Teheran conferma gli accordi petroliferi da 40 miliardi con la Russia

Teheran conferma gli accordi petroliferi da 40 miliardi con la Russia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Lo scorso agosto sembrava che i negoziati sul nucleare iraniani fossero in dirittura d’arrivo, al punto che l’Unione Europea considerava “ragionevole” la risposta di Teheran alle proposte del blocco. Gli Usa hanno poi frenato gli entusiasmi, avvertendo che fosse "improbabile" un accordo a breve termine. Le trattative così sono proseguite verso il ristagno, per non dire la palude, in quanto l’Ue con le proteste in corso in Iran, ha il pretesto per non fare passi avanti.

C’è un altro punto.

Iran e Russia lo scorso luglio avevano tracciato le linee guida per un accordo da 40 miliardi di dollari per l’estrazione di gas e petrolio. In quello stesso periodo Washington assicurò che il mondo intero avesse bisogno del petrolio iraniano. Lo sa pure l’Europa che agognava il ripristino dell’accordo sul nucleare iraniano visti i blocchi alla Russia per usufruire del petrolio di Teheran. Washington non vuole, l’Europa obbedisce e si suicida. Si deve morire per Washington rinunciando ad ogni alternativa possibile. Ecco, quindi, le motivazioni che hanno fomentato le proteste in Iran: dare il pretesto per dipingere il paese persiano come una “dittatura” con la quale non si deve sottoscrivere nessun accordo.

Proprio oggi, il viceministro dell'energia iraniano Ahmad Asadzadeh ha dichiarato a Sputnik che l'Iran spera di espandere la cooperazione energetica con la Russia, anticipando la firma di accordi bilaterali su petrolio e gas entro i prossimi sei mesi.

"Nel corso degli ultimi negoziati tra Russia e Iran siamo riusciti a compiere progressi sulla questione della realizzazione dei memorandum con Gazprom. Spero che riusciremo a concludere diversi accordi nei prossimi sei mesi", ha affermato Asadzadeh, in dichiarazioni rilanciate anche da Al Mayadeen,

Asadzadeh ha espresso la speranza che le condizioni attuali del mercato energetico accelerino "una maggiore coesione russo-iraniana nello sviluppo di progetti congiunti nei settori petrolifero, del gas e petrolchimico".

Ad agosto, i piani per un accordo di scambio di gas tra la National Iranian Gas Company e la Russia sono stati confermati dal ministro del petrolio iraniano Javad Owji, che aveva ribadito: "L'accordo di scambio di gas con la Russia sarà firmato nel prossimo futuro a Mosca tra la National Iranian Gas Società e società russe; Si sono svolte anche trattative per lo scambio di prodotti petroliferi; l'Iran ha molte capacità nel campo dei trasporti marittimi, ferroviari e terrestri per lo sviluppo dello swap".

Una riunione della commissione russo-iraniana per il commercio e la cooperazione economica si terrà a novembre, secondo un testo elaborato dal Cremlino in seguito al vertice SCO di Samarcanda.    

"Esiste una commissione permanente russo-iraniana per il commercio e la cooperazione economica (copresidente russo - Alexander Novak). Il suo prossimo incontro si terrà a novembre di quest'anno", si precisa ancora nel testo, nel quale si evidenzia che il commercio tra i due paesi nel 2021 è aumentato dell'81,4% a 4,1 miliardi di dollari e ha superato i 3 miliardi di dollari nel periodo gennaio-agosto. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Una rosa bianca in onore di José Martí di Geraldina Colotti Una rosa bianca in onore di José Martí

Una rosa bianca in onore di José Martí

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti