Venezuela. La lunga marcia della gioventù bolivariana

Venezuela. La lunga marcia della gioventù bolivariana

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

“Se qualcosa è stato realizzato in questi 24 anni di rivoluzione, è includere i giovani nel processo decisionale del Paese, è tener conto dei giovani. I giovani di oggi valgono, i giovani di oggi sono ascoltati. " Così ha detto il presidente venezuelano, Nicolas Maduro, rivolgendosi alla folla di giovani che, domenica 12 febbraio, ha sfilato a Caracas verso il Palazzo Miraflores, per celebrare la Giornata della Gioventù. Per l'occasione – il 209° anniversario della Battaglia della Vittoria -, il presidente ha annunciato la creazione di un programma sociale dedicato ai giovani, che mirerà a "fare di più" nei settori dell'istruzione, dell'economia, della casa, dello sport, dell'imprenditoria e della cultura. "Tutta la gioventù venezuelana - ha detto - è convocata al grande congresso giovanile l'11 e 12 marzo, qui a Caracas, per fondare la Grande Missione Giovanile Venezuela".

Un compito che spetterà al vicepresidente del governo per il socialismo sociale e territoriale, Mervin Maldonado, e alla giovane deputata Grecia Colmenares, che definiranno i temi fondamentali del prossimo incontro. L’appello - ha aggiunto il Capo dello Stato - dovrà essere il più ampio possibile, e aprirà la strada alla generazione di posti di lavoro per i giovani, al sostegno all'imprenditoria e al sostegno ai talenti. “Questo è il momento della gioventù antimperialista – ha detto Maduro -. Con l'unione dei giovani coltiveremo i valori fondanti la nostra Patria, con amore e ribellione, contro il flagello della corruzione. I giovani devono aspirare a una coscienza superiore".

Un tale livello di partecipazione giovanile alla vita politica non si vede in Europa. I giovani europei non hanno motivo di sostenere governi che, al di là della retorica, offrono loro ben poco spazio. Le carenze strutturali di paesi come l'Italia e la subalternità dei governi ai diktat dell’impresa non favoriscono il loro inserimento nel mondo del lavoro, rallentandone l’autonomia socioeconomica, condizione essenziale per il pieno e consapevole esercizio dei diritti politici e civili. La tardiva acquisizione della stabilità sociale ed economica incide sulla costituzione dell'identità degli individui, e determina la scarsa propensione a partecipare a una politica dove i giovani possono votare, ma non decidere.

In Italia, la diffusione delle forme di lavoro atipico ha contribuito a un peggioramento della qualità complessiva dell'occupazione, che ha portato anche a un ulteriore abbassamento dei livelli salariali medi. La combinazione di basse retribuzioni orarie e intensi contratti di lavoro a breve termine, si traduce in livelli salariali annui significativamente inferiori. Secondo il rapporto Istat 2022, circa 4 milioni di occupati del settore privato sono sottopagati, percepiscono cioè una retribuzione annua lorda teorica inferiore a 12.000 euro, che non basta per far fronte all’alto livello del costo della vita.

Circa 1,3 milioni di dipendenti ricevono una paga oraria bassa, inferiore a 8,41 euro. Per 1 milione di dipendenti, i due elementi di vulnerabilità si sommano. Tra i più penalizzati, i giovani sotto i 34 anni, le donne e gli stranieri, con basso titolo di studio, i residenti nel Mezzogiorno e gli occupati nel settore dei servizi. Salari bassi, deterioramento della qualità dell'occupazione, fuga di cervelli, caratterizzano sia l'UE che l'Eurozona. A novembre 2022, il tasso di disoccupazione tra i minori di 25 anni ha raggiunto il 15,1%.

La creazione di nuovi e migliori posti di lavoro per i giovani è anche una grande sfida in America Latina e nei Caraibi. La crisi del Covid-19 nei mercati del lavoro ha fatto salire il tasso di disoccupazione dei giovani oltre il 20 per cento, una percentuale che triplica il tasso degli adulti ed è più del doppio del tasso di disoccupazione medio complessivo della regione. In numeri assoluti, sono più di 10 milioni i giovani che cercano lavoro senza trovarlo. D'altra parte, 6 giovani su 10 che trovano lavoro sono costretti ad accettare lavori nell'economia informale, che implica condizioni di lavoro precarie, senza tutele o diritti, con bassi salari e ritmi eccessivi. Si stima che circa 20 milioni di giovani della regione non studino e non lavorino, in gran parte a causa della frustrazione e dello scoraggiamento dovuti alla mancanza di opportunità nel mercato del lavoro.

Al contrario, il Venezuela ha il 92% di scolarizzazione e l'85% dei giovani studia nelle università pubbliche. C'è ancora del lavoro da fare – ha detto il presidente – ma i giovani sono stati e sono il centro di resistenza al bloqueo, all’ingerenza e alla propaganda dell'imperialismo e dei suoi burattini locali. Tuttavia, ha chiesto di “fare di più”, e di dotarsi di “uno spirito di ribellione permanente per andare verso il nuovo”.

Spetta ai giovani “liberare la Patria”, cioè liberarla dal bloqueo, dalle sanzioni che “hanno cercato di soffocare e uccidere la nostra economia e la nostra identità, di porre fine e di distruggere lo Stato Sociale che il socialismo ha fondato con le Missioni e le Grandi Missioni”.

Dal Venezuela che, nonostante il blocco criminale dell’imperialismo ha mantenuto la gratuità dell’istruzione, e non ha privatizzato né la salute né i servizi pubblici, e non ha affatto cambiato le leggi sulla garanzia del posto di lavoro, arriva quindi un messaggio importante. E appare anche rilevante il riferimento alla storia: in questo caso alla Battaglia della Victoria, quando, nel 1814, giovani studenti e seminaristi inesperti risposero all'appello del generale José Félix Ribas, impedendo all'esercito monarchico di prendere la piazza della città di Victoria, nello stato di Aragua.

E anche questo è un messaggio per i giovani d'Europa, perché tornino a ispirarsi alle proprie radici e agli ideali di chi ha cercato di cambiare le cose nel 20° secolo, pagando costi elevati: per trasformarli in uno strumento di lotta e in nuovi progetti, per il presente e per il futuro.

(Articolo pubblicato su Cuatro F)

Geraldina Colotti

Geraldina Colotti

Giornalista e scrittrice, cura la versione italiana del mensile di politica internazionale Le Monde diplomatique. Esperta di America Latina, scrive per diversi quotidiani e riviste internazionali. È corrispondente per l’Europa di Resumen Latinoamericano e del Cuatro F, la rivista del Partito Socialista Unito del Venezuela (PSUV). Fa parte della segreteria internazionale del Consejo Nacional y Internacional de la comunicación Popular (CONAICOP), delle Brigate Internazionali della Comunicazione Solidale (BRICS-PSUV), della Rete Europea di Solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana e della Rete degli Intellettuali in difesa dell’Umanità.

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La partita a scacchi più pericolosa di sempre di Giuseppe Masala La partita a scacchi più pericolosa di sempre

La partita a scacchi più pericolosa di sempre

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti