Manganellate agli studenti che protestano contro l'Alternanza Scuola-Lavoro. Le immagini shock da Torino

Manganellate agli studenti che protestano contro l'Alternanza Scuola-Lavoro. Le immagini shock da Torino

Foto Torino Today

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

È stato sempre così, non poteva essere diversamente nell'epoca del governo guidato da Mario Draghi, un esecutivo fra i più filo-padronali dell'Italia repubblicana.

Questa mattina a Torino, come in altre città italiane, sono in corso manifestazioni contro l'Alternanza Scuola-Lavoro.

Le proteste sono state organizzate dopo la morte, a Udine, di Lorenzo Parelli, 18 anni, colpito da una trave durante l'ultimo giorno di questo abominio dell'Alternanza Scuola-Lavoro, un metodo per educare al precariato le giovani generazioni, svilire il ruolo della Scuola perché non funzionale al sistema economico liberista, e dare al padronato manodopera gratis.

 

Nel capoluogo piemontese, gli studenti avevano organizzato un presidio e volevano fare un corteo, ma la Polizia glielo ha impedito per le normative anti-covid( ricordiamolo non hanno nulla di sanitario) e la susseguente zona arancione che non permette cortei.

Tanto è bastato per dare il pretesto alla Polizia di effettuare "cariche di alleggerimento" così le chiamano nel mainstream. Alla fine diversi studenti sono rimasti feriti.

Così anche questa volta il dissenso è stato represso.

Nonostante la repressione, oggi in decine di piazze italiane molti giovani si mobiliteranno con la possibilità di far crescere un movimento di rivendicazione a partire dall'abolizione dell'alternanza Scuola-Lavoro.

Ogni circostanza deve essere colta per riorganizzare il conflitto, la lotta di classe nei prossimi mesi, partendo dalla morte di Lorenzo, affinché nessuno, che abbia 18 o 65 anni debba ancora morire per negligenze padronali sul lavoro.

Francesco Guadagni

Francesco Guadagni

 

Nato nell'anno di grazia 1979. Capolavoro e mancato. Metà osco, metà vesuviano. Marxista fumolentista. S.S.C.Napoli la mia malattia. Pochi pregi, tanti difetti.

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti