Stellantis Pomigliano, riprende la lotta dei lavoratori. Adesione al 70% allo sciopero proclamato dallo Slai Cobas

Stellantis Pomigliano, riprende la lotta dei lavoratori. Adesione al 70% allo sciopero proclamato dallo Slai Cobas

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dove eravamo rimasti? Negli ultimi mesi prima delle ferie di agosto, Stellantis, ex Fiat, a Pomigliano d’Arco, aveva indetto i sabato lavorativi per far fronte alle perdite produttive dei modelli Fiat Panda e Alfa Romeo Tonale dovute agli scioperi dei lavoratori che hanno protestato nei mesi scorsi con cortei interni all’azienda contro i ritmi esasperanti della produzione e le condizioni igieniche precarie dei capannoni.

Alla ripresa delle attività lavorative, nulla è cambiato. Stellantis continua ad essere sorda alle rimostranze dei lavoratori. Oggi, nuovo sabato lavorativo e susseguente sciopero di 8 ore proclamato dallo Slai Cobas.

Questa volta Stellantis ha fatto trasferire ben 1200 operai da Melfi a Pomigliano, con esiti disartrosi. Solo 200 vetture prodotte su 500 programmate.

A comunicarlo a l’AntiDiplomatico è lo stesso sindacato di base.

“Nonostante l’azienda abbia comandato al lavoro nel primo turno anche tutti gli addetti al turno di pomeriggio nonché, in sopraggiunta, anche i 1.200 addetti trasferiti a Pomigliano dallo stabilimento di Melfi, a fronte delle 306 vetture Panda e 206 Tonale (che normalmente si producono in ogni turno di lavoro) stamattina sono state realizzate appena 100 vetture dalla linea Panda ed altrettante (n. 100) dalla linea Tonale.”

Lo Slai denuncia il ricatto ai danni dei lavoratori di Melfi per il trasferimento a Pomigliano e l’eliminazione del diritto alla mensa per non perdere la produzione.

A tal proposito, il sindacato di base denuncia che “Stellantis potrà sostenere a lungo un ingente raddoppio del costo del lavoro (per diversi milioni di euro mensili) in funzione antisindacale pagando le trasferte e gli alberghi ai 1.200 lavoratori trasferiti sotto ricatto da Melfi a Pomigliano. Specialmente quando anche questi lavoratori, come quelli di Pomigliano, e a maggioranza come oggi, cominciano a mobilitarsi a tutela della democrazia sindacale e dei proprio diritti.”

Oltre la consueta retorica che si potrebbe fare con la prospettiva di un “autunno caldo”, dallo stabilimento di Pomigliano potrebbe partire una nuova e vera stagione di lotta.

Riportare la democrazia in fabbrica, “con le buone o con le cattive” dovrà essere il nuovo leitmotiv dei prossimi mesi. Pomigliano sarà solo l’inizio.

 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti