Venezuela: il presidente Maduro ha presentato risultati e progressi del 2023

Venezuela: il presidente Maduro ha presentato risultati e progressi del 2023

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, nel suo consueto messaggio di fine anno, ha sottolineato che il Paese sudamericano sta costruendo le basi per consolidare la crescita economica nonostante le oltre 900 sanzioni – ingiuste e illegali - imposte dal governo degli Stati Uniti. Alla televisione nazionale, il capo di Stato bolivariano ha presentato otto linee di lavoro per consolidare i risultati ottenuti quest'anno da Caracas, come riportano i media nazionali.

"Ci siamo proposti di consolidare la crescita economica di un nuovo modello diversificato in cui abbiamo lavorato progressivamente, passo dopo passo, con successo, di fronte alle azioni criminali, aggiungendo l'ingrediente umano che dà senso al nostro progetto: l'uguaglianza", ha affermato lo statista venezuelano.

A questo proposito, ha sottolineato l'attivazione dei 18 motori dell'economia nazionale e l'orientamento diretto allo sviluppo produttivo, con azioni concrete e un impatto reale.

Va ricordato che alla fine di novembre Maduro ha incaricato le autorità di creare un piano di finanziamento speciale, con l'obiettivo di rafforzare tutti i settori economici del Paese. Questo piano sarà preparato dalla vicepresidente esecutiva, Delcy Rodríguez, e dovrebbe essere attivo già dal mese di gennaio.

D'altra parte, il presidente venezuelano ha sottolineato l'iniziativa di superare il rentierismo petrolifero, la dipendenza e la creazione di formule alternative alle ricette neoliberiste. "Abbiamo raggiunto equilibri importanti in un'economia di guerra, e solo preservando questi equilibri possiamo passare a una fase di stabilità virtuosa. La prossima fase".

Recentemente, il Presidente Maduro ha sottolineato l'andamento positivo della crescita economica del Paese sudamericano nel terzo trimestre.

La Patria Grande sta rinascendo

"La Patria Grande Sur sta rinascendo, il nostro ingresso come partner nel meccanismo dei BRICS potrebbe essere considerato un primo passo, un primo traguardo che nel 2024 contiamo di consolidare con l'ingresso definitivo del Venezuela in questo meccanismo internazionale di primo livello".

Il 2023 è stato l'anno del consolidamento dell'amicizia e della cooperazione, normalizzando le relazioni con la maggior parte dei Paesi dell'America Latina e del Sud, ha sottolineato il presidente Maduro.

"Consolidare il progetto Patria Grande è un impegno che ogni bolivariano deve mantenere in qualsiasi circostanza", ha sottolineato nel suo messaggio di fine anno alla nazione. In questo contesto, ha evidenziato il consolidamento delle relazioni colombiano-venezuelane, concretizzatosi con la firma di importanti trattati e accordi vantaggiosi per entrambi i Paesi.

Il leader venezuelano ha evidenziato la visita nella Repubblica Popolare Cinese, che ha lasciato "come grande risultato il gemellaggio di tre città di prima classe in Cina e nel mondo", oltre a "decine di accordi commerciali, militari, economici, culturali, politici, e poiché stiamo parlando di un mondo libero, integrato, con un destino comune".

Indipendenza e decolonizzazione 

Maduro ha sottolineato il consolidamento della piena indipendenza e decolonizzazione del Venezuela come linea d'azione delll'anno 2023. "Oggi possiamo considerare prioritaria come nostra principale conquista la lotta per i diritti storici del Venezuela sulla Guyana Esequiba e contro l'espropriazione criminale che i vecchi e nuovi imperi stanno cercando di rieditare nel XXI secolo", prima, durante e dopo il referendum popolare vincolante del 3 dicembre.

Ha indicato che a seguito di questo referendum "si è risvegliata una coscienza nazionalista come mai prima in 200 anni di Repubblica, che è riuscita a unirci tutti al di là delle differenze di partito, religiose, culturali e di qualsiasi altro tipo. Con una forte volontà di difendere la nostra nazione".

Nel suo messaggio di Capodanno, il presidente venezuelano ha ribadito solidarietà a nome del popolo venezuelano per il popolo palestinese, "che negli ultimi mesi è stato sotto tiro, e resiste a uno sterminio peggiore dell'Olocausto". In questo contesto, ha ribadito la richiesta al governo sionista di Israele di "fermare il massacro, fermare i bombardamenti e permettere alla Palestina di vivere in dignità, in pace nel suo millenario e sacro territorio".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo di Geraldina Colotti Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti