Maduro al vertice Celac: «Uniamo la nostra voce per la liberazione, la sovranità e l'indipendenza!»

Maduro al vertice Celac: «Uniamo la nostra voce per la liberazione, la sovranità e l'indipendenza!»

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Da Caracas, il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha portato al vertice della Comunità degli Stati dell'America Latina e dei Caraibi (Celac) in corso di svolgimento a Buenos Aires, in Argentina, la voce rivoluzionaria del Venezuela bolivariano, esortando a "unire le forze" contro l'interventismo straniero, in particolare degli Stati Uniti. 

Con le parole "Uniamo la nostra voce per la sovranità e l'indipendenza!", il presidente Maduro ha invitato i membri della Celac a chiedere la fine dell'interventismo contro i Paesi liberi del continente.

Durante il suo discorso, il capo di Stato venezuelano ha sottolineato che è imperativo parlare con "una sola voce e che l'America Latina e i Caraibi dicano agli Stati Uniti d'America basta con i golpe, basta con le sanzioni contro Paesi liberi e sovrani".

Sottolineando che "ci sono molti compiti nel campo della politica", legati alla difesa dell'America Latina e dei Caraibi come territorio indipendente, il presidente bolivariano ha ribadito la necessità di "unire le forze e gli sforzi per respingere ogni tipo di interventismo da parte di forze o potenze esterne alla nostra regione".

Maduro ha quindi spiegato che le espressioni dell'interventismo statunitense in America Latina e nei Caraibi includono manovre per destabilizzare la società, nonché tentativi di fomentare colpi di Stato e assalti al potere.

"Il massimo dell'interventismo è minacciare i Paesi con un intervento militare, il massimo dell'interventismo come hanno fatto con il Venezuela, come hanno fatto con Cuba per 60 anni e con il Nicaragua, imporre misure coercitive unilaterali, illegali e immorali, imporre sanzioni criminali come hanno imposto al popolo venezuelano nel tentativo di portarci al collasso, all'implosione della società”.

Riferendosi alla situazione in Venezuela, Maduro ha affermato che, a causa delle oltre 920 sanzioni illegali imposte all'economia, la nazione sudamericana ha perso il 99% delle sue entrate petrolifere, scendendo da 56 miliardi di dollari di entrate dirette a 700 milioni di dollari.

Tuttavia, ha sottolineato che il Venezuela "ha trovato la sua strada, il suo percorso di crescita, sviluppo e inclusione", i cui risultati cominciano a farsi sentire nella ripresa globale dell'economia.

Poi ha lanciato una proposta a nome del Venezuela. Maduro ha proposto la creazione del Segretariato generale della Comunità degli Stati dell'America Latina e dei Caraibi (Celac).

La proposta, che mira a consolidare "un'architettura organizzativa propria" come quella che funziona nell'Unione Europea (UE) e nell'Unione Africana (UA), si basa sulla necessità di avere "un organismo che articoli tutte le iniziative dei nostri Paesi giorno per giorno, 365 giorni all'anno".

Nel ribadire che "la nostra organizzazione dovrebbe discutere e decidere a tempo debito la creazione di un potente Segretariato Generale", il leader nazionale ha sottolineato che l'organismo dovrebbe svolgere con dignità il suo ruolo di organo di coordinamento a favore dello sviluppo integrale della Celac.

"Un potente Segretariato Generale della Comunità degli Stati dell'America Latina e dei Caraibi, un organismo che veramente soddisferà con dignità la necessità di coordinarci sempre di più", ha aggiunto ribadendo la proposta presentata in colloqui privati con il suo omologo argentino, Alberto Fernández.

A nome del Venezuela, il capo di Stato venezuelano ha sottolineato che è necessario riprendere la dinamica "che ha portato posizioni, politiche pubbliche comuni e apprendimento comune" alla Celac, motivo per cui ha sostenuto la riattivazione dei Consigli dei ministri.

"Il Consiglio dei ministri della Difesa per una strategia di difesa comune, una strategia geopolitica; il Consiglio dei ministri della Salute, il Consiglio dei ministri dell'Istruzione, della Cultura e dell'Economia", ha sottolineato.

A questo proposito, ha sottolineato che durante la prima fase della Celec, i Consigli dei Ministri hanno rappresentato "una grande forza e una presenza reale nella vita dei nostri governi, dei nostri Stati e dei nostri Paesi".

Attraverso un messaggio audiovisivo, il Presidente Nicolás Maduro ha auspicato tempi migliori per la CELAC con "un nuovo ritmo di maggiore profondità, di maggiore profondità nell'articolazione di popoli, Stati e governi".

"Siate certi che il Venezuela, il Venezuela bolivariano, la nostra amata Repubblica, sarà sempre in prima linea in questi processi”. 

D'altra parte, Nicolas Maduro ha sottolineato che "è giunto il momento che la Celac cominci a costruirsi dall'interno" con una chiara visione "di quello che dovrebbe essere il futuro dei nostri Paesi e della necessità di gettare solide basi per la costruzione dell'unione".

quindi ha indicato che proprio l'unità tra i paesi della Celac sarà la chiave per il consolidamento di un nuovo modello di società "in questa America Latina ribelle, caraibica, meticcia e bellissima”.

"Unità per la liberazione, questo è l'appello che dal Venezuela bolivariano rivolgiamo ai nostri fratelli e sorelle dell'America Latina e dei Caraibi”. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente