Dugina, deliri russofobi e attacchi complottisti contro l'AntiDiplomatico

Dugina, deliri russofobi e attacchi complottisti contro l'AntiDiplomatico

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Accade che un’azione di terrorismo contro una giovane giornalista di 30 anni non sia per la stampa italiana atlantista più fondamentalista il momento del commiato, ma quello della becera campagna elettorale.

Accade che un’azione di terrorismo contro una giovane giornalista di 30 anni non sia il momento del rispetto del dolore della famiglia, ma un momento propizio per metterle in bocca parole (NON SUE!!!) ad uso e consumo della campagna elettorale più penosa della storia repubblicana.

Accade in Italia. E se ancora non siete preoccupati del declino morale di chi gestisce il potere mediatico in questo paese… beh veramente temiamo non ci sia più tempo rimasto a tutti noi.

La vicenda riguarda la povera Daria Dugina, giornalista e scrittrice che a quanto pare non merita il normale commiato qui in Italia perché aveva il torto, pensate, di avere opinioni diverse dalla stampa più atlantista. Non ci interessa approfondire qui le modalità dell'attentato, i responsabili, se il vero obiettivo fosse il padre il filosofo erroneamente definito “ideologo di Putin” – lo faremo e a lungo nei prossimi giorni - ma sottolineare l’incredibile azione di sciacallaggio della stampa italiana.

Parliamo di un’azione talmente surreale, da averci, non lo nascondiamo, lasciato letteralmente scioccati. A tal punto che abbiamo dovuto rileggere varie volte i deliranti articoli (spicca su tutti l’Huffington Post di un Pietro Salvatori premio complottista del millennio per distacco) che hanno voluto gettare la povera Dugina nel tritacarne dei deliri russofobi più incredibili.

La vicenda riguarda indirettamente e incredibilmente anche l’AntiDiplomatico.

Poche ore dopo la morte di Daria Dugina, avvenuta per un’azione terroristica contro la macchina in cui viaggiava, la stampa italiana più complottista poneva in bocca quanto scritto dal direttore de l'AntiDiplomatico Fabrizio Verde sul sito turco UWI – un’analisi sulla caduta del governo Draghi e sulle prossime elezioni – alla giornalista russa.

Fabrizio Verde, oltre ad essere il direttore responsabile della nostra testata, è un giornalista, libero, in quanto tale, di scrivere su un sito che con l’AntiDiplomatico non ha nulla a che fare. Chi lo ha scritto (o chi lo farà in seguito) sarà chiamato a dimostrare il contrario nelle sedi appropriate.

Al momento di iniziare la collaborazione con il sito turco facente capo alla fondazione Gorev, UWI, Fabrizio Verde non era a conoscenza che il “capo redattore” del sito fosse Daria Dugina, come scritto da certa stampa italiana che rilancia quanto reso pubblico dal Washington Post. Non sappiamo il ruolo di Daria Dugina sul sito, ma conta veramente poco: se questo sito era stato scelto anche dal nostro grande maestro Andre Vltchek, la linea editoriale intrapresa era sicuramente dalla parte giusta della storia. Con a capo della redazione o no la povera Dugina.

Che l’analisi di Fabrizio Verde e le sue opinioni personali (che non riflettono necessariamente quelle della testata giornalistica l'AntiDiplomatico) su “Italia sovrana e popolare” vengano fatte passare per il pensiero di Dugina – a poche ore lo ribadiamo dall’essere trucidata da un attacco terroristico - dimostra, una volta per tutte, la incredibile bassezza morale della stampa italiana.

Ripetetevi dentro di voi dieci volte questa domanda: La stampa italiana può arrivare a speculare su una ragazza di 30 anni, giornalista, morta in un attentato terroristico a fini di campagna elettorale? Alla decima volta fermatevi a riflettere. Fermiamoci tutti. Ma soprattutto fermiamoli. 


Alessandro Bianchi
Editore e direttore editoriale de l'AntiDiplomatico


P.S. Dal momento dell’attacco a l’AntiDiplomatico il nostro canale Telegram ha iniziato a subire un attacco da qualcuno che ha creduto ai deliri complottisti dalla stampa fondamental-atlantista e ha iniziato a defolloware il nostro canale. Siamo ad uno spartiacque, oggi più che mai. Non è la prima volta che attaccano l’AntiDiplomatico – a gennaio hanno chiuso il nostro canale Facebook per aver rilanciato le opinioni di un professore pluripremiato inglese del Brtish Medical Journal - e non sarà l'ultima. Non ci siamo arresi allora. Non lo faremo oggi, né mai. Da oggi, anzi, rilanciamo con ancora più forza la nostra battaglia di informazione, che è principalmente una battaglia di democrazia e sovranità. Ad ognuno la sua scelta di campo: la nostra è chiara e indelebile da tempo. La vostra? https://t.me/lantidiplomatico

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo di Geraldina Colotti Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti