Unificazione monetaria a Cuba: quale impatto avrà sulla popolazione?

Unificazione monetaria a Cuba: quale impatto avrà sulla popolazione?

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

Il nuovo anno porta una grossa novità per Cuba: il paese metterà fine alla doppia circolazione monetaria. Dal 1 gennaio 2021 inizierà il processo di regolamentazione monetaria e cambiaria a Cuba con un tasso di cambio unico di 24 pesos cubani per un dollaro. 

Questo processo implica anche la cessazione della circolazione legale del CUC, l'eliminazione dei sussidi eccessivi e delle gratuità eccessive e una modifica nella distribuzione del reddito.

Secondo il presidente cubano Miguel Díaz-Canel Bermúdez, la nuova strategia economica e sociale approvata quest'anno ribadisce "l'ordine monetario come una delle componenti fondamentali che ha un'importanza trascendentale e ha un impatto trasversale sull'intera economia".

“È già stato affermato che il compito di ordinare non costituisce di per sé la soluzione magica a tutti i problemi presenti nella nostra economia. Tuttavia, favorirà la creazione delle condizioni necessarie per avanzare più solidamente”. 

Le origini della doppia circolazione monetaria

Quando è stata introdotta la dualità monetaria a Cuba? Cubadebate indica che tutto ebbe inizio agli inizi degli anni 90’ quando Cuba si è trovava nel pieno del cosiddetto Periodo Especial, quando caduta l’Unione Sovietica e di conseguenza il blocco socialista, Cuba si è praticamente trovata isolata e col fardello del blocco statunitense a soffocare l’economia. A quel punto tutti gli indicatori economici dell’Isola subirono un forte deterioramento. 

L’economista Lazaro Toirac, consigliere del ministro dell’Economia cubano, spiega che Cuba subì un processo di svalutazione del peso cubano rispetto al dollaro fino a giungere alla cifra di 150 CUP per USD, quindi nel 1993 fu permessa la circolazione parziale del dollaro. 

Afferma inoltre il consigliere cubano: “Siamo partiti dall’idea (del comandante in capo Fidel Castro) che le attività economiche che potevano generare il loro reddito come il nichel e lo zucchero, avrebbero cercato meccanismi per farlo. Grazie a questo passaggio, molte entità si sono sentite stimolate, ottenendo allo stesso tempo una certa indipendenza economica come la capacità di importare, anche se questo non ha avuto un impatto diretto sull'economia interna”. 

Furono poi implementate una serie di misure per captare distribuire parte della valuta estera in entrata nel paese, principalmente per le rimesse dei cubani residenti all'estero e dall’incipiente turismo. 

Secondo Lázaro Toirac, quando è nato il CUC, ha svolto una funzione, mentre altri esperti in materia riferiscono che i benefici a breve termine hanno cominciato ad essere controbilanciati dai costi imposti dalla sua estensione nel tempo.

Cosa succede adesso?

Al contrario di quanto avviene nei paesi capitalisti dove vige il neoliberismo reale non ci sarà nessuna misura ad alto impatto che andrà ad investire la popolazione cubana. “Il nostro socialismo esclude come politica l'applicazione della terapia d'urto ai lavoratori. Pertanto, qui nessuno rimarrà impotente ed è previsto se qualcuno dovesse essere lasciato in una situazione di vulnerabilità con l'applicazione del compito di ordinazione come sarà supportato e aiutato. Ratifichiamo responsabilmente che i risultati fondamentali della Rivoluzione saranno preservati, come la salute e l'istruzione gratuita sancite dalla Costituzione”, ha affermato il presidente Miguel Díaz-Canel al programma televisivo Mesa Redonda. 

Il salario minimo e la pensione minima prenderanno come punto di partenza il paniere di riferimento di beni e servizi. 

Secondo Marino Murillo Jorge, capo della Commissione di Attuazione delle Linee guida, questo è un meccanismo che raggruppa non solo i prodotti consegnati attraverso la cosiddetta ‘libreta’, ma anche un altro ampio gruppo di beni e servizi come trasporti, tempo libero e altri.

Una domanda frequente della popolazione è se il paniere di riferimento di base includa solo cibo o anche altri articoli che soddisfano i bisogni della popolazione.

A tal proposito, il capo della Commissione permanente per l'attuazione e lo sviluppo delle Linee Guida ha ricordato che un paniere non può contenere solo cibo, poiché le persone non mangiano solamente ma “spendono anche in prodotti per l'igiene, devono pagare per l'elettricità, i mezzi pubblici, devono vestirsi e, quindi, il paniere deve comprendere tutte quelle spese”. 

Il paniere proposto - ha aggiunto - include un calcolo dei farmaci nel caso l'individuo si ammali. Ha anche sottolineato che se guadagni il salario minimo non sei nelle stesse condizioni di chi guadagna cinque salari minimi. 

Ha poi aggiunto che il paniere di riferimento dei beni e dei consumi è il punto di partenza del salario minimo. “Questo paniere include anche un calcolo per la riparazione e la manutenzione della casa, ma c'è chi non deve sostenere queste spese. È un paniere di riferimento che include un gruppo di spese che non riguardano solo il cibo, ma anche l'elettricità e i trasporti, tra gli altri.

Il calcolo del valore di questo paniere è il punto di riferimento per formare i prezzi nel mercato al dettaglio e per stabilire il nuovo salario minimo. Tuttavia, ha sottolineato il dirigente cubano, è impossibile fingere di risolvere tutto il "giorno zero", ma che ogni passaggio fa parte dell'ordinamento monetario. 

I salari

Per quanto riguarda l'aumento dei salari, a Cuba esiste una scala salariale composta da 32 gruppi, in cui circa 29.000 persone guadagnano il salario minimo. “I nuovi salari devono sostenere i consumi del lavoratore e della sua famiglia. Abbiamo studiato la composizione dei nuclei familiari presenti nel Paese, composti da quasi tre persone, di cui circa due hanno un rapporto di lavoro.

“Allora può accadere che in quelle famiglie una persona guadagni il salario minimo e un'altra riceva fino a cinque volte quel valore e, quindi, possa far fronte alle spese dell'altro membro del nucleo che non lavora. Tuttavia, può anche accadere che due di queste persone ricevano l'importo minimo e non possano raggiungere il valore del paniere di beni e servizi per ciascuna. In quei casi interverrà la sicurezza sociale”, ha assicurato Marino Murillo Jorge. 

Impatto sulle esportazioni

Il ministro dell'Economia e della Pianificazione, Alejandro Gil Fernández, ha recentemente sottolineato che la regolamentazione monetaria avrà un impatto favorevole sull'incentivo alle esportazioni, poiché oggi la sopravvalutazione della moneta nazionale colpisce le esportazioni e stimola le importazioni.

Ad esempio, attualmente una società statale che esporta un prodotto del valore di $ 100 riceve nel suo reddito contabile calcolato in 100 pesos in valuta nazionale. Molte volte, con questo reddito, non riesce a coprire i suoi costi.

I cambiamenti nell'impresa statale socialista sono una delle questioni fondamentali nella nuova strategia di sviluppo cubana. A questo proposito, Gil Fernández ha ricordato che recentemente il Consiglio dei Ministri ha approvato un gruppo di 15 misure volte a migliorare queste entità.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci di Francesco Santoianni I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Chi uccide veramente la cultura (da 30 anni) di Giuseppe Masala Chi uccide veramente la cultura (da 30 anni)

Chi uccide veramente la cultura (da 30 anni)

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti