Cina: i separatisti di Taiwan finiranno con la “testa rotta”

Cina: i separatisti di Taiwan finiranno con la “testa rotta”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

"Tutte le forze separatiste a favore dell'indipendenza di Taiwan finiranno con le teste rotte e coperte di sangue prima dell'evento storico della completa riunificazione della Cina", ha avvertito, ieri, in conferenza stampa il portavoce del Ministero degli Esteri Wang Wenbin.

Ha aggiunto che le manovre della Cina sono un "serio avvertimento" ai "combattenti per l'indipendenza" dell'isola che finirà in uno spargimento di sangue.

Pechino ha effettuato le esercitazioni dopo che il presidente di Taiwan, Lai Ching-te, martedì  scorsoha esortato la Cina a smettere di "fare il prepotente" con l'isola.

Ching-te, durante la cerimonia di presa di potere, ha sottolineato che "Taiwan è una nazione sovrana e indipendente, la cui sovranità spetta al popolo", ribadendo che il suo governo non farà concessioni su democrazia e libertà.

Manovra vicino alle acque di Taiwan

In questo contesto, il Comando del Teatro Orientale dell'Esercito cinese ha avviato le esercitazioni in prossimità dello Stretto di Taiwan, nonché nelle aree intorno alle isole di Kinmen, Matsu, Wuqiu e Dongyin.

Il portavoce del Comando del Teatro Orientale dell'Esercito cinese, il colonnello  Li Xi, ha descritto la manovra cinese vicino a Taiwan come una "forte punizione", sottolineando che si tratta di un severo avvertimento contro le interferenze e le provocazioni di forze esterne.

Inoltre, attraverso una dichiarazione rilasciata nella giornata di mercoledì, l'Ufficio cinese per gli Affari di Taiwan (TAO) ha ribadito con fermezza la propria posizione contro qualsiasi forma di "attività separatista dell'indipendenza di Taiwan".

Da parte sua, Taiwan, condannando le esercitazioni della Cina in prossimità delle sue acque, ha annunciato di aver messo i suoi militari in "stato di massima allerta" per quelle che ha definito "provocazioni e azioni irrazionali che turbano la pace e la stabilità regionale" adottate dalla Cina.

Le tensioni tra Cina e Stati Uniti hanno raggiunto il livello più alto degli ultimi anni a causa, tra l'altro, del sostegno degli Stati Uniti a Taiwan in attività quali la vendita di armi e le visite di funzionari statunitensi all'isola che Pechino considera parte inseparabile del proprio territorio in base al principio "una sola Cina".

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Autonomia differenziata: perché Mattarella non interviene? di Alberto Fazolo Autonomia differenziata: perché Mattarella non interviene?

Autonomia differenziata: perché Mattarella non interviene?

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti