Stati Uniti, parlamentari promuovono legge per ostacolare la normalizzazione della Siria con i paesi arabi

Stati Uniti, parlamentari promuovono legge per ostacolare la normalizzazione della Siria con i paesi arabi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Una vendetta trasversale in stile mafioso. Si può sintetizzare in questo modo il modus operandi che gli stati Uniti d’America stanno adoperando per ostacolare il successo diplomatico della Siria dopo gli anni della guerra con il rientro di Damasco nella Lega araba.

Un successo non solo politico che potrebbe rivelarsi anche economico, in quanto la Siria deve essere ancora ricostruita dopo le distruzione della guerra per procura imposta dall’occidente, dalle sanzioni di USA e Unione Europea che hanno messo in ginocchio la popolazione siriana.

I successi politici della Siria sono culminati la scorsa settimana con la visita in Cina del Presidente Bashar al Assad su invito del suo omologo cinese Xi Jinping. I due leader hanno parlato di un partenariato strategico che rappresenta una novità per i due paesi rafforzando la cooperazione politica ed economica.

Washington non può restare a guardare, lo schiaffo è di quelli forti.

Ecco, quindi, che due senatori repubblicani Marco Rubio e James Risch hanno proposto l’Assad Regime Anti-Normalization Act del 2023.

Sono repubblicani, nessuna illusione, perché ancora le coltiva che con un’altra amministrazione le cose oltreoceano possano cambiare.

Il disegno di legge prevede un’estensione delle sanzioni statunitensi contro il governo di Bashar al-Assad fino al 2032 e mira a impedire a Washington e ai suoi alleati di normalizzare le relazioni con la Siria.

"Nonostante una crescente montagna di prove contro Assad per crimini di guerra, c'è stata un'ondata preoccupante di sforzi per riabilitare e insabbiare il regime e i suoi crimini. Questa legislazione impone una politica di isolamento diplomatico ed economico contro il regime di Assad", ha spiegato Risch.

La legislazione richiede anche una “descrizione delle misure che gli Stati Uniti stanno adottando per scoraggiare attivamente il riconoscimento” del governo siriano, compreso il monitoraggio dell’”impegno diplomatico specifico” tra la Siria e gli stati arabi, tra cui Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Giordania.

A seguito del devastante terremoto che colpito la Turchia e anche la Siria lo scorso febbraio, diversi stati arabi si sono affrettati a fornire aiuti umanitari alla Siria.

Il disastro ha innescato un’azione diplomatica regionale verso Damasco e un rinnovo degli appelli per revocare le sanzioni, affrontare le preoccupazioni umanitarie, inclusa la crisi dei rifugiati, e trovare una soluzione per porre fine alla guerra in Siria.

A luglio, una fonte diplomatica araba aveva dichiarato ai media siriani che alcuni di questi paesi hanno ridotto il loro impegno con la Siria sotto una campagna di pressione da parte degli Stati Uniti, che includeva la sospensione dell’assistenza finanziaria ad alcuni alleati arabi di Washington.

Ad agosto, gli Stati Uniti si sono astenuti dal rinnovare la deroga alle sanzioni emessa dopo il terremoto, che consentiva temporaneamente agli aiuti umanitari di entrare nei territori controllati dal governo e distrutti dalla catastrofe.

Il disegno di legge anti-normalizzazione presentato da Rubio e Risch non è il primo.

L’11 maggio, il rappresentante statunitense Joe Wilson e altri 35 altri hanno presentato l’Assad Regime Anti-Normalization Act, che mirava a fungere da “avvertimento per… i paesi che normalizzavano le relazioni con Assad”.

È chiaro che isolare e danneggiare la Siria significa per gli USA colpire gli alleati più stretti di Damasco, ovvero Iran e Russia.

Emerge sempre di più come l’Asia occidentale sia terreno di scontro di un altro fronte di guerra tra Russia e NATO, dopo quello ucraino.

 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta di Clara Statello Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti