Alex Richter (prof. Immunologia Università di Birmingham): «È impossibile distinguere tra raffreddore e Covid-19»

Alex Richter (prof. Immunologia Università di Birmingham): «È impossibile distinguere tra raffreddore e Covid-19»

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Raffreddore e mal di testa sono sintomi comuni che segnalano un normale raffreddamento. Questo accadeva in epoca pre-pandemica. Adesso invece, in piena pandemia, arrivati nella stagione del raffreddore e dell'influenza, come possiamo essere sicuri che sia un raffreddore e non il Covid, scrive il quotidiano inglese The Independent?

La risposta a questa domanda fornita dal quotidiano è: «La conclusione è che non puoi essere sicuro. Perché mentre i sintomi tipici di un raffreddore sono mal di testa, mal di gola e naso che cola, quei sintomi ora sono anche alcuni dei principali sintomi del Covid».

Ci sono però delle differenze: «Il comune raffreddore è causato da un ceppo virale diverso dal Covid-19. La maggior parte dei coronavirus, come il comune raffreddore, causa una lieve infezione nel tratto respiratorio superiore e produce sintomi relativamente minori come naso chiuso, mal di testa e mal di gola.

Le persone che contraggono il Covid soffrono di sintomi respiratori che possono causare tosse, mancanza di respiro, difficoltà respiratorie e febbre. L'infezione può causare anche polmonite, insufficienza renale e, nei casi più gravi, la morte».

Inoltre «nella maggior parte delle persone, i sintomi del raffreddore comune di solito raggiungono il picco entro i primi due o tre giorni dall'infezione, mentre gli effetti del Covid compaiono da due a 14 giorni dopo l'esposizione».

Christina Marriott, direttore generale della Royal Society for Public Health (RSPH), afferma: «Sempre più evidenze mostrano che le persone che hanno ricevuto due dosi del vaccino in genere presentano sintomi meno gravi, come mal di testa, naso che cola, starnuti, mal di gola e perdita dell’olfatto». 

I principali sintomi del Covid nel Regno Unito, secondo il governo, sarebbero cambiati con la variante Delta attualmente predominante. Quindi adesso anche i sintomi di un semplice raffreddore, in particolare nei vaccinati secondo le autorità sanitarie e il governo di Londra, potrebbero essere i segni di un contagio Covid. 

Il quotidiano inglese afferma che lo «studio Zoe Covid Symptom (covid.joinzoe.com), finanziato dal governo del Regno Unito, ha identificato i principali sintomi associati a Covid e afferma che differiscono leggermente a seconda che la persona sia stata vaccinata o meno.

Mal di testa

Sebbene il mal di testa sia un sintomo meno noto del Covid, secondo lo studio ZOE è uno dei primi segni e più comune dei classici sintomi di tosse, febbre e perdita dell'olfatto. Può durare più di 3 giorni ed essere resistente ai normali antidolorifici.

Rinorrea

Lo scorso inverno, lo studio ZOE ha scoperto che il naso che cola era il secondo sintomo più comunemente riportato dopo il mal di testa, con quasi il 60% delle persone che sono risultate positive al Covid con perdita dell'olfatto che hanno anche riferito di avere il naso che cola.

Ma ora i dati indicano che la prevalenza della malattia è il fattore più significativo. Quindi, quando i tassi di Covid sono alti, anche le possibilità che il naso che cola sia dovuto al Covid sono alte. Ma lo studio sottolinea che quando i tassi di Covid sono bassi, è meno probabile che un naso che cola sia Covid e più probabile che sia dovuto a un raffreddore o addirittura a un'allergia.‍ Conclude che mentre molte persone con Covid-19 possono riferire un naso che cola, è difficile definirlo un sintomo definitivo poiché è così comune, soprattutto durante l'inverno.

Starnuti

Lo studio ZOE ha scoperto che starnutire più del solito può essere un segno di Covid nelle persone che sono state vaccinate, anche se sottolinea che è molto più probabile che gli starnuti siano un segno di raffreddore o allergia. Dice che anche se molte persone con Covid potrebbero starnutire, "non è un sintomo definitivo perché gli starnuti sono molto comuni".

Mal di gola

Molte persone con Covid hanno segnalato sull'app ZOE Study di avere un mal di gola simile a quando si ha il raffreddore o la laringite. Il mal di gola correlato al Covid tende ad essere lieve e non dura più di cinque giorni, e un mal di gola molto doloroso che dura più a lungo è probabilmente qualcos'altro. Sebbene possa essere un sintomo del Covid, la maggior parte delle persone con mal di gola probabilmente avrà solo il raffreddore. Secondo i dati di ZOE, quasi la metà delle persone malate di Covid-19 riferisce di avere mal di gola, sebbene questo sia più comune negli adulti di età compresa tra 18 e 65 anni rispetto agli anziani o ai minori di 18 anni.

Perdita dell'olfatto

La perdita dell'olfatto continua a essere l'indicatore più forte dell'infezione da Covid-19, indipendentemente dall'età, dal sesso o dalla gravità della malattia di una persona. Mentre le persone che hanno il Covid potrebbero non perdere completamente il senso dell'olfatto, questo potrebbe cambiare, quindi potrebbero non essere in grado di annusare le cose fortemente profumate e anche il loro senso del gusto potrebbe essere influenzato, quindi il cibo potrebbe avere un sapore diverso o sembrare insipido.

Tosse persistente

È ampiamente riconosciuto che una tosse persistente è uno dei tre sintomi principali di Covid-19 ma, secondo lo studio ZOE, solo circa quattro persone su 10 che sono contagiate del virus lo sperimenteranno. In questo contesto, "persistente" significa tossire molte volte al giorno, "per mezza giornata o più". Una tosse Covid è di solito una tosse secca, rispetto a una tosse grassa che provoca catarro o muco e che può indicare un'infezione batterica. Una tosse persistente tende ad arrivare intorno a pochi giorni dopo la malattia e di solito dura circa quattro o cinque giorni».

Alex Richter, professoressa di immunologia clinica presso l'Università di Birmingham, che fa parte di un team che ha sviluppato un test per rilevare gli anticorpi Covid nelle persone con sintomi lievi, afferma: "È impossibile distinguere tra raffreddore e Covid-19. Si presentano in modo così simile che solo il test PCR può differenziare tra i due. Il test del flusso laterale può aiutare con lo screening, ma se qualcuno ha sintomi, dovrebbe sottoporsi a un test con tampone PCR».

E Alan McNally, professore di genomica evolutiva microbica presso l'Università di Birmingham, che era a capo delle malattie infettive presso il Milton Keynes Lighthouse Lab, la prima struttura di test Covid di punta del governo del Regno Unito, aggiunge: «Se avete sintomi di infezione respiratoria dovresti resta a casa per prevenire la trasmissione e fai un test. Cercare di autodiagnosticarsi è un modo infallibile per far salire nuovamente i tassi di casi di Covid».

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente