Paolo Maddalena: "Siamo ad un passo dal baratro. Governo Meloni appiattito sulle decisioni dell'UE"

Paolo Maddalena: "Siamo ad un passo dal baratro. Governo Meloni appiattito sulle decisioni dell'UE"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Consiglio europeo, di ieri 28 marzo 2023, ha approvato un regolamento sull’uso dei carburanti e ha deciso che è compatibile con l’esigenza di non inquinare l’ambiente soltanto un tipo di carburante all’idrogeno denominato e-ful, prodotto soltanto dalla Germania.

Il nostro ministro dell’ambiente ha riferito che l’Italia si era battuta per far ritenere ammissibili i nostri bio-carburanti (bio-ful), proposta che tuttavia era stata respinta.

Si deve osservare che, da un lato l’Italia ha tentato di far passare l’uso di un tipo di carburante non compatibile con la tutela ambientale (proposta miserevole), e che dall’altro il Consiglio europeo, nel riconoscere che soltanto la Germania è in grado di produrre motoveicoli alimentati con il carburante all’idrogeno (e-ful), ha implicitamente riconosciuto a quest’ultima una situazione dominante in questo settore, agendo in contrasto con l’articolo 102 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea (TFUE), che qualifica incompatibile una situazione di questo genere.

Sicché, a partire dal 2035, in contrasto con le norme del Trattato di Lisbona, la Germania potrebbe diventare monopolista nelle costruzioni di motoveicoli. 

L’Italia, anziché insistere sull’uso del proprio inadatto carburante prodotto dall’Eni, si sarebbe dovuta spendere nel chiedere l’applicazione degli articoli da 174 a 178 del Trattato di Lisbona, che impongono all’Unione europea di evitare divari economici tra i vari Stati membri in modo da assicurare una base comune nella concorrenza tra gli stessi.

Ritengo di dover comunque osservare che l’aver fondato i rapporti degli Stati membri dell’Unione europea sulla concorrenza e non sulla cooperazione economica e sociale, della quale pure parla il Trattato di Maastricht, è stato un gravissimo errore, poiché è molto difficile mantenere la concorrenza entro i limiti di una sostanziale uniformità economica, considerato che essa ha come fine il predominio dei più forti e dei più abili sui meno forti e meno abili.

A mio avviso questa scelta è stata estremamente dannosa perché ha incentrato l’Unione europea sulla contrapposizione dei Paesi membri e non sulla cooperazione per il bene comune.

Del resto, come ho sempre detto, i nostri governanti degli ultimi 30 anni hanno fatto di tutto, svendendo tra l’altro il nostro potente complesso industriale, per impoverire l’Italia, impedirle la produzione di beni e servizi concorrenziali e soprattutto un coordinamento tra attività pubblica e privata, essendo tutto stato trasferito nelle mani dei privati, quasi sempre multinazionali straniere.

Oggi siamo nel baratro e non producendo nulla viviamo soltanto di debiti e l’unico obiettivo che tentiamo di raggiungere è quello di ottenere i prestiti ulteriori del PNRR.

L’attuale governo risulta appiattito sulle decisioni dell’Europa ed è incapace di far valere a nostro favore, non solo la nostra intoccabile Costituzione repubblicana, ma anche le stesse norme dei Trattati europei che ci potrebbero giovare.

Questa corsa alla diseguaglianza economica si verifica anche all’interno del nostro Paese, ne è prova il fatto che il contributo di 1,1 miliardi per la sanità è stato destinato dal Consiglio dei Ministri di ieri, soltanto a regioni e province autonome, mentre il nuovo codice degli appalti, approvato nella stessa seduta di ieri, dà via libera alla speculazione prevedendo la possibilità di ben 7 subappalti, cioè l’affidamento dell’esecuzione dei lavori da parte del vincitore della gara a persone di sua fiducia. Mentre si avvicina sempre più lo spettro dell’approvazione delle autonomie differenziate che ridurranno in una completa disarmonia economica i rapporti tra le varie regioni d’Italia (come non avviene in nessuno degli Stati federali).

In tutto questo quello che più fa male è il completo disinteresse da parte del governo per i principi fondamentali della nostra Costituzione repubblicana e democratica.

Paolo Maddalena

Paolo Maddalena

Giurista e magistrato, è vicepresidente emerito della Corte costituzionale e autore di importanti studi e sentenze sulla tutela dell'ambiente

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti