Speranza e la guerra geopolitica con altri mezzi: niente "green" pass con lo Sputnik

Speranza e la guerra geopolitica con altri mezzi: niente "green" pass con lo Sputnik

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il Green Pass non varrà se si è vaccinati con lo Sputnik V: ad affermarlo è il Ministro della Salute, Roberto Speranza alla conferenza stampa tenuta ieri per presentare il nuovo D.L. covid appena approvato.

“Com'è noto l'iniziativa del  green pass - ribadisce Speranza chiamato in causa da Draghi, a sua vota interpellato da una giornalista -  è un'iniziativa di tipo europeo e il  vincolo che  abbiamo è di riconoscere i vaccini che sono stati approvati da  Ema (European Medicines Agency - n.d.a.), quindi ancora in questo momento non siamo nelle condizioni di poter utilizzare il green pass per il vaccino russo proprio perchè non è stato approvato da Ema”.

Consequenzialmente la penalizzazione dovrebbe valere anche per i vaccini anticovid di produzione cinese, poco importa se già approvati dall'Oms, come il  Sinovac-CoronaVac.

Allo stato attuale dunque emergerebbe il paradosso in base al quale una persona con una singola dose e dunque con un ciclo incompleto di sommnistrazione di  un vaccino delle Big Pharma potrebbe usufrire delle agevolazioni del green pass, di contro un connazionale o un cittadino straniero che ha ricevuto il ciclo completo di altre soluzioni vaccinali di cui l'Ema non ha autorizzato l'immissione in commercio, ne verrebbe escluso.

Alla luce delle precedenti considerazioni, siamo sicuri che la politicizzazione  vista nell' approviggionamento dei vaccini non si stia reiterando anche in tal senso col green pass, finendo per escludere dalla sua applicazione e dunque penalizzare coloro i quali per le più svariate contingenze, si sono vaccinati all'estero con differenti tipologie vaccinali (russi, cinesi o altri)?

Francesco Fustaneo

Francesco Fustaneo

Laureato in Scienze Economiche e Finanziarie presso l'Università degli Studi di Palermo.
Giornalista pubblicista dal 2014, ha scritto su diverse testate giornalistiche e riviste tra cui l'AntiDiplomatico, Contropiano, Marx21, Quotidiano online del Giornale di Sicilia. 
Si interessa di geopolitica, politica italiana, economia e mondo sindacale

Tornano di moda le fake news sul caso Litvinenko. Facciamo chiarezza di Francesco Santoianni Tornano di moda le fake news sul caso Litvinenko. Facciamo chiarezza

Tornano di moda le fake news sul caso Litvinenko. Facciamo chiarezza

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Non si inginocchia nessuno contro il "democratico" Biden? di Antonio Di Siena Non si inginocchia nessuno contro il "democratico" Biden?

Non si inginocchia nessuno contro il "democratico" Biden?

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti