Prima intervista video di Saif Gheddafi: "Hanno violentato il nostro Paese. Esportiamo petrolio in Italia e qui non abbiamo carburante"

Prima intervista video di Saif Gheddafi: "Hanno violentato il nostro Paese. Esportiamo petrolio in Italia e qui non abbiamo carburante"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Saif al-Islam Gheddafi ha accennato alla possibilità di un suo ritorno alla vita politica, nella prima intervista video dal suo arresto avvenuto 10 anni fa. Nelle immagini i suoi lineamenti sembrano essere cambiati radicalmente dalle foto che circolano sul web abitualmente.

Lo scoop è del quotidiano statunitense The New York Times, che ha rivelato come un gruppo di uomini armati lo abbia intercettato in un piccolo convoglio vicino alla città libica di Ubari diretto in Niger.

Essendo ricercato dalla Corte Penale Internazionale, quindi considerato un prezioso ostaggio, è rimasto con i suoi rapitori anche dopo le elezioni del 2012. Liberato in seguito dopo i rapidi sviluppi in Libia, si ipotizza ora una sua partecipazione alle elezioni presidenziali, ma nessuno sa dove si trovi, secondo il giornale.

 

 

Il corrispondente del NYT che lo ha intervistato racconta di aver trascorso due anni e mezzo a organizzare questa intervista con Saif al-Islam, e durante questo periodo gli ha parlato più volte al telefono, senza essere sicuro che fosse lui, dal momento che il fatto sia ancora vivo è ancora messo in discussione da molti.

In una calda mattinata di vento dello scorso maggio, che coincideva con il mese del Ramadan, il cronista dal suo albergo di Tripoli, su una fatiscente berlina grigia, con un autista di nome Salem, e percorrendo le strade della capitale erano quasi vuote di persone e auto, senza nessun posto di blocco si è diretto a ovest della Libia verso la Montagna Nafusa.

"Dopo circa due ore, siamo saliti attraverso le cime marrone scuro per raggiungere l'altopiano di Zintan", dice. "Alla periferia di un villaggio, Salem ha fermato l'auto e ha chiesto a me e al mio fotografo, Jihad Naga, di aspettare."

 

 

Ha aggiunto: "Non è passato molto tempo prima che una Toyota Land Cruiser bianca si fermasse dietro di noi e ne uscisse un uomo con un vestito bianco brillante. Ci è stato detto di lasciare i nostri telefoni nell'auto di Salem. Il Land Cruiser era blindato con porte pesanti che hanno bloccato tutti i lati dall'esterno. L'autista si è identificato come Muhammad, poi ha guidato senza dire una parola per una ventina di minuti, fino a quando non è arrivato presso un complesso di appartamenti recintati e ha parcheggiato davanti a una villa di lusso a due piani. Muhammad ha aperto la porta d'ingresso, e ha guidato attraverso un ingresso scarsamente illuminato."

Il giornalista ha poi precisato nel suo racconto: "Non avevo dubbi che fosse Saif al-Islam, anche se i suoi lineamenti sembravano più vecchi e il suo viso era coperto da una lunga barba ricoperta di grigio. Il pollice e l'indice della sua mano destra sono stati amputati. colpito da una scheggia in un attacco aereo nel 2011. Vestito con decorazioni con frange dorate, come un capo di stato, e una sciarpa drappeggiata ordinatamente intorno alla sua testa. Se Saif al-Islam ha ereditato solo una cosa da suo padre, questa è il suo stile ostentato. Ci ha condotti in una sala dove ci siamo seduti su nuovi divani verdi. Sull'arredamento della sala, con i suoi tappeti spessi, i lampadari di cristallo e le tende viola, in netto contrasto con l'atmosfera, l'immagine di una montagna e un lago alpino era al muro. Non c'era nessuno in casa tranne noi."

Il giornalista ha raccontato che è passato un periodo di imbarazzante silenzio prima di chiedergli se fosse ancora un prigioniero, ricevendo come risposta che era un uomo libero e che stava organizzando il suo ritorno nell'arena politica.

Saif al-Islam ha spiegato che i combattenti che lo hanno arrestato dieci anni fa erano delusi dalla rivoluzione e alla fine si sono resi conto che poteva essere un potente alleato per loro. Un sorriso si è formato sul suo volto mentre descriveva la sua trasformazione da prigioniero a leader in attesa: "Riesci a immaginare? Gli uomini che un tempo erano i miei carcerieri ora sono miei amici".

Seif al-Islam ha approfittato della sua assenza dalla scena per monitorare la situazione politica in Medio Oriente e lavorare in silenzio per riorganizzare la forza politica del padre, nota come "Movimento verde".

Il reporter ha spiegato che "nonostante le sue riserve a parlare della possibilità della sua candidatura alla presidenza, crede che il movimento che possa guidare ripristinare l'unità perduta del Paese. In effetti, lo slogan che ha scelto per la sua campagna ha funzionato in molti paesi, compreso il nostro, che è: 'I politici non ti hanno fatto altro che soffrire. È tempo di tornare al passato.'"

Saif al-Islam ha ribadito: "Hanno violentato e umiliato il nostro Paese. Non abbiamo soldi, nessuna sicurezza, nessuna vita. Se vai alla stazione di servizio, non troverai carburante. Esportiamo petrolio e gas in Italia - illuminiamo mezza Italia e siamo al buio. Quello che succede è al di là del fallimento. È una farsa".

È chiaro che altri partiti esterni sostengono Saif al-Islam, ma su questo punto ha taciuto, secondo il corrispondente del quotidiano statunitense.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale di Savino Balzano Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale

Green Pass e lavoro: perché è una misura incostituzionale

Il Govermo dei padroni di Giorgio Cremaschi Il Govermo dei padroni

Il Govermo dei padroni

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia di Pasquale Cicalese I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca di Antonio Di Siena Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico di Michelangelo Severgnini Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti