Debacle Stellantis Pomigliano. Pc e Climatizzatori in tilt, produzione ferma e malori per centinaia di operai

Debacle Stellantis Pomigliano. Pc e Climatizzatori in tilt, produzione ferma e malori per centinaia di operai

Nella Foto gli operai Stellantis in attesa fuori l'infermeria dello stabilimento dopo aver accusato malori per il caldo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Più che una multinazionale europea, Stellantis a Pomigliano d’Arco, sembra la mega ditta fantozziana. Cambiano le stagioni ma Stellantis, ex Fiat, non si smentisce. Se in inverno, ed è normale che faccia freddo, la direzione aziendale spense i termosifoni e diede maglie in pile ai lavoratori per far fronte, “patriotticamente” al caro bollette, ora che siamo in estate, e pensatela come volete, ma è normale che ci siano ondate di caldo, c’è stata una debacle che ha colpito persone e cose all’interno dell’azienda.

Un impianto dove sono stati spesi centinaia di milioni di euro e dovrebbe essere all’avanguardia, almeno così per anni hanno raccontato politici, istituzioni e sindacati firmatari degli accordi in questi anni con la Fiat, non dovrebbe subire un contraccolpo del genere. Una multinazionale nata dalla fusione Peugeot e FCA può farsi bloccare da un’ondata seppur forte di caldo?

Infatti, come ha riferito lo Slai Cobas a l’AntiDiplomatico, quello che è successo sulla linea di montaggio della Fiat Panda, nel secondo turno di lavoro è davvero inaudito.

In pratica, c’è stata un blocco produttivo nello stabilimento di Pomigliano. Dal sindacato di base hanno comunicato che sono andati in tilt per il caldo sia i computer del reparto verniciatura e, cosa ancor più grave, anche gli impianti di climatizzazione con centinaia di operai dai vari reparti che hanno accusato malori e si sono recati in infermeria.

Nella Foto gli operai Stellantis in attesa fuori l'infermeria dello stabilimento dopo aver accusato malori per il caldo

Come spiegano dal sindacato di base “quando addirittura si fermano i computer per il mancato funzionamento delle ventole di raffreddamento allora la misura è colma e gli stessi sindacati (più o meno accomodanti – firmatutto e non) non possono fare a meno di fare la voce grossa contro l’azienda… (ma solo quella).”

Talmente il limite che si è oltrepassato, oggi, a Pomigliano che proprio non hanno potuto esimersi, i sindacati firmatari, ad emettere un comunicato contro Stellantis su quello che è successo oggi.

Dal momento che erano davvero tanti gli operai che si sono recati in infermeria, lo Slai Cobas ha poi annunciato che “la direzione aziendale si è presentata in infermeria ed ha mandato a casa i lavoratori che erano lì per i malari dovuti al caldo nei reparti interessati da temperature anomale”.

Dal sindacato di base hanno, a tal proposito, intimato all’azienda di pagare ai lavoratori l’intera giornata, in quanto la sospensione delle attività è stata dovuta al malfunzionamento dei climatizzatori.

Ormai, questo è lo stato in cui si trova un’azienda con una dirigenza sorda alle richieste dei lavoratori che da mesi chiedono ritmi di lavoro meno oppressivi e, soprattutto, una maggiore cura anche per le condizioni igienico-sanitarie dei capannoni.

L’unica preoccupazione di Stellantis è il profitto con il recupero della produzione.

Questa volta non basteranno le promesse di fantomatici piani industriali ad ingannare i lavoratori che, come hanno ribadito, dallo Slai Cobas, non solo hanno una nuova consapevolezza, ma c’è la volontà con “le buone o con le cattive di riportare la democrazia in fabbrica.”

 

Francesco Guadagni

Francesco Guadagni

 

Nato nell'anno di grazia 1979. Capolavoro e mancato. Metà osco, metà vesuviano. Marxista fumolentista. S.S.C.Napoli la mia malattia. Pochi pregi, tanti difetti, fra i quali: Laurea in Lettere Moderne, Iscrizione all'Albo giornalisti pubblicisti della Campania dal 2010. Per molti anni mi sono occupato di relazioni sindacali, coprendo le vertenze di aziende multinazionali quali Fiat e di Leonardo Finmeccanica. Impegno di militanza politica, divenata passione, è il Medio Oriente. Per LAD Gruppo Editoriale ho pubblicato il libro 'Passione Pasolini - Un Viaggio con David Grieco', prefazione di Paolo Desogus. 

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

I più fessi d'Europa di Gilberto Trombetta I più fessi d'Europa

I più fessi d'Europa

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti