Pepe Escobar - La "Nuova Equazione" dell'Iran

Pepe Escobar - La "Nuova Equazione" dell'Iran

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Pepe Escobar – Sputnik

 

 

Un Santo dei Santi è stato infranto in Terra Santa quando l'Iran ha inscenato una risposta del tutto misurata e meticolosamente coreografata all'attacco terroristico israeliano contro il suo consolato/residenza dell'ambasciatore a Damasco, uno de facto sventramento della Convenzione di Vienna sull'immunità diplomatica.

 

Questo punto di svolta interferirà direttamente sul modo in cui il sistema anglo-americano gestirà la conflagrazione simultanea con Russia, Cina e Iran – tre membri di spicco dei BRICS.

Il problema principale è che le escalation sono già incorporate – e sarà difficile rimuoverle. La Guerra Totale della Cancellazione contro la Russia, il genocidio a Gaza – con la sua politica esplicita magistralmente decodificata dal prof. Michael Hudson; e il disaccoppiamento/modellamento del terreno contro la Cina non svaniranno semplicemente – poiché tutti i ponti di comunicazione con la Maggioranza Globale continuano ad essere incendiati.

Tuttavia, il messaggio iraniano stabilisce effettivamente una "Nuova Equazione" – come l'ha battezzata Teheran, e prefigura molte altre sorprese in arrivo dall'Asia occidentale.

L'Iran voleva inviare – e ha inviato – un messaggio chiaro. Nuova equazione: se l'entità psicopatica biblica continuerà ad attaccare gli interessi iraniani, d'ora in poi sarà contrattaccata all'interno di Israele. Il tutto in una manciata di "secondi" – visto che il Consiglio di Sicurezza di Teheran ha già autorizzato tutte le procedure.

L'escalation sembra però inevitabile. L'ex primo ministro israeliano Ehud Barak: "Netanyahu è influenzato dai suoi partner politici [fondamentalisti] ad andare verso un'escalation per poter mantenere il potere e accelerare la venuta del Messia."

Paragoniamolo al presidente iraniano Raisi: "Il più piccolo atto contro gli interessi di Teheran sarà accolto con una risposta massiccia, estesa e dolorosa contro tutte le sue operazioni."

 

Addio al vostro labirinto di difesa "invincibile"

Per Teheran, regolare l'intensità dello scontro in Asia occidentale tra Israele e l'Asse della Resistenza, stabilendo al contempo una deterrenza strategica che sostituisca la "pazienza strategica", significa lanciare una triplice ondata: uno sciame di droni che apre la strada a missili da crociera e missili balistici.

Le prestazioni dei tanto decantati Iron Dome, Arrow-3 e David's Sling – aiutati dai caccia F-35 e dalle forze navali di Stati Uniti e Regno Unito – non sono state esattamente stellari. Non c'è nessun video del sistema "outer-layer" ["strato esterno"] Arrow-3 che abbatte qualcosa nello spazio.

Almeno 9 missili balistici sono penetrati nella fitta rete di difesa israeliana sono penetrati nella fitta rete di difesa israeliana e hanno colpito le basi di Nevatim e Ramon. Israele resta assolutamente muto sulla sorte della sua installazione di intelligence sulle alture del Golan, colpita da missili da crociera.

Nella classica nebbia di guerra, è irrilevante se Tehran abbia lanciato centinaia o decine di droni e missili. A prescindere dal clamore mediatico del NATOstan, ciò che è stato dimostrato senza ombra di dubbio è che il presunto "invincibile" labirinto difensivo israeliano – che va dai sistemi AD/ABM di fabbricazione statunitense alle imitazioni israeliane – è impotente in una guerra reale contro un avversario tecnologicamente avanzato.

Ciò che è stato realizzato con una singola operazione ha fatto sollevare non poche sopracciglia professionali. L'Iran ha costretto Israele a svuotare furiosamente le sue scorte di intercettori e a spendere almeno 1,35 miliardi di dollari – mentre la sua strategia di dominio e deterrenza escalatoria è stata completamente demolita.

Il colpo psicologico è stato ancora più incisivo.

Cosa sarebbe successo se l'Iran avesse scatenato una serie di attacchi senza un generoso avvertimento precedente, della durata di diversi giorni? E se Stati Uniti, Regno Unito, Francia e – traditrice – Giordania non fossero stati pronti a una difesa coordinata? (Il fatto – sbalorditivo – che stessero tutti dispensando direttamente potenza di fuoco per conto di Tel Aviv non è stato minimamente analizzato). E se l'Iran avesse colpito seri obiettivi industriali e infrastrutturali?

 

Stabilire un'equazione senza disturbare un perno

Prevedibilmente, in tutta la NATOstan il dibattito sull'improvviso crollo del mito della Fortezza d'Israele  – che è alla base del mito più ampio del sionismo che offre una sicurezza inespugnabile a chi vive in Israele – è stato meno che nullo. Non più. Questa narrazione è in perdita.

L'Iran, da parte sua, non può curarsi di ciò che la NATOstan racconta. Il passaggio alla Nuova Equazione, infatti, è stato abbastanza generoso da offrire a Tel Aviv una via di fuga per la de-escalation – che non verrà percorsa, a rischio e pericolo di Israele.

Per Tel Aviv, tutto ciò che è accaduto finora è una bella e propria Sconfitta Strategica a tutto campo: a Gaza, in Libano, con l'economia in crisi, con la totale perdita di legittimità nel mondo e ora con l'ulteriore dolorosa perdita della deterrenza.

Tutti gli occhi sono ora puntati su ciò che potrebbe accadere in seguito: sarà finalmente chiaro se l'Egemone prevarrà o se Israele gestirà lo spettacolo de "la coda che faccia muovere il cane"?

È essenziale considerare la visione del partenariato strategico Russia-Cina. Gli studiosi cinesi sono concordi nell'affermare che l'Egemone preferisce non impegnare troppe risorse in Asia occidentale, poiché ciò influirebbe sul Progetto Ucraina – già al collasso – e sulla pianificazione strategica per contrastare la Cina nell'Asia-Pacifico.

Per quanto riguarda la Russia, il Presidente Raisi ha chiamato personalmente il Presidente Putin e hanno discusso tutti i dettagli rilevanti al telefono. Disinvolto, calmo e composto.

Inoltre, nel corso della settimana il viceministro degli Esteri iraniano Ali Bagheri Kani – che ha dichiarato che l'Iran risponderà "in pochi secondi" a qualsiasi nuovo attacco israeliano – si recherà a Mosca per la Conferenza sulla non proliferazione e incontrerà anche i vertici del Ministero degli Esteri russo.

È piuttosto notevole che l'Iran sia riuscito a stabilire la Nuova Equazione senza disturbare il proprio perno verso l'Eurasia – dopo il fallimento dell'accordo nucleare del 2015 – proteggendo al contempo il complesso quadro impegnato nella difesa della Palestina.

Le opzioni dell'Egemone sono pessime. Vanno dall'espulsione dall'Asia occidentale e dal Golfo Persico a uno scontro esistenziale senza via d'uscita contro tre Stati-civiltà – Russia, Cina e Iran.

Ciò che rimane come scenario fattibile numero uno è una ritirata accuratamente calcolata verso un cortile facilmente controllabile: L'America Latina, in particolare il Sudamerica, manipolando la nuova e conveniente risorsa Argentina, priva di sovranità.

E naturalmente mantenere il controllo su un'Europa deindustrializzata e priva di sovranità.

Ciò non cambia il fatto che la proiezione di potenza degli Stati Uniti è in declino, a livello globale. La psico-demenza neocon straussiana è insostenibile. La questione è se possono essere progressivamente epurati dalla struttura di potere degli Stati Uniti prima che tentino di far precipitare la Maggioranza Globale nelle loro profondità irrazionali di sventura.

 

Senza dimenticare la Nuova Equazione BRICS

Invece… sul fronte della Maggioranza Globale, oltre 40 nazioni vogliono entrare a far parte dei BRICS – e sono in aumento, secondo il capo del Comitato del Consiglio russo per gli Affari Internazionali, Grigory Karasin.

Dopo una riunione dei presidenti delle commissioni per gli affari internazionali dei parlamenti dei BRICS, tenutasi la scorsa settimana a Mosca, Karasin ha sottolineato come molti Paesi membri dei BRICS abbiano capito che non dovrebbero affrettarsi a creare una carta rigida, "visto come l'Unione Europea si sta comportando in modo controproducente e persino provocatorio". Il nome del gioco è flessibilità.

Alastair Crooke ha toccato un tema chiave che attraversa il mio nuovo libro, Eurasia contro NATOstan: "Tutto ciò che di buono e vero c'era nella civiltà occidentale è conservato e prospera in Russia. Questa è l'intuizione non detta che fa tanto infuriare le élite occidentali. Ed è anche il motivo per cui, in parte, gli Stati BRICS guardano così evidentemente alla Russia per la leadership."

La Nuova Equazione stabilita dall'Iran, membro sovrano dei BRICS, farà miracoli per solidificare questo stato di cooperazione – multilaterale e multiculturale – mentre l'Impero e la sua "portaerei" in Asia Occidentale, tranne che per le operazioni segrete, sono sempre più ridotti al ruolo di una tigre di carta.

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti