The National Interest: il fallimento del blocco contro Cuba ha ridotto l'influenza degli Stati Uniti in America Latina

The National Interest: il fallimento del blocco contro Cuba ha ridotto l'influenza degli Stati Uniti in America Latina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il 3 febbraio 1962, il Presidente degli Stati Uniti John F. Kennedy firmava il Proclama 3447, che dava il via al blocco economico, finanziario e commerciale contro Cuba. Gli Stati Uniti decisero di prendere di mira i cittadini cubani perché Washington non vedeva altra possibilità di indebolire Fidel Castro se non creando difficoltà economiche, scrive l’esperto di politica internazionale Scott McCann, in un articolo pubblicato su The National Interest

Prima della Rivoluzione cubana del 1959, gli statunitensi facoltosi andavano spesso in vacanza sull'isola, ma l'antiamericanismo di Castro e la sua aperta adesione a un blocco socialista ostile e la conseguente privatizzazione delle proprietà statunitensi fecero infuriare chi era al potere a Washington e le dure sanzioni furono una sorta di risposta a queste azioni. 

Il blocco cubano è chiaramente una reliquia della Guerra Fredda, ma è stata una strategia fallimentare fin dall'inizio e deve essere rimosso secondo l’analista.

Nonostante il crollo dell'Unione Sovietica e la morte di Fidel Castro, l'embargo continua a causa delle dinamiche politiche statunitensi contemporanee. La questione dipende direttamente dall'importanza elettorale dello Stato della Florida, che ha una grande diaspora cubana. Il 55% degli abitanti della Florida ritiene che L'Avana rappresenti una minaccia per gli Stati Uniti e il 74% sostiene la politica statunitense di massima pressione sul governo cubano per un regime change. Pertanto, entrambi i partiti statunitensi che si alternano al potere non azzardano una politica diversa per il timore di perdere voti. 

Per i progressisti, l'embargo è una politica che non può essere cambiata. Da un lato è dannoso per la popolazione dell'isola e, dall'altro, sostenere apertamente la sua abolizione potrebbe provocare accuse di simpatie comuniste. È interessante anche il fatto che, secondo le stime del Gallup Institute del 2015, il 57% degli statunitensi vede Cuba negativamente, anche se il 59% è favorevole alla revoca delle sanzioni. Ma vale la pena di accettare il fatto che per il Partito Democratico la Florida è uno Stato perso nei prossimi anni, poiché la stragrande maggioranza delle persone di origine cubana vota repubblicano, quindi i Democratici possono ora sostenere la revoca dell'embargo senza subire gravi perdite, osserva l'autore. 

La prima ragione della necessità di porre fine all'embargo è la sua inefficacia: dopo 60 anni, ha contribuito solo a provocare fame e disperazione, ma non a cambiare il sistema politico. Dopo la morte di Fidel Castro, la Rivoluzione è andata avanti sotto il fratello Raúl e ora sotto il presidente Miguel Díaz-Canel, primo segretario del Partito Comunista. Il sentimento anti-statunitense è molto diffuso sull'isola e le Nazioni Unite stimano che l'embargo sia costato all'economia cubana 130 miliardi di dollari, mentre le sanzioni anticubane sono costate all'economia statunitense 75 miliardi di dollari negli ultimi sessant'anni, secondo la Camera di Commercio degli Stati Uniti.

Un altro argomento a favore della revoca dell'embargo è la mancanza di sostegno internazionale. Negli ultimi 30 anni, l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha votato a stragrande maggioranza per revocare il regime di sanzioni. Israele è l'unico Paese che ha costantemente sostenuto Washington su questo tema, il che dimostra anche che la strategia statunitense non raggiungerà mai gli obiettivi desiderati. Infine, la crescente influenza della Cina sull'isola dimostra il fallimento della politica statunitense. Pechino ha donato 100 milioni di dollari a Cuba per alleviare la sua crisi economica, con i governi nazionali che intendono ristrutturare il piccolo Paese e ampliare le opportunità di investimento per il gigante asiatico. La Cina è il secondo partner commerciale dell'Avana dopo il Venezuela e Cuba ha aderito ufficialmente alla Belt and Road Initiative cinese nel 2021, ricorda The National Interest.

Gli Stati Uniti stanno perdendo influenza nel mondo, come ha dimostrato il recente Vertice delle Americhe a Los Angeles - quattro capi di Stato latinoamericani hanno saltato il vertice dopo che gli Stati Uniti si sono rifiutati di invitare i leader di Cuba, Venezuela e Nicaragua. Alexander Moldovan, ricercatore sui processi sociali in America Latina presso la York University, ritiene che la regione stia riorientando la propria politica commerciale verso la Cina. Gli Stati Uniti sono intervenuti pesantemente nella politica dell'America Latina nell'ultimo secolo, mentre Pechino sta facendo passi da gigante attraverso il "soft power". Washington deve seguire l'esempio del suo rivale asiatico e, per cominciare, abbandonare l'embargo su Cuba per riguadagnare un po' di influenza nell'emisfero occidentale, conclude l'autore. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

I più fessi d'Europa di Gilberto Trombetta I più fessi d'Europa

I più fessi d'Europa

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti