Putin: "Le relazioni Russia-Cina sono la pietra angolare della stabilità mondiale"

Putin: "Le relazioni Russia-Cina sono la pietra angolare della stabilità mondiale"

Foto Repertorio Xinhua

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

A poche ore dall'arrivo in Russia del presidente cinese Xi Jinping in visita di Stato, il presidente russo Vladimir Putin ha pubblicato per il People's Daily un articolo intitolato 'Russia e Cina: una partnership lungimirante', in cui fa il punto sui rapporti tra i due paesi e sottolinea che i legami che uniscono Mosca e Pechino rappresentano "la pietra angolare" per la stabilità regionale e mondiale.

Ponderazione di Pechino sull'Ucraina

Per quanto riguarda i cambiamenti su scala internazionale, Putin esprime la sua gratitudine a Pechino per la sua "posizione ponderata" sul conflitto in Ucraina e " la comprensione del suo background e delle sue reali cause ".

"Accogliamo con favore la volontà della Cina di svolgere un ruolo costruttivo nella risoluzione della crisi".

In tal senso, il presidente russo ribadisce che Mosca è disposta a risolvere il conflitto con Kiev attraverso i canali diplomatici, anche se ricorda che non è stata la Russia ad abbandonare il processo negoziale nell'aprile del 2022.

“Il futuro del processo di pace dipende esclusivamente dalla disponibilità ad avere un dialogo serio che tenga conto delle attuali realtà geopolitiche. situazione attuale", ha precisato il presidente russo.

L'Occidente cerca di "penetrare" l'Asia-Pacifico

Nel suo articolo, Putin sottolinea come il conflitto in Ucraina sia stato "provocato" dall'Occidente, che lo sta incoraggiando con l'obiettivo di mantenere il suo dominio e il suo ordine unipolare . Tuttavia, l'Occidente non si limita alla sola Ucraina, ha avvertito.

"La NATO cerca di dare alla sua attività una portata globale, mirando alla penetrazione nella regione Asia-Pacifico".

In questo contesto, Putin denuncia che l'Occidente collettivo è guidato in modo "sempre più disperato" da " dogmi arcaici " e non demorde nel suo tentativo di preservare il proprio predominio, "mettendo in gioco il destino di Stati e di interi popoli". Allo stesso tempo, il tentativo di Washington di dissuadere Russia e Cina, così come tutti i Paesi che non vogliono sottomettersi al diktat americano, "acquista un carattere sempre più tagliente e aggressivo".

I tentativi di contenere Pechino e Mosca sono evidenti anche negli sforzi di alcune forze che vogliono spezzare lo spazio eurasiatico in "una rete di club esclusivi e blocchi militari", ha lamentato Putin. "Tuttavia, nessuno ci riuscirà”.

"Spalla a spalla" nell'arena internazionale

A differenza di coloro che cercano di interrompere l'armonia globale, Pechino e Mosca "costruiscono ponti in senso letterale e figurato "mentre cooperano "spalla a spalla" nelle organizzazioni internazionali, ha precisato Putin. Come spiega, questa partnership si concretizza, in particolare, in strutture come la Shanghai Organizzazione di cooperazione, i BRICS e l'Unione economica eurasiatica, che godono di "autorità e influenza crescenti" e favoriscono nuove amicizie.

Insieme ai loro partner, Pechino e Mosca sono favorevoli allo sviluppo progressivo di un mondo multipolare "più equo” che dovrebbe basarsi sul diritto internazionale e non "su regole che servono il fabbisogno del miliardo d'oro" (termine usato in Russia per riferirsi nei paesi occidentali).

Putin osserva che la Russia e la Cina sostengono "la stretta osservanza della Magna Carta delle Nazioni Unite" e rimangono fedeli al principio dell'indivisibilità della sicurezza che "è stato flagrantemente violato dalla NATO ".

D'altra parte, Putin esprime la "profonda" preoccupazione di Mosca per le azioni "irresponsabili e pericolose" di coloro che cercano di minare la sicurezza nucleare.

Successi commerciali

Putin sottolinea che, nonostante le tante turbolenze che hanno scosso il panorama delle relazioni internazionali nell'ultimo decennio, l'amicizia russo-cinese non è cambiata.

"I progressi compiuti a livello bilaterale sono sbalorditivi. Le relazioni russo-cinesi hanno raggiunto il livello più alto della loro storia e continuano a rafforzarsi, sono superiori alle alleanze politico-militari dell'era della guerra fredda, senza padroni né schiavi, senza sudditi restrittive o tabù", ha sottolineato il capo di Stato russo.

In tal senso, sottolinea i forti legami a livello economico tra le due potenze, che illustrano i 185.000 milioni di dollari di scambi registrati nel 2022. “È un nuovo record. Stabilito da noi insieme al presidente Xi Jinping, sarà superato, non nel 2024, ma quest'anno", ha annunciato Putin. In questo senso, ha ricordato che cresce la percentuale dei pagamenti in moneta nazionale, quindi i rapporti diventano sempre più “sovrani ”.

"Il gasdotto russo-cinese Siberian Force è stato, senza esagerare, 'l'affare del secolo' grazie alle sue dimensioni". Parallelamente sono aumentate anche le forniture di carbone e petrolio, mentre gli esperti russi aiutano a costruire centrali nucleari.

La visita di Xi in Russia

Prima dell'incontro con Xi, Putin ha assicurato che il viaggio del leader cinese fornirà nuovi stimoli al partenariato tra i due Paesi. "Abbiamo grandi aspettative per i prossimi negoziati. Non abbiamo dubbi che daranno un nuovo e potente impulso all'intera gamma della cooperazione bilaterale. Per me è una meravigliosa opportunità di incontrare un buon vecchio amico con il quale manteniamo il più caloroso delle relazioni”.

Il presidente cinese Xi Jinping arriverà oggi per una visita di Stato nella capitale russa, Mosca. La visita dovrebbe durare fino a mercoledì 22 marzo. Durante il suo soggiorno, il presidente cinese terrà una serie di colloqui, inclusi dialoghi con Putin e il primo ministro russo Mikhail Mishustin.

La portavoce del ministero degli Esteri cinese, Hua Chunying, ha sottolineato che sarà un incontro “per l'amicizia e la pace”. "Il modo in cui Cina e Russia sviluppano un partenariato strategico di coordinamento è totalmente diverso da quello che alcuni paesi hanno fatto, come aggrapparsi alla mentalità della Guerra Fredda, colludere con altri paesi, creare cabale e alimentare il confronto tra blocchi, oltre a partecipare a egemoni, pratiche dominanti e intimidatorie", ha evidenziato.

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Meloni al contrattacco di Pasquale Cicalese Meloni al contrattacco

Meloni al contrattacco

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti