Taiwan, Zan e gli "ippopotami di Escobar": il Corriere batte ogni record di propaganda

Taiwan, Zan e gli "ippopotami di Escobar": il Corriere batte ogni record di propaganda

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il numero del Corriere oggi in edicola batte molti dei pur numerosi record di zelo antipopolare e antisocialista che questo foglio ha stabilito negli ultimi anni. 
 
Partiamo dal fondo di Paolo Mieli, il quale chiama di nuovo alle armi l’Europa, cui rimprovera di non essersi schierata con sufficiente decisione a fianco degli Usa nella difesa di Taiwan contro le mire di Pechino. 
 
Vogliamo fare anche in questo caso gli indifferenti, scrive, come abbiamo fatto nei confronti delle repressioni a Hong Kong? (Ovviamente tace sul fatto che a Hong Kong la Cina si è limitata a ristabilire la propria sovranità su un territorio che – come Taiwan! – le è sempre storicamente appartenuto, e che rappresenta l’ultimo residuo dell’occupazione coloniale che ha dovuto subire da parte delle potenze occidentali). 
 
Seguono paginate di lacrime sulla bocciatura della legge Zan, un pessimo provvedimento il cui solo “merito” è quello di avere depistato l’attenzione dal massacro dei diritti sociali in atto da parte del banchiere Draghi, alla cui ultima impresa (ricacciare indietro le pensioni alla situazione creata dalla famigerata legge Fornero) viene dedicato assai meno spazio, anche se il solerte Manca – con ammirevole faccia di bronzo - rilancia in prima pagina la tesi che tutto questo si fa per tutelare il futuro dei giovani (detto da chi ha difeso a spada tratta i processi di precarizzazione del lavoro che ai giovani hanno tolto ogni speranza di poter usufruire di una pensione). 
 
Dulcis in fundo: viene dedicata un’intera pagina (con richiamo in prima) agli ippopotami di Escobar ai quali, grazie alla sentenza di un giudice Usa, vengono riconosciuti diritti legali, con raccomandazione che vengano trattati come “persone”. Gli animali in questione sono alcune decine di discendenti di una coppia importata in Colombia dal boss della droga. 
 
Non abbiamo dubbi che il loro destino sarà migliore di quello delle decine di migliaia di colombiani assassinati dalle squadre della morte addestrate dai corpi speciali americani. Ma quelli erano miserabili contadini o guerriglieri comunisti e la loro fine non inquieta gli animalisti di San Francisco, il deputato Alessandro Zan né Paolo Mieli.

Carlo Formenti

Carlo Formenti

Giornalista, professore e ricercatore in pensione. Autore di "Il socialismo è morto. Viva il socialismo! Dalla disfatta della sinistra al momento populista" (Meltemi, 2019)

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Stage e tirocini? Caporalato legalizzato di Savino Balzano Stage e tirocini? Caporalato legalizzato

Stage e tirocini? Caporalato legalizzato

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza di Damiano Mazzotti La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

27 gennaio e Ucraina: celebrare la smemoria del tempo di Antonio Di Siena 27 gennaio e Ucraina: celebrare la smemoria del tempo

27 gennaio e Ucraina: celebrare la smemoria del tempo

Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro... di Gilberto Trombetta Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro...

Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro...

La crisi in Ucraina spiegata a due adolescenti di Roberto Cursi La crisi in Ucraina spiegata a due adolescenti

La crisi in Ucraina spiegata a due adolescenti

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti