L'Iran aumenta interscambio con i paesi BRICS

L'Iran aumenta interscambio con i paesi BRICS

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il commercio non petrolifero dell'Iran con il gruppo di economie emergenti noto come BRICS - composto da Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica - durante l'anno fiscale 2022-2023 ha registrato un aumento del 14% rispetto allo stesso periodo di un anno fa, hanno riferito media iraniani, citando i dati dell'Amministrazione doganale della Repubblica islamica dell'Iran (IRICA).

In effetti, il commercio con queste nazioni ha raggiunto un totale di 38,430 milioni di dollari, una cifra di cui il reddito di Teheran ha rappresentato 17,850 milioni di dollari per le esportazioni non petrolifere, che hanno raggiunto 38,73 milioni di tonnellate.

Tra gli Stati membri BRICS, il gigante asiatico è stato il principale partner commerciale della Repubblica Islamica, con scambi bilaterali valutati 30,32 miliardi di dollari (con un incremento del 37,41%); L'India è al secondo posto con un aumento di quasi il 47%, per un valore di 4,99 miliardi di dollari; Segue la Russia con 2,32 miliardi di dollari (3,59% in più) per il commercio bilaterale.

Inoltre, il Sudafrica è stato il principale partner commerciale del Paese persiano nel continente africano, con uno scambio di merci e prodotti pari a 322 milioni di dollari (+23,52%).

Nel 2018, l'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump (2017-2021) decise di abbandonare unilateralmente l'accordo sul nucleare, ripristinando tutte le sanzioni contro l'Iran che l'accordo aveva revocato e introducendo la sua caratteristica politica di "massima pressione" contro Teheran.

Tuttavia, nonostante il peso delle severe sanzioni, la Repubblica islamica rimane tuttora determinata a dare impulso alla propria crescita economica. Di fronte a una situazione del genere, diverse autorità del Paese nordamericano hanno già ammesso che la campagna di pressione contro l'Iran è stata una grande sconfitta e ha portato all'opposto di quanto promesso.

 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti