Cara Repubblica, ma perché a Minneapolis sono "saccheggi" e a Hong Kong no?

Cara Repubblica, ma perché a Minneapolis sono "saccheggi" e a Hong Kong no?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Diego Bertozzi

In relazione a Minneapolis, teatro della ribellione all'uccisione di Floyd da parte della polizia, il racconto ufficiale ora si sposta a sottolineare i saccheggi e le violenze così da depotenziare ogni significato politico di quanto accade (razzismo, diseguaglianze, povertà, autoritarismo).



Ebbene, quando invece lo sguardo indagatore viene rivolto ad Hong Kong, allora magicamente scompaiono dal racconto ufficiale, e sono scomparsi in tutti questi mesi, gli atti di violenza, i saccheggi, le occupazioni e le devastazioni. Di più: quest'ultimi diventano le ramificazioni della propaganda cinese, sono accolati alla potenza nemica.
Ed, ovviamente, è normalità l'arrivo a Minneapolis di 500 militari della Guardia nazionale per ristabilire l'ordine. Diventa, invece, abnorme risposta totalitaria l'azione della polizia. Vi ricordate della sollevazione di coscienze al solo esercitarsi dell'esercito di liberazione nazionale?
 

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti