Covid. Cosa sta accadendo in Tunisia?

Covid. Cosa sta accadendo in Tunisia?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha confermato che la Tunisia ha registrato all'inizio di questo luglio il più alto tasso di mortalità a causa di Covid 19 nella regione del Mediterraneo orientale e nel continente africano.

Il dottor Yves Souteyrand, dell' Oms, in un'intervista all'AFP ha recentemente affermato che “la Tunisia registra "più di 100 morti al giorno" e in un paese di 12 milioni di persone - "è davvero molto".

La variante "delta” colpisce su larga scala, di fatti le stime indicano che "il numero dei decessi è quasi raddoppiato”, in meno di una settimana.

Sempre l'Oms ha inoltre sottolineato che nonostante i progressi nella campagna vaccinale - soprattutto tra le persone di età superiore ai 60 anni- la copertura vaccinale in Tunisia "rimane bassa", poiché il 12,7% della popolazione ha ricevuto solo una dose del vaccino, mentre solo il 6%  ha ricevuto ambedue le dosi;il timore è che l'attuale repentino rialzo del trend dei contagi e dei ricoveri possa continuare fino a raggiungere il suo apice nelle prossime settimane, con conseguenze disastrose, soprattutto con l'avvento del Eid al-Adha, corrispondente al 20 luglio, che di solito è caratterizzato da incontri religiosi e sociali.

Alla luce di questi dati la  dichiarazione del presidente del comitato direttivo della campagna nazionale per la vaccinazione e del direttore generale dell'Istituto Pasteur Tunisi, Al-Hashimi, ministro dell'agenzia di stampa africana di Tunisi, secondo cui l' obiettivo è quello di raggiungere la vaccinazione di 5 milioni di tunisini entro la fine del prossimo settembre o la metà del prossimo ottobre, appare  quantomeno troppo ottimistica.

L'aggiornamento pubblicato recentemente dal Ministero della Salute tunisia ha poi rivelato che sei regioni avevano superato i 1.000 contagi  ogni 100.000 residenti. Il governatorato di Tataouine si è attestato primo a livello nazionale con 1.724 casi, poi Manouba con 1.251 casi e il governatorato di Nabeul con 1.151 casi,  a  seguire per numeri di contagi Sousse, Siliana e Monastir. Beja, Ariana e Tozeur hanno 900 casi ogni 100.000 residenti.

La tragica situazione sanitaria si somma alla  dura crisi economica ed ad una sfiducia dilagante per le istituzioni, aumentando la delusione per le  speranze  tradite della rivoluzione dei gelsomini.

Gli ospedali sono al collasso sanitario, privi anche delle professionalità sanitarie richieste, gran parte emigrate all'estero in particolar modo in Francia; l'ossigeno è stato in parte donato dalla vicina Algeria e materiale sanitarie è arrivato anche da Turchia e Arabia Saudita. Contestualmente Francia e Cina hanno inviato forniture di vaccini.

Autonomamente poi tra gli emigrati tunisini all'estero, sia in Italia che in Francia e in altri paesi europei, è partita la gara di solidarietà per raccogliere fondi per aiutare il proprio paese in difficoltà bypassando i canali istituzionali ufficiali.

Francesco Fustaneo

Francesco Fustaneo

Laureato in Scienze Economiche e Finanziarie presso l'Università degli Studi di Palermo.
Giornalista pubblicista dal 2014, ha scritto su diverse testate giornalistiche e riviste tra cui l'AntiDiplomatico, Contropiano, Marx21, Quotidiano online del Giornale di Sicilia. 
Si interessa di geopolitica, politica italiana, economia e mondo sindacale

Cuba e i numeri Covid   di Francesco Santoianni Cuba e i numeri Covid

Cuba e i numeri Covid

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo di Marinella Mondaini Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Recovery Fund, è lotta di classe... e la continuano a vincere loro! di Pasquale Cicalese Recovery Fund, è lotta di classe... e la continuano a vincere loro!

Recovery Fund, è lotta di classe... e la continuano a vincere loro!

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti