Sekala e Niskala: la danza bailanese del G20

Sekala e Niskala: la danza bailanese del G20

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Pepe Escobar –  Asia Times

[Traduzione di Nora Hoppe]

 

La cultura balinese, un perpetuo esercizio di sofisticata sottigliezza, non fa distinzione tra il secolare e il soprannaturale – sekala e niskala. Sekala è ciò che i nostri sensi possono percepire. Come i gesti rituali dei leader mondiali – reali e minori – in un G20 altamente polarizzato.

Niskala è ciò che non può essere percepito direttamente e può solo essere "suggerito". E questo vale anche per la geopolitica.

L'evento clou balinese potrebbe essere stato caratterizzato da un'intersezione di sekala e niskala: il tanto sbandierato incontro faccia a faccia (o faccia a auricolare) Xi-Biden.

Il Ministero degli Affari Esteri cinese ha preferito andare al sodo, selezionando i due temi chiavi.

  1. Xi ha detto a Biden – anzi, al suo auricolare – che l'indipendenza di Taiwan è semplicemente fuori discussione.

  2. Xi spera anche che la NATO, l'UE e gli USA si impegnino in un "dialogo globale" con Mosca.

Le culture asiatiche – siano esse balinesi o confuciane – sono non conflittuali. Xi ha delineato tre livelli di interessi comuni:

  • prevenire i conflitti e gli scontri, portando a una coesistenza pacifica;
  • beneficiare del reciproco sviluppo;
  • promuovere la ripresa globale post-COVID, affrontare il cambiamento climatico e affrontare i problemi regionali attraverso il coordinamento

 

È significativo che l'incontro, durato tre ore e mezza, si sia svolto nella residenza della delegazione cinese a Bali e non nella sede del G20. Ed è stato richiesto dalla Casa Bianca.

Secondo i cinesi, Biden ha affermato che gli Stati Uniti non vogliono una nuova guerra fredda, non sostengono "l'indipendenza di Taiwan", non sostengono "due Cine" o "una Cina, una Taiwan", non cercano il "disaccoppiamento" dalla Cina e non vogliono contenere la Cina.

Lo dica agli straussiani/neo-conservatori/neoliberisti che sono decisi a contenere la Cina. La realtà dimostra che Xi ha poche ragioni per prendere "Biden" – ovvero la combo che gli scrive ogni copione sullo sfondo – per oro colato. Quindi, allo stato attuale, rimaniamo nel niskala.


Quel gioco a somma zero

 

Il presidente indonesiano Joko "Jokowi" Widodo ha avuto una mano terribile: come organizzare un G20 per discutere di sicurezza alimentare ed energetica, sviluppo sostenibile e questioni climatiche quando tutto è polarizzato dalla guerra in Ucraina.

Widodo ha fatto del suo meglio, esortando tutti i partecipanti al G20 a "porre fine alla guerra", con una sottile allusione al fatto che "essere responsabili significa creare situazioni a somma non zero".

Il problema è che gran parte del G20 è arrivato a Bali con l'obiettivo di una situazione a somma zero – cercando il confronto (con la Russia) e quasi nessuna conversazione diplomatica.

Le delegazioni di Stati Uniti e Regno Unito volevano dichiaratamente snobbare il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ad ogni passo. Per Francia e Germania il discorso è diverso: Lavrov ha parlato brevemente con Macron e Scholz. E ha detto loro che Kiev non vuole negoziati.

Lavrov ha anche rivelato qualcosa di molto significativo per il Sud Globale:  

"Gli Stati Uniti e l'Unione Europea hanno promesso per iscritto al Segretario Generale dell'ONU che le restrizioni all'esportazione di grano e fertilizzanti russi saranno rimosse – vediamo come questo verrà attuato".

La tradizionale foto di gruppo prima del G20 – un punto fermo di ogni vertice in Asia – ha dovuto essere ritardata. Perché – chi altri – "Biden" e Sunak, Stati Uniti e Regno Unito, si sono rifiutati di stare nella stessa foto con Lavrov.

Queste isterie infantili e poco diplomatiche sono profondamente irrispettose nei confronti della rituale cortesia balinese, dell'educazione e dell'etica non conflittuale.

La versione occidentale è che "la maggior parte dei Paesi del G20" voleva condannare la Russia in Ucraina. Non è vero. Fonti diplomatiche hanno lasciato intendere che in realtà si tratta di una divisione 50/50. La condanna è arrivata da Australia, Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Corea del Sud, Regno Unito, Stati Uniti e UE. Non condanna da Argentina, Brasile, Cina, India, Indonesia, Messico, Arabia Saudita, Sudafrica, Turchia e, naturalmente, Russia.

Graficamente: il Sud Globale contro il Nord Globale.

Quindi la dichiarazione congiunta farà riferimento all'impatto della "guerra in Ucraina" sull'economia globale, e non alla "guerra della Russia in Ucraina".

 

Il crollo dell'economia dell'UE

 

Ciò che non stava accadendo a Bali ha avvolto l'isola in un ulteriore strato di niskala. Il che ci porta ad Ankara.

La nebbia si è addensata perché, sullo sfondo del G20, gli Stati Uniti e Russia stavano parlando ad Ankara, rappresentati dal direttore della CIA William Burns e dal direttore dell'SVR (Foreign Intel) Sergei Naryshkin.

Nessuno sa cosa si stesse negoziando esattamente. Il cessate il fuoco è solo uno dei possibili scenari. Eppure, l'accesa retorica della NATO a Bruxelles e di Kiev suggerisce che l'escalation prevale su una sorta di riconciliazione.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov è stato categorico: de facto e de jure, l'Ucraina non può e non vuole negoziare. Quindi l'operazione militare speciale continuerà.

La NATO sta addestrando nuove unità. I prossimi obiettivi possibili sono la centrale nucleare di Zaporizhzhya e la riva sinistra del Dnieper – o ancora più pressione a nord di Lugansk. Da parte loro, i canali militari russi avanzano la possibilità di un'offensiva invernale su Nikolaev: a soli 30 km dalle posizioni russe.

I seri analisti militari russi sanno quello che devono sapere anche i seri analisti del Pentagono: La Russia ha utilizzato finora, nella migliore delle ipotesi, solo il 10% del suo potenziale militare. Non ci sono forze regolari; la maggior parte sono milizie della DPR e della LPR, commando Wagner, ceceni di Kadyrov e volontari.

L'improvviso interesse degli americani a parlare e l'avvicinamento di Macron e Scholz a Lavrov indicano il nocciolo della questione: L'UE e il Regno Unito potrebbero non sopravvivere al prossimo inverno, 2023-2024, senza Gazprom.

L'Agenzia Internazionale dell'Energia ha calcolato che il deficit complessivo per allora si avvicinerà a 30 miliardi di metri cubi. E questo presuppone circostanze "ideali" per il prossimo inverno: prevalentemente mite; Cina ancora sotto sequestro; consumo di gas molto più basso in Europa; persino un aumento della produzione (dalla Norvegia?).

I modelli dell'AIE prevedono due o tre ondate di aumenti dei prezzi nei prossimi 12 mesi. I bilanci dell'UE sono già in allarme – per compensare le perdite causate dall'attuale suicidio energetico. Entro la fine del 2023, la cifra potrebbe raggiungere i 1.000 miliardi di euro.

Eventuali costi aggiuntivi e imprevedibili per tutto il 2023 significano che l'economia dell'UE collasserà completamente: chiusura dell'industria in tutti i settori, euro in caduta libera, aumento dell'inflazione, debito che corrode ogni latitudine, dalle nazioni del Club Med alla Francia e alla Germania.

La dominatrice Ursula von der Leyen, alla guida della Commissione Europea, dovrebbe ovviamente discutere di tutto questo – nell'interesse delle nazioni dell'UE – con gli attori globali a Bali. Invece la sua unica agenda, ancora una volta, è stata la demonizzazione della Russia. Nessun niskala qui; solo una pacchiana dissonanza cognitiva.

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata di Paolo Maddalena "Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta? di Francesco Santoianni Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti