Da repubblica laica e socialista allo sfacelo attuale causato dagli USA. Piccolo promemoria sull'Afghanistan

Da repubblica laica e socialista allo sfacelo attuale causato dagli USA. Piccolo promemoria sull'Afghanistan

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Piccolo promemoria su un Afghanistan che oggi vede l’avanzata vittoriosa dei Talebani, mentre tutti i media si strappano i capelli per la fine di un criminale regime sostenuto finora dall’Occidente, costellato da vessazioni (soprattutto contro le donne) e tenuto su da una colossale esportazione di oppio.

 

Nel 1978 il Partito Democratico Popolare dell'Afghanistan (PDPA), d'ispirazione marxista-leninista, forte anche di un grande consenso, prende il potere dando vita alla Repubblica Democratica dell'Afghanistan governata da Nur Mohammad Taraki. Nei mesi successivi, il governo avvia una serie di riforme: fece distribuire le terre a 20.000 contadini, abrogò l'ushur (ovvero la decima dovuta ai latifondisti dai braccianti) e bandì l'usura, regolò i prezzi dei beni primari, statalizzò i servizi sociali garantendoli a tutti, diede il riconoscimento al diritto di voto alle donne, legalizzò i sindacati, vietò i matrimoni forzati e lo scambio di bambine a scopo economico, sostituì leggi tradizionali e religiose con altre laiche, mise al bando i tribunali tribali e rese pubblica a tutti l'istruzione, anche alle bambine che in precedenza non potevano andare a scuola. Per avere una idea di come allora in Afghanistan, date una occhiata al video qui sotto.

 

L’opposizione a queste riforme da parte delle autorità religiose locali e tribali fu tradotta dalla CIA in un colpo di stato che, nel 1979, fatto assassinare Taraki, mise a capo del governo un suo burattino: Hafizullah Amin. Anche per questo l’Unione sovietica, nel 1979, invase il paese. Gli Stati uniti risposero finanziando e armando i Mujaheddin (tra cui Osama Bin Laden) e alimentando una guerra contro i sovietici conclusasi nel 1989, con l'abbandono del Paese da parte delle truppe di Mosca. Nel 1991 faide interne al fronte dei Mujaheddin, permise l’arrivo al potere, nel 1996, dei Talebani che, applicando in ogni dove la shari'a, mise fine ad ogni libertà, inclusa quella di produrre ed esportare oppio. Produzione tornata, nel 2020, alla cifra record di 9000 tonnellate

 

Dopo l'11 settembre gli Stati Uniti invadono e occupano, con una coalizione di 8 paesi, l'Afghanistan, al fine dichiarato portarvi la democrazia e scovare Osama Bin Laden, fino a poco prima al soldo della CIA. L’Operazione Enduring Freedom dura venti anni: è costata agli afghani un numero imprecisato di morti; agli Stati uniti 2400 soldati uccisi e 2.000 miliardi di dollari; all’Italia 10 miliardi dollari, 63 militari morti e 720 feriti gravi.

 

In questo video come si viveva in Afghanistan quando non c’era la “democrazia” portata dagli USA

 

Francesco Santoianni

Francesco Santoianni

Cacciatore di bufale di e per la guerra. Autore di "Fake News. Guida per smascherarle"

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti