Repressione israeliana: 1.400 detenuti palestinesi annunciano sciopero della fame

Repressione israeliana: 1.400 detenuti palestinesi annunciano sciopero della fame

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dalla fuga dei sei prigionieri palestinesi dalla prigione israeliana di massima sicurezza di Gilboa, le autorità del regime israeliano hanno intensificato le loro misure violente e repressive contro i prigionieri palestinesi.

Il presidente dell'Organizzazione per la liberazione della Palestina (OLP) della Commissione per gli affari dei detenuti ed ex prigionieri palestinesi, Qadri Abu Bakr, ha riferito, ieri, che 1.380 prigionieri, su più di 4.000 palestinesi detenuti nelle carceri israeliane, inizieranno questo venerdì uno sciopero della fame e saranno raggiunti da altri detenuti la prossima settimana.

"La situazione è pessima nelle carceri [israeliane], ecco perché faranno uno sciopero della fame", ha denunciato Abu Bakr in dichiarazioni rilasciate all'agenzia di stampa francese AFP .

Ha anche precisato che 400 detenuti smetteranno di mangiare cibo nella prigione di Ramón, 300 a Ofer, 200 a Nafha e un numero simile a Megiddo, 100 a Gilboa, 80 a Eshel e cinquanta nelle strutture carcerarie di Shatta e Hadarim.

Il funzionario palestinese, inoltre, ha espresso preoccupazione per la sorte dei prigionieri fuggiti il ??6 settembre dal carcere di Gilboa.

In effetti, il regime israeliano ha già catturato quattro dei sei evasi. Tra i palestinesi riconquistati, Zakaria al-Zubaidi è in gravi condizioni di salute. È stato picchiato e torturato dalle forze di sicurezza israeliane e di conseguenza è stato ricoverato in ospedale.

La Resistenza Palestinese ha avvertito il regime di occupazione che qualsiasi danno causato ai prigionieri palestinesi sarà considerato una dichiarazione di guerra.

Gli esperti ritengono che, in seguito alla fuga dei prigionieri palestinesi, Israele sia stato umiliato e sia stata messa in discussione la sua capacità militare e il potere repressivo delle sue carceri.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori? di Savino Balzano Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La violenza di Schrodinger di Gilberto Trombetta La violenza di Schrodinger

La violenza di Schrodinger

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti