Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

Lo sapevate che gli americani possono entrare in Italia e in Europa senza bisogno di fare un tampone prima della partenza mentre gli italiani e gli europei sono ancora costretti a farlo se vogliono andare negli Stati Uniti?

O che se un cittadino italiano apre un conto bancario negli Stati Uniti nessuna informazione viene trasmessa al governo italiano mentre se lo stesso cittadino italiano apre un conto in Italia (ossia nel proprio paese) deve firmare una dichiarazione di non avere anche la cittadinanza americana, e se non la firma la banca è tenuta a informare il governo americano di ogni sua transazione?

O che gli Stati Uniti, pur avendo basi militari in 85 paesi del mondo (la Russia, per fare paragoni, in otto e tutti confinanti) e pur avendo scatenato una massiccia campagna propagandistica per aprirne anche in Polonia, Ucraina (è la principale causa della guerra in corso) e possibilmente Finlandia e Svezia, ciò nonostante vengono creduti quando affermano che gli imperialisti sono gli altri, ossia che il loro ben concreto colonialismo è necessario per impedire ipotetici colonialismi altrui?

In altre parole, lo sapevate che i paladini dell'eguaglianza e della correttezza politica si sentono superiori a tutti gli altri e ritengono che tutto gli sia dovuto, incuranti di qualsiasi principio di reciprocità?

Se non lo sapevate è perché avete accettato di vivere nel paese dei balocchi creato dai nuovi media e dalle nuove tecnologie, in cui si è felici perché ignari e ignoranti e poco importa che così si diventa, come Pinocchio, degli asini.

 

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

Francesco Erspamer

Francesco Erspamer

 

Professore di studi italiani e romanzi a Harvard; in precedenza ha insegnato alla II Università di Roma e alla New York University, e come visiting professor alla Arizona State University, alla University of Toronto, a UCLA, a Johns Hopkins e a McGill

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti