Una Nuland "disperata" in Africa: gli USA "totalmente impreparati" di fronte agli sviluppi africani

Una Nuland "disperata" in Africa: gli USA "totalmente impreparati" di fronte agli sviluppi africani

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

In un interessante articolo apparso su The Grayzone (la cui traduzione in italiano segue questa breve introduzione), la giornalista Anya Parampil ha parlato della recente visita della Vice Segretaria di Stato USA, Victoria Nuland, in Sudafrica e le sue difficoltà nell'affrontare gli sviluppi recenti in Africa, in particolare il colpo di Stato militare in Niger avvenuto poco prima del suo tour nella regione. Un funzionario sudafricano ha descritto Nuland come "totalmente impreparata" per affrontare i cambiamenti nella regione e ha notato che gli Stati Uniti hanno cercato l'assistenza del Sudafrica nel gestire i conflitti regionali, sottolineando gli investimenti finanziari e la presenza di truppe statunitensi in Niger.

L'articolo sottolinea il ruolo di Victoria Nuland come una delle figure principali nell'organizzazione di regime change voluti dagli Stati Uniti, con un passato di coinvolgimento in Ucraina. Come dimostrato dal suo sostegno agli eventi del Maidan del 2014 in Ucraina, che ha poi portato all’attuale conflitto con la Russia. Il fallimento della Nuland evidenzia inoltre che il potere di Washington nel plasmare la politica di altri Stati sta diminuendo, specialmente in Sudafrica e nella regione circostante.

Contestualmente all’ascesa del blocco BRICS, composto da un gruppo di nazioni emergenti impegnate nella costruzione di un mondo multipolare basato sulla cooperazione e il multilateralismo, in contrasto con l'approccio unilaterale degli Stati Uniti. Il BRICS ha recentemente allargato i suoi membri e sta crescendo in importanza economica globale, sfidando l'egemonia occidentale.

Dunque adesso ci si interroga su come le future generazioni di funzionari statunitensi affronteranno questo cambiamento nel panorama mondiale, soprattutto alla luce del declino dell'influenza degli Stati Uniti.

——————

Quando il vice segretario di Stato USA Victoria Nuland si è recata in Sudafrica il 29 luglio,è stata preceduta dalla sua reputazione di strumento degli interessi egemonici di Washington.

Secondo un veterano funzionario sudafricano che ha partecipato alle riunioni con il diplomatico senior degli Stati Uniti a Pretoria, tuttavia, Nuland e il suo team erano evidentemente impreparati a affrontare i recenti sviluppi nel continente africano, in particolare il colpo di Stato militare che ha rimosso il filo-occidentale del Niger prima che iniziasse il suo tour multi-stop nella regione.

"In oltre 20 anni lavorando con gli statunitensi, non li ho mai visti così disperati", ha detto il funzionario a The Grayzone, parlando a condizione di anonimato.

Pretoria era ben consapevole della reputazione da falco di Nuland, ma quando è arrivata a Pretoria, il funzionario ll’ha descritta come "totalmente colta alla sprovvista" dai venti del cambiamento che soffiano nella regione. Il putsch di luglio che ha visto una popolare giunta militare salire al potere in Niger ha seguito i golpe militari in Mali e Burkina Faso che erano allo stesso modo ispirati al sentimento di massa anticoloniale.

Sebbene Washington abbia finora rifiutato di caratterizzare gli sviluppi nella capitale nigerina di Niamey come un colpo di Stato, la fonte sudafricana ha confermato che Nuland ha cercato l'assistenza del Sudafrica in risposta ai conflitti regionali, incluso nel Niger, dove ha sottolineato che Washington non solo ha investimenti finanziari significativi, ma anche ben 1000 soldati. Per Nuland, la consapevolezza che stava negoziando da una posizione di debolezza era probabilmente un brusco risveglio.

Al servizio di entrambi i partiti e dell'impero, un regime change alla volta

Nell'ultimo decennio e mezzo, Victoria Nuland si è affermata come uno degli agenti più potenti - ed efficaci - delle operazioni di regime change dirette dall'Occidente all'interno del Dipartimento di Stato. Moglie dello stratega arci-neoconservatore Robert Kagan, consulente del candidato repubblicano alla presidenza Mitt Romney e della democratica Hillary Clinton, la Nuland ha incarnato il consenso interventista prevalente in entrambi i partiti nell'era pre-Trump. Il suo primo incarico di alto livello è avvenuto sotto la guida del vicepresidente Dick Cheney, che l'ha nominata vice capo del suo staff.

Quando Nuland è tornata al governo come esperta di Russia nel Dipartimento di Stato del Presidente Barack Obama, ha guidato la campagna segreta per destabilizzare l'Ucraina, guidando il colpo di Stato di Maidan del 2014 che ha scatenato il successivo conflitto civile del Paese e, infine, una guerra per procura dell'Occidente con la Russia che infuria ancora oggi.

"Dall'indipendenza dell'Ucraina nel 1991, gli Stati Uniti hanno sostenuto gli ucraini nella costruzione di competenze e istituzioni democratiche", ha vantato Nuland, all'epoca Assistente del Segretario di Stato per gli Affari Europei, durante un discorso del dicembre 2013 davanti alla Fondazione Stati Uniti-Ucraina a Kiev, affiancata da un pannello promozionale della Chevron.

"Abbiamo investito più di cinque miliardi di dollari per assistere l'Ucraina in questi e altri obiettivi", ha continuato, articolando il sostegno di Washington a quelle che ha descritto come "aspirazioni europee" dell'Ucraina.

La Nuland ha ripetuto questo vanto involontariamente rivelatore durante un'intervista del 2014 con Christiane Amanpour della CNN. Giorni prima del suo discorso, lei e l'allora ambasciatore USA in Ucraina, Geoffrey Pyatt, avevano distribuito "biscotti della libertà" agli ucraini che occupavano la piazza Maidan di Kiev per protestare contro la decisione del presidente Viktor Yanukovych di, secondo le parole della Nuland, "fare una pausa sulla strada per l'Europa".

Circa tre mesi dopo, la prolungata campagna di rivolte del Maidan è riuscita a far cadere il governo di Yanukovych, portando all'insediamento a Kiev di un regime decisamente filo-UE (e apertamente filo-nazista) che si sarebbe prontamente aggiudicato il titolo di "nazione più corrotta d'Europa". Giorni prima della destituzione di Yanukovych, un audio trapelato ha rivelato che Nuland e l'ambasciatore Pyatt stavano attivamente selezionando le figure dell'opposizione che avrebbero assunto il potere a Kiev in caso di successo del Maidan.

"Che si fotta l'UE", ha detto la Nuland durante la telefonata del 7 febbraio 2014, un'apparente risposta ai leader europei che si opponevano allo sforzo di destabilizzazione del suo governo in Ucraina.

A quasi un decennio dalla campagna di Kiev della Nuland, tuttavia, la capacità di Washington di dettare la politica sovrana degli Stati esteri è sempre più limitata, soprattutto in Sudafrica e nella regione circostante.

In Africa, il sole tramonta sul mondo unipolare

L'emergere di un nuovo ordine globale è stato mostrato in tutta la sua evidenza quando i capi di Stato di Brasile, India, Cina e Sudafrica si sono riuniti per il 15° vertice presidenziale annuale dei BRICS a Johannesburg durante la settimana del 21 agosto. Mentre i media occidentali hanno sottolineato l'assenza del Presidente russo Vladimir Putin dal vertice come prova delle profonde divisioni all'interno dei BRICS (il Ministro degli Esteri Sergey Lavrov ha partecipato al vertice al posto di Putin), il blocco ha infine rilasciato una dichiarazione unanime il 24 agosto, in cui si afferma che estenderà la piena adesione ad Argentina, Egitto, Etiopia, Iran, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti.

"Il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa, che ha presieduto il vertice, ha scritto su X (ex Twitter) dopo aver annunciato i risultati della storica dichiarazione di Johannesburg 2 davanti a una sala gremita di stampa internazionale. "È una partnership paritaria di Paesi che hanno opinioni diverse ma una visione condivisa per un mondo migliore".

I leader dei BRICS hanno infatti sottolineato l'importanza della funzione del gruppo come organizzazione "basata sul consenso", costruita sulle fondamenta del multilateralismo e sull'impegno nei confronti dei principi sanciti dalla Carta delle Nazioni Unite. Ciò è in netto contrasto con alleanze come il G20 che, pur essendo apparentemente impegnate nello scambio multilaterale, sono viste da Washington e dai suoi alleati come un forum attraverso il quale imporre la propria visione del mondo.

L'arroganza occidentale è stata particolarmente palpabile al momento dell'assunzione della presidenza del G20 da parte dell'India nel 2023, quando i funzionari statunitensi ed europei hanno condotto una futile campagna di pressione su Nuova Delhi affinché escludesse la Russia dalle riunioni del gruppo, nonostante lo status di membro permanente di Mosca.

“Non dovremmo tornare alla guerra fredda”

A margine del vertice BRICS, ho parlato con il ministro sudafricano per il Commercio, l'Industria e la Concorrenza, Ebrahim Patel, dello scopo dei BRICS.

"I BRICS vogliono rappresentare un mondo in cui tutti traggano beneficio, non si tratta di cercare di entrare in una nuova guerra fredda", ha commentato Patel.

"La guerra fredda non è stata un buon momento per l'umanità", ha proseguito Patel, che ha presieduto il BRICS Business Forum di Johannesburg, quando gli è stato chiesto se gli Stati Uniti e l'Europa avrebbero mai potuto accettare lo scambio multilaterale come qualcosa di diverso da un attacco agli interessi egemonici occidentali. "Non dobbiamo tornare alla guerra fredda con due blocchi polarizzanti, ma abbiamo bisogno che le voci del Sud globale contribuiscano a plasmare l'architettura della governance e il modo in cui gli esseri umani interagiscono".

Il BRICS è quindi un'alleanza anti-occidentale?

"Ci saranno molti casi di fraintendimento, ma noi rappresentiamo un mondo unito, riconoscendo che i Paesi e le imprese sono in competizione", ha spiegato Patel. "Questo è sano, e alla base di questa competizione ci deve essere una profonda collaborazione e cooperazione tra le nazioni".

Alla domanda su cosa renda l'impegno dei BRICS verso il multilateralismo diverso da blocchi come il G20, Patel ha offerto una finestra sul vero funzionamento dei BRICS.

Quando i capi di Stato si riuniscono, dicono: "Ok, come possiamo far avanzare il quadrante?". La costruzione del consenso è un processo lento. È un processo disomogeneo. Ma significa che le decisioni prese hanno un solido sostegno".

Dopo due giorni di deliberazioni a Johannesburg, durante i quali i delegati hanno esaminato le richieste di adesione di circa due dozzine di nazioni, il BRICS ha raggiunto il consenso per l'ammissione di sei Stati che amplieranno drasticamente la sua quota dell'economia internazionale e del mercato delle risorse.

Dopo l'ingresso formale dei nuovi membri nel blocco, il prossimo febbraio, i BRICS includeranno 6 dei 10 principali produttori di petrolio al mondo, il 50% delle riserve mondiali di gas naturale e il 37% del PIL globale a parità di potere d'acquisto (PPA). La quota del G20 sul PIL mondiale è attualmente del 30%. Con l'aggiunta di Argentina e Arabia Saudita, il BRICS conterà anche sei nazioni permanenti del G20 tra i suoi membri.

Il ministro Patel ha riflettuto sul successo dei BRICS: "Il processo di costruzione del consenso è lento e richiede tempo". "Ma è più solido. Dura più a lungo".

Grazie ai BRICS, il famigerato progetto di Robert Kagan per gli Stati Uniti come egemone globale "benevolo" potrebbe essere superato dalla visione dei Paesi in via di sviluppo per un secolo che onori l'indipendenza politica, l'autodeterminazione e la sovranità territoriale di tutti gli Stati. La generazione di funzionari statunitensi che verrà dopo la Nuland accetterà il posto di Washington in questo mondo multipolare, o insisterà nel voler andare a fondo?

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti