Gli errori elementari nei dati ISS e una certezza che viene dalla Spagna: il fallimento totale dei vaccini a mRNA

Gli errori elementari nei dati ISS e una certezza che viene dalla Spagna: il fallimento totale dei vaccini a mRNA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'AntiDiplomatico è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel nostro canale e rimanere aggiornato

 

Riportato copia incolla da tutte le agenzie e i media il rapporto ISS di ieri farebbe ridere, se non facesse davvero innervosire.

Titolo a caso tra i tanti uguali di Repubblica: "Iss, tasso in intensiva 26,7 casi ogni 100mila per i non vaccinati e 0,9 per chi fa fatto la terza dose".

L'articolo poi recita "coerentemente": "Il Report dell'Istituto superiore di sanità evidenzia anche che il vaccino è efficace al 98% contro malattia grave con il booster. Per il presidente della Federazione degli ordini dei medici servono "chiusure selettive e mirate". E aumentano casi tra gli operatori sanitari: 12mila in una settimana".

Se la matematica non è un'opinione, come invece sembrano diventate la scienzah e l'epidemiologia alla Giufà, i conti non tornano.

Secondo l'istituto superiore di sanità, quindi, e secondo i sudditi di Repubblica, in Terapia i ricoverati con seconda dose sono quindi 72.400 su 100.000.

Il 72,4 %.

Praticamente tutti i vaccinati, con seconda e terza dose, che occupano le  terapia intensive per covid sono quasi il triplo dei non vaccinati.

Altro appunto: dove sono i vaccinati con due dosi?

Nella tabella ISS sembrano non essere stati conteggiati, poiché, dopo la colonna dei non vaccinati, tutti sono definiti "con ciclo completo da più o meno

 

 

120 giorni e poi c'è la colonna + booster.

Chi sono?

Ci risponde la FAQ :

"Tasso di Incidenza per stato vaccinale e per diversa gravità della malattia da Covid-19: come si calcola - ISS" https://www.iss.it/web/guest/primo-piano/-/asset_publisher/3f4alMwzN1Z7/content/id/5937684

Leggiamo:

"D: Nei calcoli i vaccinati con due dosi vengono considerati non vaccinati?
R: No, nelle tabelle si distingue tra vaccinati con una dose, con due dosi da meno di 120 giorni, con due dosi da più di 120 giorni e con dose aggiuntiva/booster."

Nelle tabelle invece le voci sono tutte e tre "ciclo completo", invece la seconda colonna, secondo la FAQ dovrebbe rappresentare il campione con  una dose, la terza con due dosi, anche se hanno invertito le colonne più o meno 120 giorni, tanto per gradire...

Sta di fatto che confrontano i decessi di un periodo con la popolazione dello stesso periodo dei decessi.

E non con la popolazione delle diagnosi a cui hanno fatto seguito i decessi.

Insomma, il mio professore di statistica sanitaria si è già rivoltato nella tomba già 10 volte...

Ma la notizia più importante, aldilà degli errori veramente marchiani, da licenziamento immediato e dimissioni in massa di tutto l'istituto superiore di sanità e dei media che hanno fatto copia incolla, è l'importanza del dato in sé, confermato dalla corrispondente tabella pubblicata dalla Spagna.

In Spagna, dove il tasso di copertura vaccinale è anche minore,  infatti il 76,5% di ospedalizzati è vaccinato, mentre il 23,5% non lo è.

 

 

 

 

 

Aldilà degli strafalcioni italiani, la narrazione per cui i non vaccinati siano gli unici ad occupare i posti in terapia intensiva sembra emergere sempre come l'ennesima bufala diffusa dalla propaganda ufficiale. 

Forse, il motivo della pubblicazione dei dati non è la trasparenza.

Infatti le FAQ si possono sintetizzare in "fidate" (alla romana) senza specificare la necessaria metodologia di raccolta ed elaborazione.

Lo scopo sembra esclusivamente quello di terrorizzare i più sprovveduti bivax, per far loro credere che solo la terza dose salva la vita.

Un'operazione squallida senza alcun rispetto per l'intelligenza e la salute. Poiché i dati italiani non ci permettono di disaggregare le percentuali a seconda delle più importanti variabili, dalla diagnosi all'ospedalizzazione alla Terapia intensiva, fino al decesso, per fasce d'età, osserviamo la situazione similare della Spagna, che è più onesta e deontologicamente corretta.

Il primo grafico illustra la situazione degli over 80, con il 74 % di deceduti vaccinati a fronte del 25,9 di non vaccinati.

Il 72,41 di vaccinati in terapia intensiva a fronte di 27,5 non vaccinati.

Ma è nella fascia 30-59 anni che si accentua, ancora di più, in modo non contestabile, il divario nella risposta al covid tra vaccinati e non.

Pur avendo poco più del 61% di non vaccinati in terapia intensiva di tale fascia d'età, a fronte di un 38,8 di vaccinati, i decessi dei non vaccinati sono nettamente minori.

Muore  infatti il 62,12 % di vaccinati a fronte del 37,88 di persone che non hanno mai ricevuto una sola dose.

 

L'AntiDiplomatico è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel nostro canale e rimanere aggiornato

Agata Iacono

Agata Iacono

Sociologa e antropologa

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti