Pepe Escobar - Putin, Kim e il "colpo di stato strategico" contro l'Egemonia Occidentale

Pepe Escobar - Putin, Kim e il "colpo di stato strategico" contro l'Egemonia Occidentale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Pepe Escobar – Sputnik Globe

[Traduzione a cura di: Nora Hoppe]

 

Ci vorrà una vita per vagliare i silos di informazioni che sono stati costruiti nel Forum Economico Orientale di Vladivostok la scorsa settimana, insieme al "Train Kept A-Rollin"' blindato che il leader nordcoreano Kim Jong-Un ha condotto cavalcando ogni angolo e fessura del Primorsky Krai.

I temi chiave riflettono tutti i quattro vettori principali del Nuovo Grande Gioco che si sta giocando nel Sud Globale: energia e risorse energetiche; produzione e lavoro; mercato e regole commerciali; logistica. Ma vanno ben oltre –  esplorando le sottili sfumature dell'attuale guerra di civiltà.

 

Così Vladivostok ha presentato...

– Un dibattito serio sull'impennata di anti-neocolonialismo, presentato ad esempio dalla delegazione del Myanmar; dal punto di vista geostrategico, la Birmania/Myanmar, in quanto porta privilegiata verso il Sud-Est asiatico e l'Oceano Indiano, è sempre stata oggetto di giochi di Divide et impera, con l'Impero britannico che si preoccupava solo di estrarre le risorse naturali. Ed è questo il significato di "colonialismo scientifico".

– Un serio dibattito sul concetto di civiltà-stato, già sviluppato da studiosi cinesi e russi, applicato a Cina, Russia, India e Iran.

– L'interconnessione dei corridoi di trasporto/connettività. Ciò include il potenziamento della Transiberiana nel prossimo futuro; una spinta per la Trans-Baikal – la linea ferroviaria più trafficata al mondo – che collega gli Urali all'Estremo Oriente; un rinnovato impulso alla Northern Sea Route (il mese scorso due petroliere russe sono salpate per la prima volta da Murmansk attraverso l'Artico per raggiungere la Cina; dieci giorni in meno rispetto alla rotta del Canale di Suez); e l'arrivo del canale Chennai-Vladivostok, che sarà collegato al Corridoio Internazionale di Trasporto Nord-Sud (INTSC).

– Il sistema di pagamento comune dell'Eurasia, discusso in dettaglio in uno dei principali panel: "Greater Eurasia: Drivers for the Formation of an Alternative International and Monetary and Financial System ["La Grande Eurasia: I fattori che spingono alla formazione di un sistema monetario e finanziario internazionale alternativo"] L'immensa sfida di creare una nuova valuta di regolamento dei pagamenti contro le "valute tossiche" strumentalizzate in un'incessante Guerra Ibrida. In un altro panel è stata evocata la possibilità di un tempestivo vertice congiunto BRICS e UEE il prossimo anno.

 

Tutti a bordo del treno di Kim

La genesi del viaggio in treno di Kim Jong Un verso l'Estremo Oriente russo – peraltro in coincidenza con il Forum – è un magistrale colpo strategico che era in cantiere dal 2014, all'epoca del Maidan.

Xi Jinping era ancora all'inizio del suo primo mandato; aveva annunciato la Nuova Via della Seta esattamente dieci anni fa, prima ad Astana e poi a Giacarta. La RPDC non avrebbe dovuto essere integrata in questo vasto progetto pan-eurasiatico che sarebbe presto diventato il concetto di politica estera della Cina.

La Repubblica Democratica Popolare di Corea andava allora alla grande contro l'egemone, sotto la guida di Obama, e Pechino non era altro che uno spettatore preoccupato. Mosca, ovviamente, è sempre stata concentrata sulla pace nella penisola coreana, soprattutto perché le sue priorità geopolitiche nel 2014 erano il Donbass e la Siria/Iran. L'ultima cosa che Mosca poteva permettersi era una guerra nell'Asia-Pacifico.

La strategia di Putin è stata quella di inviare il ministro della Difesa Shoigu a Pechino e Islamabad per calmare le acque. All'epoca, il Pakistan stava aiutando Pyongyang ad armare il suo arsenale nucleare. Contemporaneamente, Putin stesso si è avvicinato a Kim, offrendogli serie garanzie: ti copriamo le spalle in caso di attacco da parte dell'Egemone sostenuto da Seul. Ancora meglio: Putin ha convinto lo stesso Xi a raddoppiare le garanzie.

L'imperativo categorico era semplice: finché Pyongyang non avesse creato problemi, Mosca e Pechino sarebbero state al suo fianco.

Una sorta di calma prima di ogni possibile tempesta – anche se Pyongyang avesse continuato a testare i suoi missili. Così, nel corso degli anni, il pensiero di Kim è cambiato: si è convinto che la Russia e la Cina fossero suoi alleati.

L'integrazione geoeconomica della RPDC nell'Eurasia è stata discussa seriamente nelle precedenti edizioni del Forum economico orientale di Vladivostok, prima di Covid. Ciò includeva l'allettante possibilità di una ferrovia trans-coreana che collegasse il Nord e il Sud all'Estremo Oriente, alla Siberia e all'Eurasia in generale.

Così Kim ha iniziato a vedere il Grande Quadro dell'Eurasia e a capire come Pyongyang potesse finalmente iniziare a trarre benefici geoeconomici da una più stretta associazione con l'UEE, la SCO e la BRI.

È così che funziona la diplomazia strategica: si investe per un decennio, e poi tutti i pezzi cadono al loro posto quando un treno blindato rulla e rulla attraverso il Primorsky Krai.

Nella prospettiva di un triangolo Russia-Cina-RPDC, non c'è da stupirsi che l'Occidente collettivo sia stato ridotto allo stato di un bimbo che piange in un recinto di sabbia. Il patetico asse Stati Uniti-Giappone-Corea del Sud dell'Egemone per contrastare contemporaneamente Cina e RPDC è uno scherzo se paragonato al ruolo nuovo di zecca della RPDC come una sorta di distretto militare dell'Asia-Pacifico, adiacente al suo immediato vicino, l'Estremo Oriente russo.

Ci sarà un'integrazione militare, ovviamente, nella difesa missilistica, nei radar, nei porti, negli aeroporti. Ma il vettore chiave, lungo il percorso, sarà l'integrazione geoeconomica. Le sanzioni d'ora in poi non hanno più senso.

Nel 2014 nessuno vedeva tutto questo, tranne un analista molto acuto che ha coniato il prezioso concetto di Doppia Elica per definire il partenariato strategico globale Russia-Cina, all'epoca ancora in evoluzione.

La Doppia Elica spiega perfettamente la simbiosi geostrategica a tutto campo tra due Stati-civiltà che sono ex imperi, ma che dalla metà del decennio precedente hanno deciso volontariamente di accelerare la loro reciproca spinta a guidare la Maggioranza Globale nel percorso verso il multipolarismo.

 

La Strada verso la Policentricità

Tutto ciò è confluito nell'ultimo panel a Vladivostok, informalmente nota anche ai giapponesi e ai coreani come "la capitale europea dell'Asia", nel cuore dell'Asia-Pacifico. Il dibattito verteva su una "alternativa globale al dominio occidentale". L'Occidente, per inciso, era assolutamente invisibile al Forum.

La portavoce del Ministero degli Esteri Maria Zakharova ha riassunto tutto: i recenti vertici del G20 e dei BRICS hanno preparato il terreno per il notevole discorso del Presidente Putin alla sessione plenaria di Vladivostok.

Zakharova ha parlato di una "fantastica pazienza strategica". Questo vale per l'intera politica del "perno verso l'Asia" e per il potenziamento dello sviluppo dell'Estremo Oriente, avviata nel 2012 e che ora implica una completa svolta dell'economia russa verso la geoeconomia dell'Asia-Pacifico. Ma allo stesso tempo, questo vale anche per l'integrazione della Repubblica Democratica Popolare di Corea nel treno geoeconomico eurasiatico ad alta velocità.

Zakharova ha sottolineato come la Russia "non ha mai sostenuto l'isolamento", ma ha sempre "sostenuto il partenariato" – cosa che il Forum ha mostrato graficamente a decine di delegazioni del Sud Globale. E ora, nelle condizioni di una "lotta sporca, illegale e senza regole", un serio stand-off, la posizione russa rimane facilmente riconoscibile per la Maggioranza Globale: "Non accettare la dittatura".

Andrey Denisov, ambasciatore straordinario e plenipotenziario, ha ricordato che l'analista politico Sergey Karaganov è uno dei principali promotori del concetto di Grande Eurasia. Più che di "multipolarità", ha sostenuto Denisov, si sta costruendo una "policentricità": una serie di cerchi concentrici che coinvolgono numerosi partner di dialogo.

L'ex ministro degli Esteri austriaco Karin Kneissl dirige ora un nuovo think tank a San Pietroburgo, il G.O.R.K.I. Come europea che ha finito per essere ostracizzata dai suoi stessi coetanei a causa della palese tossicità della Cancel Culture, ha sottolineato come la libertà e lo Stato di diritto siano scomparsi in Europa.

La Kneissl ha fatto riferimento alla battaglia di Azio come passaggio chiave del potere dal Mediterraneo orientale a quello occidentale: "È lì che è iniziato il dominio dell'Occidente", con tutta la mitologia costruita intorno all'Impero romano che ossessiona l'anglosfera ancora oggi.

Con la demenza delle sanzioni e l'irrazionale russofobia installata alla guida dell'UE e della Commissione europea, ha sottolineato Kneissl, la nozione che "i trattati devono essere preservati" è scomparsa mentre "lo Stato di diritto è stato distrutto". Questo è il peggio che poteva capitare all'Europa."

Alexander Dugin, online, ha invitato a comprendere "la profondità del dominio occidentale", espresso attraverso l'iperliberismo. E ha proposto una svolta fondamentale: il modus operandi occidentale dovrebbe diventare oggetto di ricerca, in una sorta di tentativo gramsciano di definire ciò che contraddistingue l'ideologia occidentale, e agire così verso una "decolonizzazione profonda".

In un certo senso è quello che stanno tentando gli attuali attori dell'Africa occidentale – Mali, Burkina Faso, Niger. Ciò pone la questione di chi sia il vero Sovrano in un nuovo mondo. L'Occidente, sostiene Dugin, è un Sovrano Totale; la Russia, in quanto potenza nucleare e prima potenza militare definita come minaccia esistenziale dall'Egemone, è anch'essa un Sovrano.

Poi ci sono la Cina, l'India, l'Iran, la Turchia. Si tratta di poli chiave in un dialogo di civiltà; in realtà, ciò che è stato proposto dall'ex presidente iraniano Khatami alla fine degli anni '90, e poi respinto dall'Egemone.

Dugin ha osservato come la Cina "si sia allontanata, costruendo uno Stato di civiltà". Russia, Iran e India non sono lontani. Questi saranno gli attori essenziali che guideranno il mondo verso la policentricità.

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Educazione sentimentale, Lilli Gruber e i "paesi civili" di Paolo Desogus Educazione sentimentale, Lilli Gruber e i "paesi civili"

Educazione sentimentale, Lilli Gruber e i "paesi civili"

7 ottobre, Haaretz e il "fact checking italiano" di Francesco Santoianni 7 ottobre, Haaretz e il "fact checking italiano"

7 ottobre, Haaretz e il "fact checking italiano"

Gaza. Le parole da "giardiniere" di Borrell sugli aiuti umanitari di Marinella Mondaini Gaza. Le parole da "giardiniere" di Borrell sugli aiuti umanitari

Gaza. Le parole da "giardiniere" di Borrell sugli aiuti umanitari

NOI a Cuba il 2 dicembre per le celebrazioni di Gino Donè Paro di Emanuele Dessì NOI a Cuba il 2 dicembre per le celebrazioni di Gino Donè Paro

NOI a Cuba il 2 dicembre per le celebrazioni di Gino Donè Paro

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Sul femminicidio di Marco De Angelis Sul femminicidio

Sul femminicidio

Al principio era la crisi economica.... di Antonio Di Siena Al principio era la crisi economica....

Al principio era la crisi economica....

Vertice Meloni-Scholz: Berlino presenta le nuove regole di Gilberto Trombetta Vertice Meloni-Scholz: Berlino presenta le nuove regole

Vertice Meloni-Scholz: Berlino presenta le nuove regole

NAPOLI - DAKAR - NAPOLI: A UN ANNO DALLA CENSURA DELL'URLO di Michelangelo Severgnini NAPOLI - DAKAR - NAPOLI: A UN ANNO DALLA CENSURA DELL'URLO

NAPOLI - DAKAR - NAPOLI: A UN ANNO DALLA CENSURA DELL'URLO

Come ribellarsi a mezzo secolo di guerra ai salari di Pasquale Cicalese Come ribellarsi a mezzo secolo di guerra ai salari

Come ribellarsi a mezzo secolo di guerra ai salari

Giacarta può essere sconfitta? di Federico Greco Giacarta può essere sconfitta?

Giacarta può essere sconfitta?

Dalla caccia, all'asta del Che Dalla caccia, all'asta del Che

Dalla caccia, all'asta del Che

A che ora è la terza guerra mondiale? (Seconda parte) di Giuseppe Masala A che ora è la terza guerra mondiale? (Seconda parte)

A che ora è la terza guerra mondiale? (Seconda parte)

La Francia vieta WhatsApp ai ministri di  Leo Essen La Francia vieta WhatsApp ai ministri

La Francia vieta WhatsApp ai ministri

L’Egitto e il conflitto israelo-palestinese di Paolo Arigotti L’Egitto e il conflitto israelo-palestinese

L’Egitto e il conflitto israelo-palestinese