Prof. Bellavite: "I vaccinati sempre più un problema epidemiologico. Lo scrive una Letter pubblicata da Lancet"

Prof. Bellavite: "I vaccinati sempre più un problema epidemiologico. Lo scrive una Letter pubblicata da Lancet"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'AntiDiplomatico è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel nostro canale e rimanere aggiornato

di Paolo Bellavite*

 

Siamo tutti sulla stessa barca!

I vaccinati rappresentano sempre più un problema “epidemiologico”. Lo scrive una Letter pubblicata da Lancet

Il che significa che man mano che aumenta la percentuale di vaccinati aumenta la percentuale di vaccinati infettati.

Non si tratta semplicemente di un effetto “paradossale” e “atteso” come certi “esperti” volevano far credere. Si tratta di un fenomeno REALE nel senso che i vaccinati in modo inaspettato stanno diventando i protagonisti della diffusione del virus. Checché se ne dica.

Questo per il fatto che i vaccini funzionano per qualche mese per protezione individuale verso i sintomi più gravi (come fossero dei “farmaci”) ma funzionicchiano poco o nulla per impedire i contagi. I NUMERI parlano chiaro.

La conseguenza di ciò è che BISOGNA FINIRLA DI COLPEVOLIZZARE I NON VACCINATI!

La colpa ( o il “dolo”) di tutto è del virus (o se vogliamo dei pipistrelli o di chi giocava incautamente coi pipistrelli ) e - in subordine - di chi ha gestito male l’epidemia credendo in modo ingenuo ai ciarlatani pseudoscienziati improvvisatisi apprendisti stregoni.

Questi vaccini sono strumenti di profilassi individuale ma non fanno i miracoli attesi sul piano epidemiologico. Non sono Dio. E Bill Gates non è Babbo Natale. E chi ci obbligasse a un comunque rischioso inoculo di prodotto sperimentale violerebbe la Costituzione (art. 32) e il codice di Norimberga.

Dividerci tra inoculati e non inoculati significa dividerci davanti ai veri nemici, facendo il loro gioco. Siamo tutti sulla stessa barca e cerchiamo di mantenerla a galla finché si può in modo intelligente.

La “caccia agli untori” è sempre stata la controproducente tentazione del popolino terrorizzato dalle epidemie, ma erano altri tempi! Oggi possiamo fidarci di più della razionalità e della Scienza, purché sia libera di indagare e di parlare.

 

*Prof. Paolo Bellavite è laureato in Medicina e Chirurgia, specializzato in Ematologia Clinica e di Laboratorio, ha conseguito il diploma di perfezionamento in Statistica Sanitaria ed Epidemiologia. Ha insegnato Patologia Generale presso la Scuola di Medicina dell'Università di Verona e presso l'Università di Ngozi (Burundi) nell'ambito di progetti di cooperazione internazionale.

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Renatino è un crumiro infelice di Giorgio Cremaschi Renatino è un crumiro infelice

Renatino è un crumiro infelice

ComeDonChisciotte, lo spettacolo triste dei falliti "scoop" di Fanpage di Francesco Santoianni ComeDonChisciotte, lo spettacolo triste dei falliti "scoop" di Fanpage

ComeDonChisciotte, lo spettacolo triste dei falliti "scoop" di Fanpage

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa di  Leo Essen Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione... di Pasquale Cicalese Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo! di Roberto Cursi “L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti