Yemen, fine della tregue e ripercussioni energetiche

Yemen, fine della tregue e ripercussioni energetiche

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dei crimini dell’Arabia Saudita, o meglio dire dell’unico crimine di cui si accusa questa monarchia medievale e criminale è l’omicidio del giornalista Kamal Kashoggi avvenuto nel consolato saudita a Istanbul proprio 4 anni fa.

L’occidente considera una guerra per procura tra Iran e Arabia Saudita il massacro nello Yemen, in quanto ha fornito armi letali per massacrare lo stato che era già quello più povero del mondo arabo prima del conflitto.

Oltre alla tragedia umanitaria, la fine della tregua tra Yemen, la guerriglia Ansarallah e la coalizione guidata dall’Arabia Saudita potrebbe avere anche un impatto mondiale sull’approvvigionamento di gas e petrolio verso l’occidente, in particolare l’Europa, già in affanno per le sanzioni agli idrocarburi russi.

Ieri, pochi minuti prima della fine della tregua mediata dalle Nazioni Unite tra la coalizione a guida saudita e il gruppo di resistenza Ansarallah dello Yemen, i rappresentanti di quest'ultimo hanno minacciato azioni di ritorsione se le forze di Riad continueranno a bloccare lo Yemen e saccheggiare le sue risorse.

"Se la coalizione saudita ed emiratina continua a privare il nostro popolo yemenita dell'accesso alle proprie risorse, le nostre forze militari possono, con l'aiuto di Dio, privarlo delle loro risorse", ha affermato via Twitter il portavoce delle forze armate yemenite, il generale di brigata Yahya Saree.

In precedenza, Saree ha offerto alle compagnie petrolifere che operano negli Emirati Arabi Uniti e in Arabia Saudita "l'opportunità di organizzarsi e andarsene", aggiungendo che questo avvertimento rimarrà in vigore finché le truppe sostenute dagli Stati Uniti e dall'Arabia Saudita impediranno allo Yemen di sfruttare la loro ricchezza.

Ieri notte, l'inviato speciale delle Nazioni Unite per lo Yemen, Hans Grundberg, ha rilasciato una dichiarazione in cui esprimeva il suo rammarico per il mancato accordo sulla tregua.

Il 2 aprile è stato raggiunto un accordo di cessate il fuoco di due mesi tra Riadh e Sanaa sotto gli auspici delle Nazioni Unite. Questo accordo è stato prorogato due volte nei mesi successivi, nonostante le numerose violazioni dei termini da parte della coalizione a guida saudita.

Queste violazioni includevano il persistente bombardamento delle postazioni di Ansarallah, il saccheggio delle ricchezze naturali dello Yemen e il sequestro illegale di navi per il rifornimento di carburante umanitario approvate dalle Nazioni Unite.

 

All'inizio di quest'anno, le forze armate yemenite hanno effettuato con successo numerosi attacchi missilistici e con droni nelle profondità dell'Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti , colpendo impianti petroliferi strategici in un'inaspettata dimostrazione di forza da parte della resistenza.

 

Per celebrare l'ottavo anniversario della rivoluzione del 21 settembre, il mese scorso le forze armate yemenite hanno mostrato il loro nuovo arsenale militare, che secondo loro può proteggere i cieli dello Yemen.

Un rapporto dell'Entesaf Organization for Women and Child Rights pubblicato il mese scorso ha rivelato che la guerra dell'Arabia Saudita in Yemen ha ucciso e ferito oltre 13.000 civili yemeniti dal 2015.

L'organizzazione per l'infanzia delle Nazioni Unite, l'UNICEF, afferma che "lo Yemen rimane una delle più grandi crisi umanitarie al mondo, con circa 23,7 milioni di persone bisognose di assistenza, inclusi quasi 13 milioni di bambini".

 

 

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata di Paolo Maddalena "Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta? di Francesco Santoianni Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti