Sfida agli Usa. La Russia aumenta la sua influenza in Africa

Sfida agli Usa. La Russia aumenta la sua influenza in Africa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Negli ultimi anni, Mosca ha costruito diverse alleanze militari strategiche chiave in Africa, con Libia, Nigeria, Etiopia e Mali, si legge in un articolo pubblicato oggi dalla CNBC .

Secondo il rapporto, un aspetto fondamentale della strategia della Russia è offrire alternative ai paesi africani, cresciuti insoddisfatti delle associazioni diplomatiche occidentali.

Allo stesso modo, la Russia, attraverso le Nazioni Unite (ONU), ha fornito aiuti alimentari, economici e militari a questo continente.

Negli ultimi due mesi, la Russia ha firmato accordi di cooperazione militare con Nigeria ed Etiopia, le nazioni più popolose dell'Africa.

Inoltre, i media sottolineano che, nel prossimo futuro, la Russia ha appena firmato un accordo con l'amministrazione del presidente nigeriano Muhammadu Buhari per fornire equipaggiamento militare, addestramento e tecnologia alle forze nigeriane.

Tutto questo mentre il secondo vertice Russia-Africa dovrebbe svolgersi nel 2022. Al primo vertice tenutosi nel 2019, il presidente russo Vladimir Putin ha mostrato l'intenzione del suo paese di aumentare la cooperazione con l'Africa.

Il testo fa anche eco a un rapporto dello Stockholm International Peace Research Institute, secondo il quale l'Africa, tra il 2016 e il 2020, ha rappresentato il 18% delle esportazioni di armi russe.

Gli esperti ritengono che la crescente influenza della Russia in Africa abbia fortemente turbato i paesi occidentali, e in particolare gli Stati Uniti, dal momento che il suo monopolio su questo continente è messo in discussione e questo significa che Washington dovrà escogitare contromisure per mantenerne l'esistenza.

Nel 2018, John Bolton, l'allora consigliere per la sicurezza della Casa Bianca, ha avvertito dell'"influenza espansionista della Russia in Africa", affermando che Washington intende mantenere il suo sostegno al continente.

La CNBC ha evidenziato che anche l'attuale amministrazione statunitense, presieduta da Joe Biden, è pronta a mantenere le 27 basi militari statunitensi in Africa.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti