Vijay Prashad - ExxonMobil vuole iniziare una guerra in America Latina

Vijay Prashad - ExxonMobil vuole iniziare una guerra in America Latina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Vijay Prashad - Peoples Dispatch

Il 3 dicembre 2023, un gran numero di elettori registrati in Venezuela ha votato in un referendum sulla regione dell'Esequibo, contesa con la vicina Guyana. Quasi tutti i votanti hanno risposto sì ai cinque quesiti. Queste domande chiedevano al popolo venezuelano di affermare la sovranità del proprio Paese sull'Esequibo. "Oggi", ha dichiarato il presidente venezuelano Nicolas Maduro, "non ci sono né vincitori né vinti". L'unico vincitore, ha detto, è la sovranità del Venezuela. Il principale perdente, ha detto Maduro, è la ExxonMobil.

Nel 2022, la ExxonMobil ha realizzato un profitto di 55,7 miliardi di dollari, diventando una delle compagnie petrolifere più ricche e potenti del mondo. Aziende come la ExxonMobil esercitano un potere smisurato sull'economia mondiale e sui Paesi che possiedono riserve di petrolio. Ha tentacoli in tutto il mondo, dalla Malesia all'Argentina. Nel suo ‘Private Empire: ExxonMobil and American Power (2012)’, Steve Coll descrive come l'azienda sia uno "Stato corporativo all'interno dello Stato nordamericano". I dirigenti della ExxonMobil hanno sempre avuto un rapporto intimo con il governo degli Stati Uniti: Lee "Iron Ass" Raymond (amministratore delegato dal 1993 al 2005) era uno stretto amico personale del vicepresidente degli Stati Uniti Dick Cheney e ha contribuito a plasmare la politica del governo degli Stati Uniti sul cambiamento climatico; Rex Tillerson (successore di Raymond nel 2006) ha lasciato l'azienda nel 2017 per diventare Segretario di Stato degli Stati Uniti sotto il presidente Donald Trump. Coll descrive come la ExxonMobil utilizzi il potere statale statunitense per trovare sempre più riserve di petrolio e per assicurarsi che la ExxonMobil diventi il beneficiario di tali scoperte.

Camminando per i vari centri elettorali di Caracas il giorno delle elezioni, è stato chiaro che le persone che hanno votato sapevano esattamente per cosa stavano votando: non tanto contro il popolo della Guyana, un Paese con una popolazione di poco più di 800.000 abitanti, ma stavano votando per la sovranità venezuelana contro compagnie come la ExxonMobil. L'atmosfera che si respirava in questa votazione – coniugata con il patriottismo venezuelano - era più che altro il desiderio di eliminare l'influenza delle multinazionali e di permettere ai popoli del Sud America di risolvere le loro controversie e di dividere le loro ricchezze tra di loro.

Quando il Venezuela cacciò ExxonMobil

Quando Hugo Chávez vinse le elezioni per la presidenza del Venezuela nel 1998, disse quasi subito che le risorse del Paese - soprattutto il petrolio, che finanzia lo sviluppo sociale del Paese - dovevano essere nelle mani del popolo e non di compagnie petrolifere come la ExxonMobil. "El petroleo es nuestro" (il petrolio è nostro), era lo slogan. A partire dal 2006, il governo di Chávez ha iniziato un ciclo di nazionalizzazioni, con il petrolio al centro (il petrolio era stato nazionalizzato negli anni '70, poi privatizzato nuovamente due decenni dopo). La maggior parte delle multinazionali petrolifere ha accettato le nuove leggi per la regolamentazione dell'industria petrolifera, ma due si sono rifiutate: ConocoPhillips e ExxonMobil. Entrambe le società hanno chiesto decine di miliardi di dollari di risarcimento, anche se nel 2014 il Centro internazionale per la risoluzione delle controversie sugli investimenti (ICSID) ha stabilito che il Venezuela doveva pagare alla ExxonMobil solo 1,6 miliardi di dollari.

Rex Tillerson era furioso, secondo le persone che lavoravano alla ExxonMobil in quel periodo. Nel 2017, il Washington Post ha pubblicato un articolo che rifletteva il sentimento di Tillerson: "Rex Tillerson è rimasto scottato in Venezuela. Poi si è vendicato". La ExxonMobil ha firmato un accordo con la Guyana per la ricerca di petrolio off-shore nel 1999, ma ha iniziato a esplorare la costa solo nel marzo 2015, dopo il verdetto negativo dell'ICSID. La ExxonMobil ha usato tutta la forza di una campagna di massima pressione degli Stati Uniti contro il Venezuela sia per consolidare i suoi progetti nel territorio conteso sia per minare la rivendicazione del Venezuela sulla regione dell'Esequibo. Questa è stata la vendetta di Tillerson.

Un pessimo affare per la Guyana

Nel 2015 la ExxonMobil ha annunciato di aver trovato 295 piedi di "giacimenti di arenaria di alta qualità"; si tratta di uno dei più grandi ritrovamenti di petrolio degli ultimi anni. Il gigante petrolifero ha avviato regolari consultazioni con il governo della Guyana, impegnandosi a finanziare tutti i costi iniziali dell'esplorazione petrolifera. Quando è trapelato l'accordo di condivisione della produzione tra il governo della Guyana e la ExxonMobil, è emerso quanto la Guyana non sia stata all'altezza delle trattative. Alla ExxonMobil è stato assegnato il 75% delle entrate petrolifere per il recupero dei costi, mentre il resto è stato diviso al 50% con la Guyana; la compagnia petrolifera, a sua volta, è esente da qualsiasi imposta. L'articolo 32 ("Stabilità dell'accordo") stabilisce che il governo "non potrà emendare, modificare, rescindere, terminare, dichiarare invalido o inapplicabile, richiedere la rinegoziazione, obbligare alla sostituzione o al rimpiazzo, o cercare in altro modo di evitare, alterare o limitare il presente accordo" senza il consenso della ExxonMobil. Questo accordo intrappola tutti i futuri governi della Guyana in un pessimo affare.

Ancora peggio per la Guyana è che l'accordo viene stipulato in acque contese con il Venezuela fin dal XIX secolo. La falsità degli inglesi e poi degli Stati Uniti ha creato le condizioni per una disputa di confine nella regione che aveva problemi limitati prima della scoperta del petrolio. Negli anni 2000, la Guyana ha avuto stretti legami fraterni con il governo del Venezuela. Nel 2009, nell'ambito dello schema PetroCaribe, la Guyana ha acquistato petrolio a prezzo ridotto dal Venezuela in cambio di riso, una manna per l'industria del riso della Guyana. Lo schema "petrolio in cambio di riso" è terminato nel novembre 2015, in parte a causa del calo dei prezzi globali del petrolio. Per gli osservatori di Georgetown e Caracas era chiaro che lo schema risentiva delle crescenti tensioni tra i Paesi sulla regione contesa dell'Esequibo.

Divide et impera della ExxonMobil

Il referendum del 3 dicembre in Venezuela e la protesta dei "circoli dell'unità" in Guyana suggeriscono un indurimento della posizione di entrambi i Paesi. Nel frattempo, a margine della riunione della COP-28, il presidente della Guyana Irfaan Ali ha incontrato il presidente di Cuba Miguel Díaz-Canel e il primo ministro di Saint Vincent e Grenadine Ralph Gonsalves per parlare della situazione. Ali ha esortato Díaz-Canel a sollecitare il Venezuela a mantenere una "zona di pace".

La guerra non sembra essere all'orizzonte. Gli Stati Uniti hanno ritirato parte del blocco sull'industria petrolifera venezuelana, permettendo alla Chevron di riavviare diversi progetti petroliferi nella cintura dell'Orinoco e nel lago di Maracaibo. Washington non ha voglia di approfondire il conflitto con il Venezuela. Ma la ExxonMobil sì. Né il popolo venezuelano né quello guyanese beneficeranno dell'intervento politico della ExxonMobil nella regione. Ecco perché molti venezuelani che si sono recati a votare il 3 dicembre hanno visto questo conflitto non tanto come un conflitto tra Venezuela e Guyana, quanto piuttosto come un conflitto tra la ExxonMobil e la popolazione di questi due Paesi sudamericani.

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream di Andrea Puccio Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti