Lawfare in Argentina: 6 anni di carcere e interdizione a vita per Cristina Fernandez

Lawfare in Argentina: 6 anni di carcere e interdizione a vita per Cristina Fernandez

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Continua la stagione del lawfare contro i leader progressisti in America Latina. La vicepresidente dell’Argentina Cristina Kirchner è stata condannata a sei anni di carcere dal Tribunal Oral Federal Nº2 (TOF 2) composto dai giudici Andrés Basso, il presidente Jorge Gorini e Rodrigo Giménez Uriburu nel caso Vialidad, per i reati di amministrazione fraudolenta con danno alla pubblica amministrazione. Inoltre, il verdetto ha stabilito che alla vicepresidente sarà vietato ricoprire cariche pubbliche a vita.

La sentenza contro Cristina Kirchner è inferiore alla richiesta del procuratore Diego Luciani, che lo scorso agosto aveva chiesto 12 anni di carcere, accusandola dei reati di associazione illecita aggravata - in qualità di capo - e amministrazione fraudolenta. La tesi di Luciani è stata demolita dall'avvocato Carlos Beraldi, incaricato della difesa della vicepresidente. E la sentenza del TOF 2 non ha incluso l’accusa di associazione illecita. 

Durante i tre anni di processo è stato dimostrato non solo che le strade appaltate alla società di Lázaro Báez sono state costruite e di buona qualità, ma anche che non sono stati pagati soldi per lavori non eseguiti, secondo un audit convocato dal governo di Mauricio Macri e da una società di consulenza privata. Un altro elemento fattuale è che le opere sono state votate nei bilanci approvati dal Congresso, con i voti sia del partito al potere che dell'opposizione. 

Secondo Página/12, nel corso di tre anni, non ci sono stati testimoni o prove che dimostrino l'esistenza di un'istruzione per favorire Báez. Un'aggravante che aggiunge scandalo legale è che il procuratore Luciani ha aggiunto presunte prove e documenti fuori tempo, durante il periodo delle memorie, e non durante il periodo di presentazione delle prove.

Il caso ‘Vialidad’

 L'ex presidente è stata protagonista di quella che è stata soprannominata la "Causa Vialidad", in quanto ha avuto origine da un audit condotto dalla Direzione Nazionale delle Strade nel 2016, già sotto il governo del suo successore, Mauricio Macri, e che ha indagato su 51 contratti di lavori pubblici ottenuti dall'imprenditore Lázaro Báez nella provincia di Santa Cruz, situata nell'estremo sud del Paese e che è stata il feudo politico della famiglia Kirchner.

Néstor Kirchner ha governato la provincia dal 1991 al 2003, quando è diventato presidente. Da allora, Báez, uno dei suoi amici più cari, iniziò a ottenere l’assegnazione della realizzazione di opere stradali. In totale, ha ottenuto il 78,5% dei contratti per lavori stradali. Pur essendo stato pagato, ne ha lasciati incompiuti più della metà. Oggi è condannato in altri casi di corruzione.

Il processo è iniziato nel maggio 2019 con un totale di 13 imputati che rischiano pene che vanno dai due ai 12 anni di carcere.

Oltre a Fernández de Kirchner, sono stati processati anche l'uomo d'affari Lázaro Báez, l'ex ministro della Pianificazione Julio De Vido, l'ex segretario ai Lavori pubblici José López e l'ex direttore delle strade nazionali Néstor Periotti, accusati di far parte dell'"associazione illecita".

A loro si sono aggiunti, con accuse minori, l'ex sottosegretario ai Lavori Pubblici Abel Claudio Fatala, gli ex responsabili dell'Ente Nazionale per le Strade Raúl Osvaldo Daruich e Mauricio Collareda, gli ex direttori generali dell'Amministrazione Generale delle Strade Provinciali di Santa Cruz Juan Carlos Villafañe, Raúl Gilberto Pavesi, José Raúl Santibáñez e Héctor René Jesús Garro, e l'ex segretario del Coordinamento dei Lavori Pubblici Federali Carlos Santiago Kirchner.

Polemiche

Mentre i partiti di opposizione e i media ritenevano che le accuse fossero provate e festeggiavano in anticipo la condanna, i suoi sostenitori l'hanno scagionata e hanno affermato che il processo era in realtà solo una vendetta.

Le polemiche sono state costanti negli ultimi tre anni e mezzo e si sono intensificate negli ultimi mesi.

Il 1° agosto, il procuratore Diego Luciani ha raggiunto la notorietà con un'arringa dura e istrionica in cui ha accusato l'ex presidente e il suo defunto marito e predecessore, Néstor Kirchner, di aver creato "una delle più straordinarie matrici di corruzione che purtroppo e tristemente si sono sviluppate nel Paese".

Nei giorni successivi sono emerse foto che mostrano Luciani e Rodrigo Giménez de Uriburu, uno dei giudici del tribunale che sta processando Fernández de Kirchner, mentre giocano insieme a calcio nei campi della casa di campagna dell'ex presidente Mauricio Macri. "La magistratura fa schifo", il commento della vicepresidente. 

Sono seguite marce e manifestazioni a favore della Fernández de Kirchner, altre tensioni sociali, finché il 1° settembre il processo è stato completamente sommerso dal clamore generato dall'aggressione alla vicepresidente, che ha attribuito la colpa alla campagna d'odio generata dai suoi oppositori.

La tensione politica che ha sempre circondato il processo è aumentata ancora di più lo scorso fine settimana, dopo che sono trapelate delle chat tra giudici, funzionari e uomini d'affari dei media in cui avrebbero manipolato le prove di un lussuoso viaggio fatto insieme in Patagonia, con tutte le spese pagate dal Grupo Clarín (il più importante gruppo mediatico del Paese e il più grande nemico del kirchnerismo).

Uno dei beneficiari è il giudice Julián Ercolini, che è stato l'investigatore nel caso contro Fernández de Kirchner, cioè colui che ha raccolto le presunte prove e le ha ritenute sufficienti per l'indagine per arrivare a un processo orale e pubblico.

 

Leggi anche - Argentina: le 20 menzogne sul caso 'Vialidad' denunciate da Cristina Kirchner

 

Cosa succede adesso

Al di là della condanna, non c'è alcuna possibilità che Fernández de Kirchner vada in prigione.

In primo luogo perché, grazie alla sua posizione di vicepresidente, gode dell'immunità dai procedimenti giudiziari. Pertanto, dovrebbe prima affrontare l'impeachment per essere rimossa dalla carica a cui è stata eletta e il cui mandato scade il 10 dicembre 2023.

Inoltre, i suoi avvocati ricorreranno in appello contro un eventuale verdetto di colpevolezza, quindi la sentenza dovrà essere analizzata dalla Camera di Cassazione penale. L'ultima fase sarà decisa dalla Corte Suprema di Giustizia, ma è un processo che potrebbe richiedere diversi anni.

Un altro motivo per cui l'ex presidente non potrebbe essere detenuta immediatamente è che il prossimo febbraio compirà 70 anni e la legge concede il beneficio degli arresti domiciliari a qualsiasi condannato che abbia superato tale età.

Finché la sentenza non sarà definitiva, Fernández de Kirchner non sarà nemmeno soggetta a inablitazione. Ciò significa che, se lo desidera, potrà candidarsi a qualsiasi carica pubblica alle elezioni politiche del prossimo anno.

Ipotesi indulto

Secondo l'ex giudice della Corte Suprema Raúl Zaffaroni sarebbe da valutare l’indulto per Cristina Kirchner come "l'ultima risorsa per salvaguardare la democrazia". In un'intervista a Página/12, esperti di diritto costituzionale hanno spiegato che di fronte a un'eventuale condanna, la "grazia" del Presidente potrebbe essere un'alternativa concreta per estinguere la pena, anche se esistono altre alternative. Le scadenze, i dubbi e i precedenti.

La grazia è un potere del Presidente della Nazione stabilito nel quinto paragrafo dell'articolo 99 della Costituzione nazionale, che dettaglia i poteri del Presidente della Nazione, e che specifica che il Presidente "può perdonare o commutare le pene per i reati soggetti alla giurisdizione federale, a seguito di una relazione del tribunale corrispondente, tranne nei casi di messa in stato d'accusa da parte della Camera dei Deputati".

Cronaca di una condanna annunciata

Il giornalista argentino Raul Kollmann sul quotidiano Pagina 12 aveva scritto anticipando la sentenza: “Come previsto dal vicepresidente, il Tribunale orale, “il plotone d'esecuzione”, procederà a sparare le sue munizioni. I media-affaristi che hanno pagato l'aereo per Bariloche e l'escursione al Lago Escondido interpreteranno il ruolo di William Boo, l'arbitro imbroglione di Titans in the Ring.

A Comodoro Py alcuni dicono che la scandalosa figura dell'associazione illecita, che equipara un governo eletto dal popolo a una banda, non sarà utilizzata. Dicono che la condanna sarà per frode ai danni dello Stato. In realtà, questa è l'unica incognita. È già noto che la decisione può essere impugnata dopo che le motivazioni saranno note l'anno prossimo. E poi ci sarà un lungo processo alla Camera di Cassazione e alla Corte Suprema, con giudici altrettanto o più schierati con Juntos por el Cambio (coalizione neoliberista guidata dall’ex presidente Macri) rispetto a quelli di questo tribunale: meritano un posto nel Liverpool, la squadra che gioca a Los Abrojos.

Come è successo con Lula in Brasile o Rafael Correa in Ecuador, useranno la giustizia per la politica, per cercare di far eliminare dal tribunale quelle figure che non si disciplinano di fronte ai poteri internazionali e nazionali. Quella che sta per arrivare è una nuova battaglia. Un'altra. Niente di troppo diverso da ciò che è già stato”. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

C'era una volta il servizio sanitario nazionale di Gilberto Trombetta C'era una volta il servizio sanitario nazionale

C'era una volta il servizio sanitario nazionale

La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica di Michelangelo Severgnini La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica

La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente