Libia: visita ufficiale a Tripoli del presidente tunisino Saied

Libia: visita ufficiale a Tripoli del presidente tunisino Saied

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il giorno seguente al passaggio di consegne c’è il primo incontro ufficiale per il governo ad interim della Libia guidato da Abdul Hamid Dbeibah, che ha il compito di traghettare il paese verso le elezioni previste a dicembre. 

Il nuovo primo ministro libico ha ricevuto a Tripoli il presidente tunisino Kais Saied, che così diventa il primo capo di Stato straniero a visitare il paese dilaniato dalla guerra. 

Il presidente Kais Saied è atterrato all'aeroporto internazionale Mitiga della capitale Tripoli ed è stato ricevuto da Mohammad Younes Menfi, capo del Consiglio presidenziale libico, come riferisce il quotidiano Daily Sabah. 

"Lavoreremo insieme per ripristinare le normali relazioni a tutti i livelli", ha detto Menfi in una breve conferenza stampa con Saied. L'ufficio di Saied ha reso noto che i colloqui si sono concentrati sull'economia e il commercio tra le due nazioni, insieme al sostegno della Tunisia per un percorso democratico in Libia. "È ora di superare tutte le cause di alienazione", ha affermato Saied. 

La Tunisia è stata un importante partner economico della Libia prima che le rivolte travolgessero i due paesi 10 anni fa. Il commercio tra i due paesi è sceso a meno di 363 milioni di dollari da oltre 1,2 miliardi di dollari nel 2010, secondo l'agenzia di stampa statale tunisina.

Saied ha detto che gli uomini hanno anche discusso il caso di due giornalisti tunisini - Sofiene Chourabi e Nadhir Ktari - scomparsi nella Libia orientale nel 2014.

Il gruppo terroristico Daesh, che all'epoca era attivo nella Libia orientale, aveva detto che i due giornalisti erano stati uccisi. Ma i funzionari tunisini hanno confutato l'affermazione.

La visita, la prima per un leader tunisino dal 2012, è avvenuta il giorno dopo che il governo ad interim della Libia ha preso il potere a Tripoli, iniziando ufficialmente un mandato destinato a concludersi con elezioni democratiche alla fine di quest'anno.

A novembre, la Tunisia ha ospitato i colloqui del forum politico libico scelto dalle Nazioni Unite, che alla fine ha prodotto una tabella di marcia con il governo ad interim a guidare la Libia verso le elezioni presidenziali e parlamentari del 24 dicembre.

Il governo ad interim comprende un consiglio presidenziale di tre membri guidato da Menfi e un gabinetto guidato da Dbeibah. La Libia è precipitata nel caos quando una rivolta sostenuta dalla NATO nel 2011 ha rovesciato il colonnello Gheddafi, che poi è stato ucciso. 

 

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli