Parlate di salari, non (solo) di prezzi!

Parlate di salari, non (solo) di prezzi!

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Negli ultimi giorni, come capita spesso d’estate nell’epoca dei social e delle polemiche sterili, la stampa è tornata a parlare degli “scontrini pazzi”.
 
Così le persone hanno avuto un’altra dose di polarizzazione finalizzata proprio a innescare l’ennesima polemica sterile che serve a tenere fuori dal discorso il nocciolo del problema attraverso i sempre più frequenti conflitti orizzontali (o sezionali che dir si voglia).

E sì perché, vedete, il problema non è quanto si spende per una vacanza in una località piuttosto che in un’altra.

Il problema è perché sempre meno italiani possono permettersi una vacanza. O sono costretti a indebitarsi per farla.

Insomma il problema sono i salari, non i prezzi in sé (salvo ovviamente qualche eccezione che però c’è sempre stata ed è aneddotica).

Parlare di prezzi e non di salari vuol dire fissare il dito mentre qualcuno indica la luna.

Quella che vedete nel grafico sottostante è l’evoluzione (involuzione sarebbe più corretto) dei salari reali italiani divisi per decili di reddito tra il 1991 e il 2020¹.


I salari reali sono i salari al netto del costo della vita, cioè dell’inflazione.

I decili di reddito rappresentano le varie fasce di distribuzione del reddito: il primo decile è il 10% della popolazione col reddito più basso mentre il decimo decile è il 10% col reddito più alto.

Tutte le fasce di reddito, tranne il 10% più ricco, hanno visto calare i salari. Anche di oltre il 30%. E mancano i dati del 2021 e del 2022 che sicuramente hanno visto la situazione aggravarsi ulteriormente (capita quando hai l’inflazione alta ma hai abolito la scala mobile…).

Com’è stato possibile?

È stato possibile con 30 anni di riforme regressive del mercato del lavoro al grido di “ce lo chiede l’Europa!”. Il nostro mercato del lavoro era troppo rigido.

Che nella neolingua imperante vuol dire che i lavoratori erano troppo tutelati.

Riforme che hanno ovviamente fatto aumentare clamorosamente la precarietà (raddoppiata negli ultimi 30 anni).

È stato possibile perché per entrare nella UE ci sono state chieste privatizzazioni (cioè la svendita dell’IRI), liberalizzazioni (negli ultimi 2 anni abbiamo tutti apprezzato i vantaggi della liberalizzazione del mercato dei prezzi energetici) e taglio della spesa pubblica (l’Italia dal 1992 a oggi ha fatto 27 anni di avanzi primari, per un totale di quasi 1.000 miliardi di euro di tagli alla spesa pubblica).

È stato possibile perché con l’adozione dell’euro, non potendo svalutare la moneta per assorbire gli shock esterni, siamo costretti a svalutare i salari.

È stato possibile con la lenta e progressiva disarticolazione dei corpi intermedi, cioè dei sindacati e dei partiti popolari di massa.

È stato possibile perché negli ultimi 40 anni, ma ancora di più dopo Tangentopoli (un colpo di Stato bianco), abbiamo avuto una classe politica di venduti e di pavidi servi che hanno tutelato solo gli interessi del grande capitale, soprattutto straniero.

Gilberto Trombetta

Gilberto Trombetta

43 anni, giornalista politico economico e candidato Sindaco di Roma con la lista Riconquistare l'Italia del Fronte Sovranista Italiano

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti