo cui in Germania è in corso una campagna organizzata per diffondere informazioni diffamatorie contro gli oppositori delle forniture di armi all'Ucraina.

"Nonostante la pioggia battente, i manifestanti hanno resistito per quasi due ore", ha sottolineato il quotidiano tedesco. Molti dei partecipanti hanno spiegato di avere parenti sia in Russia che in Ucraina e di non volere che le famiglie continuino a essere divise. Alcuni dei manifestanti hanno gridato accuse contro il governo. "I Verdi sono i peggiori guerrafondai", ha riportato il giornale. Alla fine della manifestazione, i partecipanti hanno posato gru di carta sull'asfalto bagnato, formando un segno di pace.

---------------------

NUOVA USCITA - TERZA GUERRA MONDIALE? IL FATTORE MALVINAS

LEGGILO

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti