Perché il documentario di Oliver Stone sull'assassinio Kennedy è stato ignorato?

Perché il documentario di Oliver Stone sull'assassinio Kennedy è stato ignorato?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Michael McCaffrey*

I media dell'establishment stanno celebrando strani film sessualmente carichi al Festival di Cannes, ma non parlano nemmeno dell'incursione di Oliver Stone nel caso preoccupante dell'omicidio del presidente John F. Kennedy. Mi chiedo, perché?

La scorsa settimana, Oliver Stone in anteprima ha presentato il suo nuovo documentario sull'assassinio di Kennedy dal titolo ' JFK Revisited: Attraverso lo specchio' , al festival di Cannes.  

Penserete che Stone, due volte vincitore del premio Oscar per la miglior regia, il cui film JFK ha creato un tale furore che ha portato il governo degli Stati Uniti ad approvare il JFK Assassination Records Collection Act del 1992, la presentazione in anteprima di un suo controverso documentario sull'assassinio di JFK a Cannes sarebbe stata una grande notizia. Vi sbagliate.  

Quando "JFK: Revisited" è stato presentato in anteprima lunedì 12 luglio, i media mainstream non l'hanno elogiato o analizzato. Facevano finta che non esistesse. 

L'ampia copertura di Cannes del New York Times consisteva in 11 articoli, la maggior parte incentrati sui contenuti più salaci, come " Benedetta " , una storia bollente sulle suore lesbiche, " Annette " , un musical in cui Adam Driver canta mentre fa sesso orale su Marion Cotillard, e ' Titane ' , dove una donna fa sesso con un'auto e latta olio. Ma non una volta "JFK Revisited" è stato menzionato nel presunto "paper of record". 

Lo stesso vale per il Washington Post, il Boston Globe, il LA Times, il Chicago Tribune, il Guardian, l'Atlantic, il New Yorker e tutti i principali media che ho cercato, poiché nessuno di loro riconosce "JFK Revisited" esista.  

Le uniche menzioni sui media che ho trovato erano in giornali commerciali comenVariety e l' Hollywood Reporter , e sulla stampa britannica, nel Times e nel Daily Telegraph. La loro reazione al film è stata divisa, con Variety e The Times che hanno dato recensioni negative e THR e il Daily Telegraph che lo hanno elogiato. 

Considerando che Cuba , la nefandezza dei servizi segreti e le teorie del complotto stanno facendo notizia, e che la piccola valutazione critica del documentario è divisa, è curioso che i media stiano mantenendo lo status quo approvando la depravazione sessuale a Cannes invece di perseguire la verità discutendo 'JFK rivisitato' .  

Sto scherzando, ovviamente. Non è una sorpresa che i media americani che ci hanno lasciato in eredità la narrativa ufficiale da cui le persone "rispettabili" non si discosteranno mai, stiano gettando "JFK Revisited" nel buco della memoria e prodigando lodi su suore arrapate e Cadillac coitali.

Vedete, l'establishment ama distrarre le masse e odiare le cospirazioni, tranne quelle che amano.  

Le cospirazioni per l'assassinio di JFK vengono respinte apertamente come poco serie, nonostante una pletora di prove schiaccianti , perché accusano l'establishment stesso. 

La metà delle teste parlanti sui telegiornali sono ex membri della comunità dell'intelligence e la stragrande maggioranza dei giornalisti sono cagnolini per le agenzie di intelligence , quindi non morderanno la mano che li nutre al servizio della verità sull'assassinio di JFK. 

Questa stessa stampa anti-cospirazione ha trascorso quattro anni senza fiato eruttando ogni mezza storia di cospirazione russa che poteva evocare - incluso Russiagate , affermazioni sulla Russia che usa armi a microonde o hackerando reti elettriche e macchine per il voto - e le ha urlate dai tetti 24 su 24 fino a quando non si presumono vere nonostante una completa mancanza di prove.  

Come direbbe Noam Chomsky , questo è il modo in cui la propaganda ingannevole viene efficacemente diffusa e il consenso viene prodotto, attraverso "forze di mercato controllate, ipotesi interiorizzate e autocensura". 

Le persone "serie" dimostrano la loro serietà credendo a quelle assurde cospirazioni anti-Russia ufficialmente autorizzate perché sono considerate "serie" e sono propagate da altre persone "serie", mentre le cospirazioni "non serie" come JFK e la teoria delle fughe del laboratorio di Wuhan vengono ridicolizzate, e quelli che li credevano sviliti come 'teorici della cospirazione'. 

Questo è il motivo per cui l'establishment detesta così tanto Stone, perché ha ribaltato la sceneggiatura nel '91 usando il suo considerevole nascondiglio sulla scia del suo enorme successo a Hollywood per fare un film sull'assassinio di JFK che ha cancellato il resoconto ufficiale della Commissione Warren e ha presentato un convincente contro-argomento.

Per avere un assaggio di quanto l'establishment disprezzi Stone, andate a leggere il suo " JFK: The Book of the Film " , che contiene 97 reazioni e commenti sul film. 

A differenza dei suoi avversari, Stone stampa coloro che non sono d'accordo con lui, come evidenziato da articoli presenti nel libro come ' JFK cospira contro la ragione? Hollywood si chiede se la Warner Brothers abbia lasciato che JFK si spingesse troppo lontano " , "Oliver's Twist" , "The Paranoid Style" e "The Plot to Assassinate the Warren Commission" , solo per citarne alcuni. 

L'isteria che 'JFK' scatenò tra le élite nel '91 è perfettamente incapsulata in una storia raccontata dal defunto critico cinematografico Roger Ebert, il quale sosteneva  che Walter Cronkite gli avesse dato una "sculacciata" e disse che avrebbe dovuto "vergognarsi" di se stesso per aver elogiato il film. 

Stone è diventato più un paria dell'establishment quando ha intervistato Fidel Castro nel 2002 e il presidente russo Vladimir Putin tra il 2015 e il 2017.

Stone ha parlato con i nemici dell'America invece di limitarsi a pronunciare lo stupido mantra ufficiale, un peccato imperdonabile agli occhi dei media che credono che ci sia solo una narrazione, e non possiamo complicarla ascoltando invece di urlare.

La storia di Stone di essere un marchio di fuoco e la sua lealtà alla verità al di sopra della narrativa ufficiale, è il motivo per cui "JFK Revisited" viene intenzionalmente ignorato. Qualsiasi stampa è buona stampa; anche una recensione negativa diffonde la consapevolezza del prodotto, quindi premere il pulsante Ignora è il modo migliore per l'establishment di mettere a tacere Stone e mantenere lo status quo di JFK . 

E finora il blackout dei media sta funzionando come previsto, poiché "JFK Revisited" deve ancora assicurarsi un distributore qui nel mercato americano che è disperatamente affamato di contenuti.

Non ho visto "JFK Revisited" , quindi non ho idea se dica la verità sull'assassinio di JFK. Ma so che i media dell'establishment sono dipendenti dalle bugie e allergici alla verità, il che mi fa pensare che Stone potrebbe essere su qualcosa.

*Scrittore e critico culturale, vive a Los Angeles. Il suo lavoro può essere letto su RT, Counterpunch e sul suo sito web  mpmacting.com/blog . È anche l'ospite del popolare podcast cinematografico Looking California e Feeling Minnesota. Account Twitter @MPMActingCo

 

Potrebbe anche interessarti

Cuba e i numeri Covid   di Francesco Santoianni Cuba e i numeri Covid

Cuba e i numeri Covid

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo di Marinella Mondaini Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Recovery Fund, è lotta di classe... e la continuano a vincere loro! di Pasquale Cicalese Recovery Fund, è lotta di classe... e la continuano a vincere loro!

Recovery Fund, è lotta di classe... e la continuano a vincere loro!

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti