Libia: accordo in Marocco sulle elezioni

Libia: accordo in Marocco sulle elezioni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

I rappresentanti del Parlamento libico e del Consiglio di Stato hanno raggiunto un accordo sulla necessità di risolvere le divergenze in sospeso sulle elezioni che si terranno in Libia il 24 dicembre.

 

Al termine della riunione consultiva tenutasi a Rabat il primo ottobre, i membri delle due delegazioni hanno invitato la Comunità internazionale a sostenere il processo elettorale in Libia secondo le leggi concordate e sulla base degli esiti del Forum di dialogo politico libico.

In un comunicato, a seguito della conclusione del round di dialogo, che mirava a raggiungere una formula di compromesso per il completamento delle elezioni libiche previste per il 24 dicembre, fa sapere che si assicura il rispetto dei risultati delle elezioni attraverso osservatori internazionali, per garantire il buon andamento di questo importante titolo nazionale.

Il comunicato è stato letto alla stampa da El Hadi Sghire, Deputato del Parlamento libico, alla presenza di Omar Bouchah, membro del Consiglio di Stato.

La missione UNSMIL e l’inviato USA Norland hanno apprezzato questo comunicato stampa e hanno ringraziato il Regno del Marocco per gli encomiabili sforzi compiuti per sostenere il processo elettorale a sostegno della tabella di marcia delle Nazioni Unite.

I rappresentanti del Parlamento libico e del Consiglio di Stato hanno ripreso le discussioni a Rabat, il 30 settembre, secondo giorno della riunione consultiva sulla legge elettorale in Libia, ospitata dal Marocco e sostenuta dagli Stati Uniti insieme al Missione delle Nazioni Unite.

Durante questo incontro, a porte chiuse, le due delegazioni hanno discusso i punti controversi relativi all’organizzazione delle elezioni presidenziali e legislative entro la fine di quest’anno, secondo la road map concordata in Tunisia.

Il Marocco ha ospitato cicli di negoziati tra la Camera dei Rappresentanti di Tobruk e il Consiglio Supremo di Stato di Tripoli, che si sono conclusi con un accordo su un meccanismo per le nomine nelle sette posizioni sovrane previste dall’articolo 15 dell’Accordo politico libico firmato a Skhirat nel 2015.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo di Francesco Santoianni Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...